La settimana che ci aspetta: Gli incontri della Banca d’Inghilterra e del Federal Open Market Committee, e le vendite al dettaglio negli Stati Uniti

La prossima settimana si tengono le riunioni del Federal Open Market Committee americano e della Banca d’Inghilterra. Entrambi gli appuntamenti determineranno l’andamento della politica finanziaria nel prossimo periodo, mentre la pandemia continua. Inoltre in Europa verranno diffusi i nuovi dati flash PMI, e prevederemo anche cosa potrebbe accadere nel settore retail statunitense dopo il Black Friday.

Gli incontri del Federal Open Market Committee

Per l’ultima volta nel 2020, il Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve statunitense si riunisce per decidere la direzione della politica monetaria del paese a stelle e strisce.

Le motivazioni per ulteriori incentivi approvati dalla Fed sono rafforzati dai deludenti dati dei nonfarm payroll. Il mese di novembre ha visto l’incremento di circa 245.000 nuovi posti di lavoro nell’economia statunitense: un numero di tutto rispetto per un periodo normale, ma meno della metà di quelli previsti in questo periodo di pandemia.

L’economia statunitense inizierà ad avere difficoltà in dicembre? E’ possibile che sia così.

I commentatori hanno previsto due aspetti finanziari che la Fed potrebbe prendere in considerazione nel suo prossimo ciclo di riunioni: gli aggiustamenti al suo attuale programma di acquisto di asset e la possibile revisione dei suoi programmi di prestito di emergenza.

Per prima cosa, gli asset. La Fed sta attualmente raccogliendo ogni mese 80 miliardi di USD di titoli del Tesoro e 40 miliardi di USD di titoli garantiti da ipoteca. I rendimenti all’estremità corta della curva del Tesoro rimangono ben ancorati vicino ai minimi storici.

I verbali della riunione di novembre suggeriscono che molti membri del FOMC sono più propensi ad estendere la composizione delle scadenze delle sue attività piuttosto che aumentare il ritmo degli acquisti.

Tenendo presente tutto ciò, è probabile che il FOMC non annuncerà alcuna modifica effettiva al suo programma di acquisto di risorse a dicembre, ma probabilmente penserà ad alcuni cambiamenti nei prossimi mesi.

In secondo luogo, potrebbe essere messa all’ordine del giorno la riduzione dei programmi di prestito. Circa 454 miliardi di USD sono stati approvati per il prestito ai sensi del Trump White House CARES Act, ma le risorse effettivamente utilizzate sono state pari a soli 6 miliardi di USD. In sostanza, il governo degli Stati Uniti potrebbe rivolere indietro i suoi soldi.

Anche la Banca d’Inghilterra ha degli incontri in programma

Anche la Banca d’Inghilterra si sta preparando per la sua ultima tornata di riunioni del 2020; incontri che potrebbero essere influenzati dai progressi (o dalla totale assenza) di un accordo sulla Brexit.

Nonostante il primo ministro Johnson si sia presentato a Bruxelles la scorsa settimana come Indiana Jones con una grossa frusta in una mano e un caffè macchiato nell’altra per cercare di superare la situazione di stallo, rimangono ancora “divergenze significative” tra il Regno Unito e l’Europa.

Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha già molto a cui pensare, anche senza la minaccia tangibile di una Brexit senza accordo, eventualità che si profila minacciosa come la sagoma di un fungo atomico. La pandemia di Covid-19 continua, anche se il Regno Unito ha avviato per primo al mondo una campagna di vaccinazioni di massa per contrastare il virus.

Inoltre, la crescita del PIL del Regno Unito è diventata estremamente lenta, in confronto all’accelerazione avuta nel corso dell’anno prima del secondo lockdown, con un aumento di un misero 0,4% nell’ultimo trimestre.

Ciò che meglio dipinge il ritratto economico attuale del Regno Unito è il rallentamento della crescita del PIL, una Brexit senza accordo e i continui effetti della pandemia.

Tutti questi elementi avranno sicuramente un ruolo nei colloqui della Banca d’Inghilterra e nei risultati relativi al mese di dicembre.

In base alle osservazioni sottoposte a un comitato di Westminster nel novembre 2020, il governatore Bailey pensa che di quei tre problemi, quello più grande sia l’uscita dall’UE senza un accordo.

“Penso che gli effetti a lungo termine di un’uscita senza accordo… sarebbero più gravi di quelli che subiremmo se il Covid durasse più a lungo”, ha affermato.

“È nel migliore interesse di entrambe le parti…che si trovi un accordo commerciale, e che tale accordo commerciale abbia un forte elemento di buona volontà riguardo a come verrà implementato”.

Vendite al dettaglio negli Stati Uniti

La settimana prossima verrà pubblicata l’ultima serie di dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti.

Assisteremo ad una ripresa? Le performance negli ultimi due mesi precedenti sono state tutt’altro che eccezionali. Ad ottobre si è registrato un rialzo dello 0,3%, con un totale di 553,33 miliardi di USD. Le cifre di settembre sono state riviste al ribasso di tre decimi di percentuale, con una crescita totale dell’1,6%, il che è ancora un buon dato, ma forse non così buono come avevano sperato i rivenditori statunitensi.

Tuttavia il retail statunitense ha ancora il grande asso nella manica rappresentato dal Black Friday. I consumatori americani hanno speso 9 miliardi di USD online durante l’annuale corsa allo shopping, con un aumento su base annua del 21,6%.

Come sempre in questo pazzo anno, c’è un rovescio della medaglia. Secondo Sensormatic Solutions, il numero degli acquisti nei negozi fisici è calato di oltre la metà, quindi anche se il dato si basa sugli acquirenti online, gli acquisti fisici effettivi saranno probabilmente inferiori di parecchio.

Il Cyber Monday, tuttavia, è stato il più grande giorno di shopping online mai registrato negli Stati Uniti. Le vendite del giorno feriale immediatamente successivo al Black Friday hanno pesato per 10,8 miliardi di USD, con un aumento del 15% rispetto ai dati del 2019.

Tutto ciò sarà sufficiente per contrastare la crescita lenta e riportare le vendite al dettaglio negli Stati Uniti in territorio positivo?

Gli indici PMI in Europa

È arrivato il momento di un altra serie di dati sugli indici flash PMI in Europa, e se è vero che la tornata precedente rappresenta un indicatore della performance attuale, ci aspetta una seconda recessione economica dell’UE.

La nuova serie di lockdown non ha fatto finanziariamente bene all’Europa.

A novembre, l’indice PMI dell’Eurozona è sceso da 50 a 45,1. Secondo ING, è il settore dei servizi a patire maggiormente, con l’indice PMI dei servizi in calo da 46,9 a 41,3 a novembre. La disoccupazione nel settore continua ad aumentare e probabilmente la situazione non migliorerà fino alla revoca dei lockdown. La speranza è che i vaccini possano essere diffusi in Europa prima possibile.

Tuttavia, i segnali della produzione sono più forti, perché la vivacità della Germania aiuta a mantenere le situazione generale a galla. ING afferma che l’indice PMI manifatturiero ha indicato solo un rallentamento della crescita della produzione, ma non una sua contrazione.

Le esportazioni hanno continuato a stimolare la crescita manifatturiera tedesca a novembre, suggerendo che la seconda ondata di lockdown, più “soft” fuori dall’Eurozona, sta aiutando gli esportatori a recuperare terreno.

Aspettiamo ancora e vedremo quali saranno le indicazioni fornite dagli indici PMI per il mese di dicembre.

Brexit

Al momento della stesura di questo articolo, non è ancora stata presa una decisione sulla Brexit. Un breve incontro Boris Johnson e Ursula von der Leyen non è stato sufficiente a risolvere la situazione di stallo. Allo stato attuale delle cose, stiamo ancora aspettando di vedere la fine di questa lunga e frustrante vicenda.

Webinar da seguire

Questa settimana l’esperto di trading Mark Leigh terrà ancora una volta una serie di webinar educativi incentrati sul trading per aiutarti a ottenere ulteriori informazioni sulle informazioni essenziali per fare trading. Tra i punti salienti:

Trader Clinic con Mark Leigh

Lunedì 14 dicembre – 14:00 GMT

Scopri come un professionista utilizza gli alti e i bassi del trading per affinare la propria strategia e migliorare i propri rendimenti con la nostra Trader Clinic. Unisciti a Mark Leigh mentre illustra il metodo che usa per valutare i suoi scambi vincenti e perdenti e costruire una strategia migliore.

Iscriviti

Dieci regole per trader di ogni livello

Martedì 15 dicembre – 18:00 GMT

Il trading non è una scienza esatta: i mercati sono vivi e spesso imprevedibili, ecco perché c’è bisogno di un insieme di regole di base per prendere decisioni di trading consapevoli e calcolate.

Iscriviti

Dove andrà il rand nel 2021?

Giovedì 17 dicembre – 17:00 GMT

Alla luce del recente declassamento di Fitch del Sud Africa, sono sempre più i punti interrogativi sul fatto che il rand possa mantenere i livelli attuali rispetto al dollaro USA. Il downgrade di Fitch rispecchia quello che viene considerato un debito pubblico elevato e in aumento, reso ancora più aspro dallo shock economico innescato dalla pandemia di COVID-19. Questo significa che l’anno prossimo la valuta sarà più debole?

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Dec 14th  Ongoing  CNH  Foreign Direct Investment ytd/y 
       
  10.00am  EUR  Industrial Production m/m 
       
Tue Dec 15th  12.30am   AUD  Monetary Policy Meeting Minutes 
       
  2.00am  CNH  Retail Sales y/y 
       
  7.00am  GBP  Unemployment Rate 
       
  2.15pm  USD  Industrial Production m/m 
       
  10.00pm  AUD  Flash Manufacturing PMI 
       
  10.00pm  AUD  Flash Services PMI 
       
Wed Dec 16th  12.30am  JPY  Flash Manufacturing PMI 
       
  7.00am  GBP  CPI y/y 
       
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
       
  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
       
  9.00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
       
  9.00am  EUR  Flash Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
       
  1.30pm  CAD  CPI m/m 
       
  1.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  USD  Retail Sales m/m 
       
  2.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
       
  2.45pm  USD  Flash Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Economic Projections 
       
  7.00pm  USD  FOMC Statement 
       
  7.30pm  USD  FOMC Press Conference 
       
Thu Dec 17th  12.30am  AUD  Employment Change 
       
  12.30am  AUD  Unemployment Change 
       
  9.00am  CHF  SNB Press Conference 
       
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
       
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Summary 
       
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Dec 18th  Tentative  JPY  Monetary Policy Statement 
       
  7.00am  GBP  Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  CAD  Retail Sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Tue Dec 15th  Nordson  Q4 2020 Earnings 
  Inditex  Q3 2020 Earnings 
     
Wed Dec 16th  Lennar  Q4 2020 Earnings 
     
Thu Dec 17th  Accenture  Q1 2021 Earnings 
  FedEx  Q2 2021 Earnings 
  Cintas  Q2 2021 Earnings 
  General Mills  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Dec 18th  Nike  Q2 2021 Earnings 
  Carnival  Q4 2021 Earnings 
  Darden Restaurants  Q2 2021 Earnings 
  Oracle Japan  Q2 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Forte rimbalzo per i beni durevoli negli Stati Uniti, sentiment e indice PMI in crescita

C’è molta carne al fuoco sul calendario economico di questa settimana per tenere occupati i mercati anche nell’(improbabile) caso in cui le notizie siano poco movimentate. I dati sulla fiducia provenienti dall’Europa, gli indici PMI di tutto il mondo, ordini di beni chiave e dati sulla spesa negli Stati Uniti permetteranno di capire l’incessante impatto del Covid-19 e la tendenza che la ripresa potrà avere.

Consumatori nella zona euro, sondaggi sulla fiducia delle imprese

Gli ultimi dati sul sentiment provenienti dalla Germania e dall’Eurozona nel suo insieme verranno seguiti con attenzione. L’allentamento del lockdown e la riapertura di un numero sempre crescente di aziende dovrebbe aiutare a migliorare sia il sentiment delle imprese che quello dei consumatori, anche se è ovvio che sia le une che gli altri sono ancora molto pessimisti.

La lettura della fiducia dei consumatori nell’Eurozona a giugno dovrebbe migliorare fino a -16, rispetto al -18,8 di maggio. Si prevede che l’indice tedesco Ifo Business Climate raggiungerà quota 85,1, in aumento rispetto al precedente valore di 79,5, mentre l’indice sul consumo GfK dovrebbe indicare un -12 su luglio dopo la lettura di -18,9 registrata su giugno.

L’indice Flash PMI aiuta a plasmare le aspettative sul PIL nel secondo trimestre

Martedì ci saranno molti flash con gli indici PMI relativi ai servizi e al settore manifatturiero. Sono attesi i dati più recenti dall’Eurozona, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. Anche se soggette a revisione, le cifre più recenti aiuteranno a perfezionare le aspettative sui dati più importanti relativi al PIL nel secondo trimestre.

Si prevedono forti aumenti su tutta la linea, poiché le economie in riapertura aiutano a rallentare il crollo, in particolare quello dei servizi.

Il rimbalzo degli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti

A seguito dei recenti e impressionanti balzi in avanti dell’occupazione e delle vendite al dettaglio che hanno superato le aspettative, sembra probabile che anche i dati sugli ordini di beni durevoli statunitensi di questa settimana mostreranno una netta risalita.

Come per la maggior parte dei dati, anche quelli sugli ordinativi sono crollati negli ultimi due mesi a un ritmo che non si vedeva da anni. La riapertura dell’economia statunitense e il miglioramento delle prospettive per qualche consumatore e alcune imprese si tradurranno probabilmente in un evidente rimbalzo. Gli analisti prevedono che gli ordini saliranno del 7,1% anche se, come per tutti i rialzi che seguono un brusco calo, la strada per ritornare ai livelli pre-crisi sarà ancora lunga.

Giovedì sono attesi anche i dati sulle domande di disoccupazione. Tutti concordano nel prevedere un altro rallentamento della crescita delle domande di disoccupazione, con un’attesa attorno a 1,3 milioni di nuove domande. Ciò significherebbe che, per la prima volta dal record di 6,86 milioni di domande registrato nell’ultima settimana di marzo, le nuove domande settimanali sono state meno di 1,5 milioni.

Spesa personale degli Stati Uniti in crescita con l’allentamento delle restrizioni, aumento dell’occupazione

Ad aprile si è registrato un aumento del reddito personale, con un balzo del 10,5% grazie ai programmi di assistenza del governo, anche se tutto ciò non si è tradotto in un aumento delle spese al consumo, con una spesa in calo del 13,6%. I consumatori hanno accumulato denaro extra, con un tasso di risparmio in aumento del 33% rispetto al mese precedente.

A maggio si prevede un calo dei redditi del 5% senza l’aiuto di tutti i sussidi pubblici, mentre la spesa è prevista in aumento del 3%.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

07.15 UTC Daily European Morning Call
17.00 UTC 22-Jun Reading Candlestick Charts: Trading Patterns and Trends
From 15.30 UTC 23-Jun Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
17.00 UTC 23-Jun Introduction to Currency Trading – Is it For Me?
14.45 UTC 25-June Master the Market with Andrew Barnett

 

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana:

14.00 UTC 22-Jun Eurozone Flash Consumer Confidence
07.15 UTC 23-Jun Eurozone/ DE/ FR Flash Services, Manufacturing PMIs
08.30 UTC 23-Jun UK Flash Manufacturing/Services PMIs
13.45 UTC 23-Jun US Flash Manfacturing/Services PMI
03.00 UTC 24-Jun RBNZ Interest Rate Decision
08.00 UTC 24-Jun German ifo Business Climate
14.30 UTC 24-Jun US EIA Crude Oil Inventories
06.00 UTC 25-Jun German GfK Consumer Climate
12.30 UTC 25-Jun US Durable Goods Orders
00.30 UTC 25-Jun US Unemployment Claims
14.30 UTC 25-Jun US EIA Natural Gas Storage
Pre-Market 25-Jun Accenture Plc – Q3 2020, McCormick & Co – Q2 2020
12.30 UTC 26-Jun US PCE, Personal Spending, Personal Income
14.00 UTC 26-Jun Revised University of Michigan Sentiment Index

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?