US nonfarm payrolls miss the mark for the second consecutive month

Another weak jobs report shows job growth starting to stale in the world’s largest economy.

Nonfarm payrolls

US economy added 194,000 jobs in September

US jobs growth slowed two months in a row according to today’s nonfarm payrolls report.

Nonfarm payrolls rose by 194,000 in September, falling way below the Dow Jones estimate of 500,000. The latest stats from the US Labour Department create a more pessimistic picture about the US economy than first thought.

A large drop off in government employment may be behind this latest jobs miss. Government payrolls showed a 123,000 drop, although private payrolls increased by 317,000.

Despite the drop, the unemployment rate continues to edge lower. Today’s report puts it at 4.8%. The share of the labour market held by part-time workers working limited hours due to economic reasons fell to 8.5%.

There are a couple of other small positives to take away from this jobs report. For example, the Labour Force Participation Rate fell slightly to 61.6% from 61.7%. Average hourly earnings rose 4.6% on a year-by-year basis, in line with expectations.

Leisure and hospitality was once more the report’s saving grace. 74,000 new roles were created in this sector in September. Professional and business services contributed 60,000 new positions while retail added an additional 56,000.

Markets show mixed reactions to weak nonfarm payrolls print

Dow Jones futures initially stayed fairly flat when the jobs report landed. S&P 500 futures were rose 0.2%. Nasdaq 100 futures rose 0.58%. The 10-year Treasury yield was around 1.57%.

The Dollar Index dropped slightly, losing 0.15%, staying at around the 94.15 level.

Gold futures were up 1.44%, pushing the precious metal to $1,781.

Perhaps the most important reaction to gauge will the Federal Reserve. The Fed always watches jobs data with an eagle eye, but it’s taken on renewed importance with tapering talk fresh in the air.

The US’s Central Bank has indicated it is ready to start scaling back its massive financial stimulus. Markets expected first tapering to be announced in November at the earliest. Inflation has already soared past the Fed’s 2% target, so it makes sense.

But the jobs market is still a hot button topic for Fed council members. Officials have said they still see the labour sector way below full employment levels. As such, no rate hikes are expected to come this year. Market analysts say a hike is most likely to come in November 2022.

Mixed start for European equities ahead of NFP

Mixed start in Europe after another positive session on Wall Street as the US Senate approved raising the debt ceiling until December. Treasury yields are higher, with the 10yr hitting 1.6%, which may cool megacap tech’s recovery. All eyes today on the nonfarm payrolls report and what this means for the Fed and tapering. 

 

Whilst European bourses are mainly in the red the FTSE 100 is trying to break above 7,100, but as noted yesterday there is moving average congestion to clear out the way just underneath this and it’s still firmly within the range of the last 6 months. The S&P 500 was up 0.83% on Thursday and has now recovered a chunk of the Monday gap and is now just 3% or so off its all-time high. Momentum just flipping in favour of bulls (we note bullish MACD crossover for futures) – has the supply chain-stagflation worry peaked? Maybe, but rising rates could undermine the big weighted tech sector in the near-term and it is unclear whether there is enough appetite among investors to go more overweight cyclicals when the macro outlook still seems somewhat cloudy in terms of growth, policy and inflation. Next week is earnings season so we either get more bullish conference calls for the coming quarters or a bit of sandbagging re supply chain issues, inflation – for the index a lot will depend on whether the C-suite is confident or cautious about their outlooks.

 

Inflation nation: We can keep banging on about inflation, but it’s well understood now. Even the Bank of England has woken up – BoE chief economist Pill warned that inflation looks to be more persistent than originally anticipated. UK inflation expectations have hit 4% for the first time since 2008 – soaring gas and fuel bills not helping. “The rise in wholesale gas prices threatens to raise retail energy costs next year, sustaining CPI inflation rates above 4 per cent into 2022 second quarter.” said Pill. Tax hikes and labour shortages also featuring in the inflationary mix. There was a rumour doing the round yesterday that BoE’s Broadbent has “taken Nov off the table”. However, with inflation racing higher it’s clear the Bank should be acting to hike in Nov to get ahead. Markets currently pricing a first 25bps rate hike fully by Feb 2022, another 70bps by the end of that year. 

 

Nonfarm payrolls watch: US employers are expected to have added 490k jobs in September, up from 235k in August, which was a big miss on the forecast. NFPs are important and could be market moving later since the Fed has explicitly tied tapering + subsequent rates lift-off to the labour market. A weak number could just dissuade the Fed from announcing its taper in Nov, but I see this as a low-risk outcome. More likely is steady progress on jobs (ADP was strong on Wed) and the November taper announcement to follow. The persistence of inflation and rising fuel costs in particular has changed the equation for the Fed entirely. Benign inflation that we were used to is no longer to be counted on to provide cover for trying to juice the labour market. The problem is not demand side, it’s supply side. Central banks are seeing rising inflationary pressures that are proving more persistent than thought. Slowing economic growth and risks to the outlook stem from the supply side not the demand side – so pumping the demand side even further into a supply side crisis is not helping matters much. 

La settimana che ci aspetta: Il nuovo mese porta con sé il nuovo rapporto sui nonfarm payroll

Il nuovo mese porta con sé il nuovo rapporto sui nonfarm payroll. I mercati sperano che il cattivo risultato di agosto sia stato solo un caso. Anche le banche centrali australiana e neozelandese preparano dichiarazioni importanti, mentre l’OPEC+ si riunisce per i colloqui politici di ottobre.

Indipendentemente dal tapering, il rapporto sui nonfarm payroll di venerdì è ancora di grande rilevanza per gli Stati Uniti.

I mercati cercheranno di capire se c’è un’inversione nelle fortune del mercato del lavoro americano dopo che i dati di agosto sono scesi molto al di sotto delle aspettative. I nonfarm payroll sono stati pari a 275.000 unità ad agosto, mancando di parecchio le aspettative di mercato, che erano pari a 750.000 unità.

Il tasso di disoccupazione è sceso leggermente, attestandosi al 5,2%, mentre la partecipazione alla forza lavoro è rimasta invariata al 61,7%. Le paghe orarie sono cresciute dello 0,6% ad agosto, superando le previsioni del mercato di un aumento dello 0,3%.

Sappiamo che Jerome Powell e la Fed sono ben felici di avere questo tipo di notizie dal mercato del lavoro. Ma nonostante i dati di settembre, sappiamo che il tapering è in arrivo, probabilmente a novembre. Naturalmente, se il rapporto di questo venerdì sarà davvero scioccante, potrebbe verificarsi un’incrinatura dei piani di tapering della Fed, ma tutti gli indicatori suggeriscono ci troviamo sulla buona strada verso il tapering.

Tuttavia, il presidente della Fed Powell crede ancora che gli Stati Uniti siano ancora ben lontani dal tasso di occupazione che lui stesso si augura.

Durante un discorso della scorsa settimana, Powell ha affermato: “Ciò che ho detto la settimana scorsa è che avevamo quasi superato il test per il tapering. Ho chiarito che secondo me siamo ben lungi dal superare il test per la massima occupazione”.

Quando arriverà quel momento? Secondo un recente sondaggio condotto dalla National Association for Business Economics, il 67% degli economisti che hanno partecipato alla rilevazione ritiene che i livelli di lavoro raggiungeranno i livelli pre-pandemia entro la fine del 2022. Poco meno di un terzo stima che il recupero del mondo del lavoro non avverrà fino al 2023.

C’è ancora un lungo percorso da fare verso il pieno recupero. Tuttavia, abbiamo osservato più volte nel 2021 che i nonfarm payroll sono aumentati dopo che il mese precedente era stato deludente.

Il balzo da gennaio a febbraio, ad esempio, è stato da -306.000 a +233.000 unità. I nonfarm payroll sono aumentati da 269.000 a 614.000 unità tra aprile e maggio 2021. In questo caso c’è un precedente.

Più di 7,5 milioni di americani hanno anche visto un taglio dei loro sussidi alla disoccupazione del periodo pandemici. I versamenti di 300 USD sono stati sospesi dall’inizio di settembre, quando il governo ha iniziato a ridurre gli aiuti fiscali. Questo potrebbe essere un catalizzatore per favorire più assunzioni? Forse lo scopriremo nell’emissione dei nonfarm payroll di venerdì.

Fuori dagli Stati Uniti, entrambe le principali banche centrali dall’altra parte del pianeta dovrebbero rilasciare le loro più recenti dichiarazioni sui tassi questa settimana.

A partire dall’Australia, il governatore Phillip Lowe e i suoi colleghi sembravano decisi a muoversi verso una politica più flessibile durante la riunione della Reserve Bank of Australia tenutasi a settembre. Pertanto, i mercati non prevedono drastici cambiamenti a ottobre.

In Australia i tassi di interesse sono rimasti bassi come per tutto l’ultimo anno e mezzo. La Reserve Bank of Australia resta impegnata a non aumentare il tasso di liquidità “fino a quando l’inflazione effettiva non sarà sostenibile all’interno dell’intervallo target del 2-3%”.

La dichiarazione di settembre ha rivelato alcuni leggeri cambiamenti.

Il tasso di cassa e il tasso di controllo a tre anni sono rimasti tutti allo 0,1%, ma la modulazione della riduzione del programma di acquisto di obbligazioni è stata variata. In origine, il programma avrebbe dovuto essere rivisto entro novembre, essendo stato ridotto di 4 miliardi di AUD a settimana a luglio. Ora, sarà mantenuto a quel livello almeno fino a febbraio 2022.

Sostanzialmente, significa che il ritmo degli acquisti di asset della Reserve Bank of Australia non rallenterà fino al prossimo mese di febbraio. Dopo l’incontro di luglio, si pensava che la Banca avrebbe iniziato a rivedere l’acquisto di obbligazioni ogni tre mesi, prima di eliminarlo del tutto nel corso dell’anno. Tuttavia, sembra che non sia ancora giunto il momento.

In ogni caso, non ci aspettiamo davvero delle notizie mirabolanti artificio martedì mattina, quando la Reserve Bank of Australia pubblicherà la sua dichiarazione sui tassi per il mese di ottobre.

I mercati potrebbero invece aver previsto mosse più aggressive da parte della Reserve Bank of New Zealand, ma i recenti commenti dell’assistente del governatore Christian Hawksby paiono indicare che qualsiasi discussione su un importante aumento dei tassi di cassa è prematura.

“Le banche centrali di tutto il mondo tendono a seguire un percorso più agevole e a mantenere invariato il loro tasso di riferimento o a muoversi con incrementi di 25 punti base”, ha dichiarato Hawksby, mettendo fine a qualsiasi voce di un aumento di 50 punti base del tasso di cambio dello 0,25% della Nuova Zelanda.

Invece, è probabile che venga seguito un percorso incrementale prima che i tassi raggiungano l’1,5% entro la fine del 2022.

Ma, come sempre, resta la grande ombra del COVID-19 ad incombere sulla politica fiscale della Nuova Zelanda. Di recente, la nazione è tornata in lockdown dopo un aumento dei casi della variante Delta. Nonostante i contagi stiano iniziando a risalire, il piccolo numero di incidenti potrebbe essere stato sufficiente ad innervosire la Reserve Bank of New Zealand.

Secondo la Reuters, mercoledì i mercati hanno scommesso su una probabilità del 60% dell’aumento dei tassi quando parlerà il governatore Orr.

Infine, l’OPEC e i suoi alleati si incontreranno ancora una volta per il loro incontro mensile e la riunione politica di lunedì.

Con prezzi e domanda ad alti livelli, probabilmente vedremo un’automatica approvazione di un aumento della produzione nel prossimo futuro. L’OPEC+ si è impegnata a produrre altri 400.000 barili al giorno ogni mese fino alla fine dell’anno prossimo, nel tentativo di recuperare le perdite causate dalla pandemia.

Secondo il Monthly Oil Market Report di settembre, l’OPEC+ ritiene che la domanda supererà i livelli del 2019 entro la fine del 2022.

Con il greggio Brent attorno agli 80 USD mentre scriviamo questo articolo, negli Stati Uniti stanno suonando campanelli d’allarme sul prezzo della benzina. Storicamente, gli Stati Uniti hanno sempre goduto di prezzi della benzina molto più bassi rispetto ad altre nazioni sviluppate, e tutto ciò che è considerato inaccettabile da Joe Sixpack e Joe Biden.

Il presidente ha affermato che gli Stati Uniti sono attualmente in trattativa con l’OPEC per aumentare ulteriormente i volumi e risolvere questo problema, forse ignorando il fatto che lo shale statunitense è pronto ad incrementare di almeno 800.000 barili al giorno le forniture globali una volta che sarà operativo.

L’OPEC+ è comunque una creatura a sé stante. Tutto le sue azioni sono nell’interesse dei suoi Stati membri, dei suoi alleati e dei prezzi mondiali del petrolio nel loro insieme. Non sappiamo se gli appelli di Biden cadranno nel vuoto, ma sarebbe così sorprendente vedere OPEC e JMMC attenersi alla propria agenda in ottobre e anche oltre.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Mon 04-Oct  All Day  OIL  OPEC-JMMC Meetings 
       
Tue 05-Oct  4.30am  AUD  RBA Rate Statement 
  4.30am  AUD  Cash Rate 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
Wed 06-Oct  2.00am  NZD  Official Cash Rate 
  2.00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
  3.30pm  OIL  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 07-Oct  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 08-Oct  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
  Tentative  USD  Treasury Currency Report 

Monthly recap: German elections, hot UK inflation and NFP miss

We recap some of the key market movers from September in this monthly round-up. 

Monthly markets recap: September 2021

Germany waves goodbye to Angela Merkel in tight federal elections 

After sixteen years at the helm, Angela Merkel will step down as German Chancellor following late September’s closely contested German elections. 

It’s a hugely fragmented result. Pretty much all parties did worse than they thought. The SPD is the majority party, but they’re still very close to the CDU to really have a massive advantage. You could only separate them with a cigarette paper really.  

The Green’s, after topping the polls four months ago, came in third while the FDP came in fourth.  

Olaf Scholtz, the leader of the SPD, now has his work cut out trying to turn these close results into a working coalition. But what we’ve seen is what our political guru and Blonde Money CEO Helen Thomas calls a Code Red for Germany – that is a shift to the left with a bit of a green hint too. 

What the next German federal government looks like now is up for debate. The Green Party is probably going to be central, after doubling their Reichstag presence, but it’s out of the CDU and FDP to see who becomes the third coalition partner. See Helen Thomas’ election round-up below for more information. 

Nonfarm payrolls’ massive miss 

Nonfarm payrolls came in well below expectations in a wobbly US jobs report.  

In August, 275,000 new jobs were added to the US economy, falling far below the 750,000 forecast. 

The unemployment rate dropped to 5.2% while labour force participation stayed unchanged at 61.7%. Hourly earnings rose 0.6% in August, surpassing market predictions of a 0.3% rise. 

Jerome Powell and the Federal Reserve keeps a close eye on the jobs report. Labour market participation has been one of the key metrics the Fed has been looking at throughout the pandemic to decide on whether to start tapering economic support. 

We know that Jerome Powell and the Fed loves a strong jobs report. But we also know that tapering is on its way anyway – likely in November. August’s job data may not have impacted decision making too much, given the tapering signals were made long before its release.  

However, Fed Chair Powell still believes the US is still far from where he’d comfortably like employment to be. 

Speaking last week, Powell said: “What I said last week was that we had all but met the test for tapering. I made it clear that we are, in my view, a long way from meeting the test for maximum employment.” 

A recent survey taken by the National Association for Business Economics showed 67% of participating economists believed job levels won’t reach pre-pandemic levels until the end of 2022. 

UK inflation jumps 

August’s CPI data, released in September, showed UK inflation had reached 3.2%. That’s the highest level since 2012. 

Rising from 2% in July, the latest CPI print also showed a huge month-on-month rise in prices. Inflation soared well clear of the Bank of England’s 2% target – although the UK central bank did say it believed inflation would hit 4% in 2021. 

However, some market observers believe there is a risk that inflation will overshoot even the 4% level. 

The question is how will the BoE respond? A more hawkish tilt could be possible.  

Markets.com Chief Markets Analyst Neil Wilson said: “Unanchored inflation expectations are the worst possible outcome for a central bank they’ve been too slow to recognise the pandemic has completely changed the disinflationary world of 2008-2020. 

“My own view, for what it’s worth, is that the Bank, just like the Fed, has allowed inflation overshoots to allow for the recovery, but it’s been too slow and too generous. Much like the response to the pandemic itself, the medicine (QE, ZIRP) being administered may be doing more harm (inflation) than good (growth, jobs).” 

China intensifies its crypto crackdown 

Bitcoin was rocked towards the end of September after being hit with a body blow landed by the People’s Bank of China. 

The POBC has ruled that all cryptocurrency transactions in China are illegal. That includes all transactions made by Chinese citizens domestically and those coming from offshore and overseas exchanges. 

BTC lost over 8% and nearly dropped below the $40,000 mark on the news from Beijing. It has subsequently staged a comeback, but this latest move from China tells us a couple of important things about crypto. 

Number one: volatility is ridiculous. The fact that Bitcoin is still so susceptible to big swings on both positive and negative news shows it’s still very volatile. It seems hard to see a future driven by crypto right now if such price swings will be the norm. If this is the case, let’s hope it calms down in the future. 

Secondly, it’s that central banks are still wary of digital finance. In China’s case, it loves control.  

Beijing’s official stance is that cryptocurrency is a) illegitimate, b) an environmental disaster, and c) something it cannot control completely. Freeing finances from government oversight is the entire point of decentralised finance (DeFi) after all. In a country as centralised as China, that’s a no-go.  

China has pledged to step up its anti-crypto, anti-mining efforts further. This could cause major ripples for Bitcoin and the digital finance sector as a whole. A significant chunk of global token supply comes from Chinese miners. Someone else will have to pick up the slack. 

Oil & gas prices stage major rally 

A global gas shortage and tighter oil supplies pushed prices into overdrive towards the end of September. 

Natural gas, in particular, was flourishing. At one point, gas had climbed above $6.30, reaching highs not seen for three years. Basically, there’s not enough gas to go around. High demand from the UK and EU is pushing prices up, while the US, which is meant to be in injection season, is also suffering. Asian demand is also intensifying. 

In terms of oil, a supply squeeze coupled with higher demand caused by major economies reopening is putting a support under oil prices.  

Traders are also confident. Energy markets are the place to be right now. As such, trader activity appears to be pushing these new highs and is confident regarding the market’s overall strength. 

Goldman Sachs has also revised its oil price targets upwards. 

Goldman said: “While we have long held a bullish oil view, the current global oil supply-demand deficit is larger than we expected, with the recovery in global demand from the Delta impact even faster than our above-consensus forecast and with global supply remaining short of our below consensus forecasts. 

“The current oil supply-demand deficit is larger than we expected, with the recovery in global demand from the Delta impact even faster than our above-consensus forecast and with global supply remaining short of our below consensus forecasts.” 

La settimana che ci aspetta: I nonfarm payroll sotto i riflettori

Questa settimana tutto sarà incentrato sui più importanti attori economici. Il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti relativo al mese di agosto sarà pubblicato venerdì, mentre la settimana inizierà con gli ultimi dati dei PMI manifatturieri cinesi. Anche l’OPEC e i suoi alleati terranno riunioni, rendendo la prossima settimana molto impegnativa per l’economia globale.

Negli ultimi 18 mesi il mercato del lavoro statunitense è stato in grado di toccare minimi epocali e nuovi vertiginosi picchi di crescita. La pandemia ha sicuramente fatto la sua parte, ma abbiamo anche osservato una nuova vitalità scorrere nel cuore economico degli Stati Uniti, con più lavoratori a riempire i vuoti occupazionali.

Basta esaminare i nonfarm payroll del mese scorso. I dati di luglio hanno registrato 943.000 nuovi posti di lavoro aggiunti all’economia, ben al di sopra delle aspettative.

I dati sull’occupazione per il mese di agosto verranno pubblicati venerdì. Ovviamente i mercati presteranno molta attenzione a questi dati. Dopotutto, si tratta della pubblicazione più importante di tutto il mese. Ma il rapporto di questa settimana sul mercato del lavoro assume un nuovo carattere, date le tendenze che abbiamo visto nel 2021.

Ad esempio, i nonfarm payroll di aprile si sono attestati a 785.000 nuovi posti di lavoro, con un incremento mensile di oltre 200.000 unità. Tuttavia, a maggio la relazione sui nonfarm payroll ha visto una contrazione di oltre 500.000 posti di lavoro, arrivando a quota 269.000.

Giugno e luglio sono stati due mesi consecutivi in crescita, ma non si può fare di ogni erba un fascio. Nel recente passato abbiamo già visto dei dati eccezionali lasciare il posto a una crescita stentata il mese successivo.

La Federal Reserve ha esplicitamente legato le sue decisioni politiche alla salute del mercato del lavoro, quindi questo rapporto sarà di particolare interesse sulla scia del simposio di Jackson Hole della scorsa settimana.

Nuovo mese, nuovo rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti, ma anche una nuova serie di riunioni dell’OPEC+.

La settimana scorsa i benchmark di WTI e Brent sono scesi ai minimi da 3 mesi a questa parte, anche se da allora sono tornati leggermente a crescere, con il Brent che ha superato la soglia dei 70 USD e il WTI oltre i 67 USD.

Il cambio delle aspettative sulla domanda hanno pesato sui prezzi del greggio. I principali importatori hanno introdotto restrizioni ai viaggi o nuovi lockdown. Ad esempio, alcuni porti petroliferi cinesi sono stati chiusi a causa dell’aumento dei casi della variante Delta del COVID-19.

Tuttavia, l’OPEC+ finora ha tenuto duro: resta vivo l’impegno ad aumentare la produzione di circa 400.000 barili al giorno per ogni mese da agosto in poi. Inoltre, non c’è stato alcun motivo tale da far incrementare quella cifra su sollecitazione del presidente Biden. Per ora, il livello è di 400.000 barili al giorno in più per ogni mese.

È importante ribadire che tutto ciò che l’OPEC e i suoi alleati hanno fatto quest’anno è stato sostenere i prezzi del petrolio. Con l’aumento dei casi di COVID-19 in tutto il mondo, il filo del rasoio tra domanda e offerta su cui sta camminando il cartello potrebbe essersi assottigliato ulteriormente, ma l’OPEC+ sta probabilmente puntando sulla diffusione del vaccino per riuscire a recuperare.

Sappiamo tutti che il petrolio rappresenta un fattore chiave per la crescita economica nel nostro attuale sistema economico mondiale basato sui combustibili fossili. La Cina è il più grande importatore mondiale di greggio, quindi la sua produzione manifatturiera è oggetto di un attento esame, soprattutto alla luce del possibile calo delle importazioni di petrolio negli ultimi due mesi.

Nella lettura del PMI manifatturiero di agosto potremmo osservare gli effetti del un calo del consumo di petrolio e dell’aumento dei casi di variante Delta nell’ultimo mese.

La lettura di luglio di 50,4 punti è stata la più bassa degli ultimi 15 mesi. Il valore di 51,3 registrato a giugno è rappresentato un leggero aumento rispetto al 51,0 di maggio, ma la tendenza per la produzione industriale della seconda economia più grande del mondo sembra improntata ad un rallentamento.

Chiudere i porti non gioverà affatto alla produzione industriale, e nemmeno l’attuale prezzo elevato delle materie prime. La carenza di manodopera e l’aumento dei costi diretti hanno contribuito a rallentare anche la produzione nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Non si tratta perciò di un fenomeno localizzato esclusivamente in Cina.

Una lettura del PMI sopra 50 punti indica che si è ancora in fase di crescita, ma si osserva anche che la Cina sta pericolosamente scendendo sotto quel valore. La pubblicazione dei dati PMI di martedì renderà tutto più chiaro.

 

I principali dati economici

 

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Mon 30-Aug  3.00pm  USD  US Pending House Sales 
       
Tue 31-Aug  2.00am  CNH  Manufacturing PMI 
  1.30pm  CAD  GDP m/m 
  2.45pm  USD  Chicago PMI 
  3.00pm  USD  CB Consumer Confidence 
       
Wed 01-Sep  ALL DAY  OIL  OPEC Meetings 
  ALL DAY  OIL  OPEC-JMMC Meetings 
  2.30am  AUD   GDP m/m 
  8.55am  EUR  German Final Manufacturing PMI 
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI  
  3.30pm  OIL  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 02-Sep  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 03-Sep  1.30pm  USD  US Nonfarm Payrolls 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings 
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
  Tentative  GBP  Monetary Policy Report Hearings 

Nonfarm payrolls: US adds 943,000 new jobs in July

The US economy added 943,000 new jobs in July according to today’s nonfarm payrolls print.

A strong month for US jobs

The unemployment rate fell to 5.4% according to the US Bureau of Statistics as hiring rose at its highest rate for nearly a year last month. The payroll increase was also the largest since August 2020.

New jobs have been added to the economy for six consecutive months.

Estimates had varied wildly this morning before this afternoon’s report was published. Some more pessimistic economists had predicted 350,000 new jobs. Some put the figure closer to 1.2m. However, the Dow Jones estimate came to 845,000. Given this is pretty much the gold standard for NFP number forecasting, we can consider today’s report a big success.

This is doubly true given the market was expecting labour shortages, caused by businesses’ perceived hiring difficulties and rising Delta variant cases.

Average hourly wages increased 0.4% on a monthly basis, beating forecasts. Wages are now 4% higher than they were a year ago.

“The data for recent months suggest that the rising demand for labour associated with the recovery from the pandemic may have put upward pressure on wages,” the BLS said in the report. It was also quick to point out that Covid is still skewering the data.

Overall, job participation stands at 61.7% – the highest level since March 2020. Are things getting back on track for the US? This report certainly suggests that the case.

However, let’s be realistic. The Delta variant is running rampant in the US, where infections are up to 100,000 per day. While these stats are all very encouraging, the pandemic is by no means over.

How did the markets react to today’s NFP print?

The Dow Jones rose 155 points, equating to 0.4%, reaching an intraday record high. Likewise, the S&P 500 rose 0.2% for its own intraday all-time high. The Nasdaq, due to its tech-heavy nature, did not fare so well, dropping 0.2%.

According to CNBC, bank stocks powered today’s gains. Wall Street big names like JPMorgan, Bank of America, and Wells Fargo all recorded 1% gains at market open. Gains were also seen in energy, retailer, and industrial stocks.

On the flip side, tech stocks fell. Observers suggested this may be from investors taking money out of these and push them into growth stocks. Amazon, Apple, and Salesforce were trading slightly down.

The dollar continued to rally on today’s strong NFP report. The dollar index had climbed 0.56% to reach 92.81.

Subsequently, GBP/USD and EUR/USD pulled back on the stronger dollar. At the time of writing, GBP/USD was floating around the 1.387 level, after starting the day pushing over 1.390. EUR/USD was down about 0.67% at the 1.176 mark.

Markets brace for key US job report

Today’s big event is the release of the US nonfarm payrolls report tracking American labour market strength.

July was a bumper month for payrolls with 845,000 new jobs added to the US economy. Is sustained labour market recovery on the way? There remains about a 6.8 million gap in employment numbers needing to be filled to bring up to pre-pandemic levels.

What’s interesting is that economists are presenting a very mixed outlook regarding today’s report. Estimates are varying wildly. The Delta COVID-19 variant has shaken things up in the US over the past month. Cases have spiralled and are heading towards 100,000 per day – higher than in summer 2020 at the pandemic’s height. Like it has for the wider economy, the Delta variant is the same for the job’s market.

Wall Street forecasts are so different it’s hard to gauge what the report’s actual outcome will be at this stage. At the lowest end, estimates clock in at 350,000, accounting for holes in the jobs sector created by the Delta variant. Top-end estimates go as high as 1.2 million.

The unemployment rate is expected to fall from 5.9% to 5.7% on today’s NFP print.

Jerome Powell and the Fed will be watching this metric very closely. The health of the US jobs market is one of the conditions the Fed considers when looking at any alterations to its bond-buying programme.

The Dow Jones, S&P 500, and NASDAQ were all trending slightly down as they wait for the NFP release this afternoon.

European stocks start today with a muted tone too. The FTSE 100, in particular, has dropped roughly 10 points, hitting 7,109. CAC 40 was down 6 points at 6,757, and the Stoxx 50 showed similar performance, falling 6 points to 4,156. Nothing too much to worry about, but a broadly even trend across Europe. Germany’s DAX was in the green, but by rising 2 points, it’s essentially flat.

GBP/USD heads back towards the 1.920 level this morning, down roughly 0.6% on the day. A stronger dollar is making gains against the pound, explaining the pairing’s reversal. The dollar index made gains this morning as it reached 92.36, or roughly 0.07% up in day trading.

Oil prices made some gains back after falling yesterday. WTI, however, is still trading below $70 at $69.56 after starting the week around the $73 level. Brent futures are currently trading at $71.83 after showing similar pullbacks to WTI.

La settimana che ci aspetta: Occhi puntati sul rapporto sul mercato del lavoro negli USA

Una settimana impegnativa per i mercati con l’evento principale dei nonfarm payroll statunitensi, oltre a due importanti dichiarazioni della banca centrale.

Partiamo dagli ultimi nonfarm payroll statunitensi.

La lettura di giugno è stata molto al di sopra delle aspettative, e i mercati osserveranno con estrema attenzione gli ultimi dati che verranno pubblicati venerdì.

Sono stati aggiunti 850.000 posti di lavoro nell’economia statunitense in giugno, ben oltre l’aspettativa di 720.000 posti. Si è inoltre trattato del sesto mese consecutivo con un aumento dei posti di lavoro.

Tuttavia, il tasso di disoccupazione è salito dal 5,8% al 5,9%, superando la previsione del 5,6%. La partecipazione della forza lavoro, il metro di riferimento per misurare la carenza di forza lavoro a livello nazionale, non si è spostata ed è rimasta al 61,6%.

Sembra che le nuove assunzioni siano complessivamente diminuite nel corso della primavera. Alcune motivazioni possono spiegare questo fenomeno: le paure legate al virus, i costi per l’assistenza all’infanzia, i più remunerativi assegni di disoccupazione e i pacchetti di stimolo e di pensionamento. Tuttavia, si segnala che le aziende hanno aumentato i salari per invogliare i lavoratori ad accettare nuovi lavori.

Anche il tasso di occupazione è un indicatore importante per il presidente della FED Jerome Powell nel valutare i livelli di stimolo e di supporto per l’economia statunitense.

Sappiamo che Powell e la sua squadra sono relativamente a loro agio nel lasciare che l’economia si surriscaldi, anche di fronte all’aumento dell’inflazione. Come Powell ha sottolineato durante l’ultima riunione della FED, mancano ancora 7,5 milioni di posti di lavoro nell’economia statunitense, anche se alcuni dossier suggeriscono che la cifra sia di 6,8 milioni. Finché queste posizioni aperte non saranno occupate, ci si aspetta più stimolo e supporto da parte della FED.

Per quanto riguarda gli indici, lo S&P 500 e il Nasdaq hanno risposto molto bene all’eccezionale rapporto sulla situazione del mondo del lavoro del mese scorso, raggiungendo nuovi massimi record. Gli operatori azionari sperano più o meno lo stesso per la lettura di luglio.

Restando sui dati relativi agli Stati Uniti, ISM, uno dei principali reporter sugli indici dei responsabili acquisti dell’economia americana, condivide questa settimana le sue prospettive sulla produzione e sui servizi.

La produzione statunitense si è dimostrata solida anche il mese scorso, secondo il rapporto PMI di ISM, ma i problemi della catena di approvvigionamento continuano a rallentare la crescita. I valore del dato relativo alla produzione è stato valutato a 60,6 punti, in calo rispetto al punteggio di 61,2 registrato a maggio.

Lo slancio è ancora vigoroso. Quattro dei cinque sottoindici valutati da ISM hanno mostrato una crescita elevata. L’interesse dei consumatori per i nuovi beni è ancora alto, nonostante l’aumento dei prezzi. Tuttavia, la carenza di manodopera, insieme all’aumento dei prezzi delle materie prime e dei materiali d’acquisto, ha causato colli di bottiglia e carenze proprio mentre i produttori faticano a tenere il passo con la domanda.

“I tempi di consegna lunghissimi per le materie prime, le carenze su vasta scala dei più importanti materiali di base, l’aumento dei prezzi delle materie prime e le difficoltà nel trasporto dei prodotti continuano ad affiggere tutti i segmenti dell’economia manifatturiera”, ha affermato Timothy Fiore, presidente dell’ISM Manufacturing Business Survey Committee.

Lo stesso vale per il settore dei servizi: a giugno c’è stato un aumento, ma questa espansione è stata inferiore rispetto a quella eccezionale di maggio. In questo caso, l’indice è sceso da 63,5 a 60,1.

“Il tasso di espansione del settore dei servizi resta importante, nonostante il leggero calo della crescita rispetto al massimo storico raggiunto il mese scorso”, ha spiegato Anthony Nieves, presidente dell’ISM Services Business Survey Committee. “Le sfide legate alla carenza di materiali, l’inflazione, i problemi alla logistica e le risorse per l’occupazione continuano a essere un ostacolo per le condizioni aziendali”.

Mantenere questo slancio è importante per la salute dell’economia statunitense, soprattutto perché si prevede che gli Stati Uniti saranno la forza trainante della ripresa economica globale per il resto di quest’anno e anche oltre.

Oltre ai dati, la prossima settimana saranno in arrivo un paio di dichiarazioni da parte della banca centrale.

A partire dalla Banca d’Inghilterra, dove il grosso problema è l’aumento dell’inflazione.

A giugno l’inflazione ha raggiunto il 2,5%, a causa al diffuso aumento dei beni di consumo. Potrebbe anche solo trattarsi della domanda, finora repressa nell’economia britannica, che si sta esprimendo in modo libero, ma dal momento che l’inflazione oggi è ai suoi livelli massimi da tre anni a questa parte, i nervi degli economisti sono messi a dura prova.

Il governatore Bailey ha già chiarito la sua posizione: i rialzi dei prezzi sono solo temporanei l’inflazione potrebbe raggiungere il 3% entro fine anno. Successivamente, dovrebbe tornare a livelli accettabili. Attualmente, la Banca d’Inghilterra ha il mandato di indirizzare l’inflazione verso il 2% e mantenerla su quel livello.

Tuttavia, Bailey ha dichiarato che sarebbe pronto a proporre aumenti dei tassi se si dovesse perdere il controllo sull’inflazione.

Questa settimana, anche la Reserve Bank of Australia condivide le sue ultime riflessioni e la sua direzione politica.

Ci sono molte probabilità che non ci siano grandi cambiamenti all’orizzonte. Il governatore Philip Lowe è stato molto chiaro sul fatto che, almeno fino al 2024, non è previsto nessun imminente aumento dei tassi. Questo nonostante i forti fondamentali economici dell’Australia.

Il tasso di cassa minimo storico dello 0,1% resterà invariato. Tuttavia, la cosa interessante è che l’incontro di luglio ha portato ad alcune modifiche al programma di Quantitative Easing australiano. La bilancia è stata tirata indietro. Da settembre in poi, gli acquisti di obbligazioni della Reserve Bank of Australia caleranno da 5 a 4 miliardi di AUD a settimana.

Il governatore Lowe ha gettato le basi per ulteriori modifiche alla politica. Vedremo a cosa porterà l’incontro di questa settimana in termini di eventuali cambiamenti su piccola scala.

Non possiamo completare l’anteprima degli eventi chiave della settimana senza toccare la stagione degli utili negli Stati Uniti.

Lunedì avrà inizio la terza settimana dei rapporti sugli utili del secondo trimestre del 2021 per le aziende a grande capitalizzazione. Non sarà così intensa come la settimana scorsa, ma ci saranno ancora alcuni importanti rapporti in arrivo, tra i quali Alibaba e Uber.

Dai un’occhiata al nostro calendario degli utili negli Stati Uniti per avere altre informazioni sulle aziende più importanti che riferiscono sui propri utili questa settimana, oppure vedi sotto.

I principali dati economici

Date Time (GMT+1) Asset Event
Mon 2-Aug 8.55am EUR German Final Manufacturing PMI
  3.00pm USD US ISM Manufacturing PMI
 
Tue 3-Aug 5.30am AUD RBA Rate Statement
  5.30am AUD Cash Statement
  11.45pm NZD Employment Change q/q
  11.45pm NZD Unemployment Rate
 
Wed 4-Aug 2.30am AUD Retail Sales m/m
  1.15pm USD ADP Nonfarm Employment Change
  3.00pm USD US ISM Services PMI
  3.30pm OIL US Crude Oil Inventories
 
Thu 5-Aug 12.00pm GBP Asset Purchase Facility
  12.00pm GBP BOE Monetary Policy Report
  12.00pm GBP MPC Asset Purchase Facility Votes
  12.00pm GBP Monetary Policy Summary
  12.00pm GBP MPC Official Bank Rate Votes
  12.00pm GBP Official Bank Rate
  3.30pm GAS US Natural Gas Inventories
 
Fri 6-Aug 2.30am AUD RBA Monetary Policy Statement
  1.30pm CAD Employment Change
  1.30pm CAD Unemployment Rate
  1.30pm USD Average Hourly Earnings q/q
  1.30pm USD Nonfarm Employment Change
  1.30pm USD Unemployment Rate

 

I principali rapporti sugli utili

Mon 2 Aug Tue 3 Aug Wed 4 Aug Thu 5 Aug
Arista Networks Alibaba General Motors Ball Corp
Activision Blizzard The Kraft Heinz Co Beyond Meat
Roku Inc Illumina
Uber Technologies Square Inc
The Trade Desk
Virgin Galactic Holdings

La settimana che ci aspetta: I rapporti sui nonfarm payroll americani indicheranno la direzione del mercato tra i timori dell’inflazione

I nonfarm payroll statunitensi dominano il calendario di questa settimana. Di norma, la chiave di lettura del mercato del lavoro è in grado di muovere in maniera importante il mercato, quindi verrà prestata molta attenzione allo stato del mercato del lavoro della nazione in occasione della lettura più recente nella giornata di venerdì.

Gli incontri mensili tra OPEC e JMMC iniziano a metà settimana, in un momento in cui i mercati petroliferi si rafforzano a livello globale. Anche la Reserve Bank of Australia renderà pubblica la sua ultima decisione sul tasso di cassa, probabilmente un copia-incolla della decisione attendista di maggio.

A partire dagli Stati Uniti, il paese spera che parte del fervore del mercato del lavoro di marzo si manifesti nei dati di maggio, dopo il fallimento di aprile. I dati dei nonfarm payroll del mese scorso hanno indicato la creazione di circa un quarto dei nuovi posti di lavoro che ci si aspettava, con un calo di gran lunga superiore alle stime.

In aprile sono stati creati 266.000 posti di lavoro. Le stime speravano in oltre un milione, con il sostegno della rapida crescita economica e dai dati dei nonfarm payroll di marzo che si erano attestati a 916.000 unità.

Alla fine di aprile, 9,8 milioni di americani erano ancora disoccupati. La cosa interessante è che le alla fine di marzo i nuovi posti di lavoro sono stati pari a 8,1 milioni, con una sostanziale riduzione del gap. La domanda e l’offerta di lavoro si stanno riallineando, ma non si sono ancora del tutto riequilibrate, il che contribuisce a creare qualche attrito.

Vi sono ancora timori tra la popolazione generale sulla riduzione del virus, nonostante il 50% dei potenziali soggetti vaccinabili abbia già ricevuto il vaccino. Due terzi dei bambini in età scolare non sono tornati in classe. Qualcuno potrebbe non essere ancora disposto a rinunciare ai sussidi di disoccupazione.

Il mercato seguirà con attenzione il rapporto sull’occupazione, visto come una possibile indicazione di ciò che ci si potrà presto aspettare dalla Federal Reserve, che potrebbe iniziare a rimuovere le agevolazioni. La Fed ha messo la sua bandiera sull’asta dell’occupazione, e più lenta sarà la ripresa dell’occupazione, più morbida resterà la politica della Fed. A complicare il quadro c’è anche l’inflazione, ma finora i mercati hanno creduto alla Fed quando afferma che esaminerà le pressioni “transitorie” sui prezzi.

Gli incontri tra OPEC e JMMC sono previsti per il primo giugno. La missione del cartello per il 2021 è stata quella di proteggere i mercati petroliferi e rafforzare i prezzi. In questo caso i tagli alla produzione sono stati la chiave di volta. Siamo ancora lontani dal ristabilire i volumi di produzione precedenti alla pandemia. Nonostante la riapertura delle economie globali e l’aumento della domanda di petrolio, l’OPEC e i suoi alleati sono ancora cauti.

Ciò nonostante, sta arrivando più greggio dai membri dell’OPEC. Negli ultimi due mesi essi hanno gradualmente allentato i limiti alla produzione. L’incontro di giugno determinerà i piani per luglio e agosto, verrà cioè deciso se aumentare la produzione o se mantenerla in linea con i piani originari del cartello.

Nella riunione del primo aprile, l’OPEC e il JMMC hanno deciso di riportare sui mercati 2,1 milioni di barili al giorno tra maggio e luglio. I tagli verranno ridotti a 5,6 milioni di barili al giorno.

Quest’anno l’OPEC punta sull’aumento della domanda di petrolio. Le sue prospettive di ripresa indicano che la domanda giornaliera raggiungerà i 6 milioni di barili al giorno entro la fine del 2021: un notevole incremento rispetto ai livelli del 2020, ma ancora circa 3,5 milioni di barili al giorno in meno rispetto ai livelli pre-pandemia.

Sebbene la distribuzione dei vaccini abbia avuto successo nei principali paesi importatori, ci sono ancora preoccupazioni. Il crescente numero di casi di coronavirus in India, il terzo importatore di petrolio al mondo, ha gravato pesantemente sull’OPEC. C’è ancora molto da fare prima che i mercati petroliferi nel mondo tornino ad assomigliare a ciò che erano prima del Covid 19.

Al centro dell’attenzione ci sarà anche la Reserve Bank of Australia, la prossima banca centrale a fornire informazioni su eventuali modifiche imminenti alla politica finanziaria australiana.

È necessaria una decisione sul tasso di cassa. Esiste la possibilità che non si verifichi nulla di rilevante. Il tasso di cassa in Australia è rimasto allo 0,10% da novembre 2020. Il governatore Philip Lowe ha indicato che probabilmente nel 2021 non aumenterà. In base alle precedenti dichiarazioni, potremmo non assistere ad un aumento del tasso di cassa australiano almeno fino al 2024.

Lowe ha affermato che i parametri chiave che la RBA sta usando come innesco per l’aumento del tasso di cassa sono gli obiettivi di inflazione e un minore tasso di disoccupazione. La RBA prevede che l’inflazione sarà dell’1,5% nel 2021, come indicato nella sua dichiarazione di maggio, e del 2% a metà del 2023. Prima di aumentare i tassi, la Banca ha ripetutamente affermato di volere che l’inflazione sia “comodamente” compresa tra il 2-3%.

In termini di mercato del lavoro, la RBA prevede che i tassi di disoccupazione raggiungeranno il 4,8% entro la fine del 2021, prima di scendere leggermente al 4,4% nel 2022.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1  Asset  Event 
Mon 31-May  2.00am  CNH  Manufacturing PMI 
       
Tue 01-Jun  All Day  Oil  OPEC-JMMC Meeting 
  5.30am  AUD  Cash Rate 
  5.30am  AUD  RBA Rate Statement 
  1.30am  CAD  GDP m/m 
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Wed 02-Jun  2.30am  AUD  GDP q/q 
       
Thu 03-Jun  2.30am  AUD  GDP m/m 
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
  3.30pm  Nat gas  US Natural Gas Inventories 
  4.00pm  Oil  US Crude Oil Inventories 
       
Fri 04-Jun  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1.30pm  USD/Indices/Gold  Non-farm Employment Change 
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 

 

I principali rapporti sugli utili

Date  Company  Event 
Tue 01-Jun  Zoom  Q1 2022 Earnings 
  Scotiabank  Q2 2021 Earnings 
  Hewlett Packard  Q2 2021 Earnings 
     
Wed 02-Jun  Splunk  Q1 2022 Earnings 
     
Thu 03-Jun  Broadcom  Q2 2021 Earnings 
  Slack  Q1 2022 Earnings 

 

NFP miss: does it mean anything?

US jobs growth cooled with just 226k created in April, well below the 1m+ expected. The blowout number from March was also revised lower by 146k to 770k. Wages rose more than expected.

What does it tell us, if anything?

1) Don’t read too much into this print – the US economy is by most measures booming. Payrolls are a lagging indicator and at the mercy of a huge number of factors. Payrolls can sometimes produce a monthly print way off the reservation. Moreover, +266k is a good number in normal circumstances and the country is still in the throes of the pandemic – expectations might have gotten a little elevated for this number (guilty). Too much hype maybe a factor here in some of these market moves on the announcement – the narrative doesn’t really change IMHO.

2) If slower employment growth is something to consider, then it will simply keep the Fed easier for longer. This was reflected in the surge in tech/growth and a reversal of the reflation trade (ie Dow lower, NDX higher) in the futures market. Overall, this ought to be a net positive for risk assets like stocks, albeit it may create yet more churn and rotation, which makes it messier. As per point one, however, this print does not mean that suddenly WFH stocks are about to suddenly get out of their funk, or FAANGS are more attractive than they were yesterday. Similarly, it does mean that the reflation trades are less appealing. If anything, it simply has created a more useful entry point for some – as can be seen by the fading of the initial kneejerk on the Dow and elsewhere.

Chart showing USA 30 index response to NFP release May 7th 2021.

3) There has been some evidence that poorer folks are better off than they were thanks to stimulus cheques. These won’t last forever, but there is an argument that ongoing government support create a moral hazard around incentivising people back into work post-pandemic. A question that does need to be asked by the Fed and Treasury is how their policies are going to improve productivity and generate real employment gains.

4) Even if yields and the value/cyclical equity market plays recover – as they seem to be doing in the first half hour of trading on Wall Street today – the print does not do an awful lot for USD. Bonds were bid, and yields moved sharply lower, with the 10yr down under 1.5% in short order. The sharp move lower in yields lifted gold and sent the US dollar lower to breach the late April low and snap the rising trendline. If we can use this print as anything to go by, then it means the Fed is inching further away from a taper than the ECB which ought to be supportive for a long-awaited EURUSD rally to 1.25.

Yields response to NFP release May 7th 2021.

5) Rising wages underscore a sense that employers are struggling to find workers. Lower paid jobs that were lost in the pandemic are coming back, but they may not be as low paid as they used to be. This suggests further upside pressure on inflation over the coming months as businesses seek to attract staff. The problem for the Fed becomes this: if inflation picks up and employment does not recover quickly enough, its’ current policy stance will be questioned and the bond market will start to flex its muscles.

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?