La settimana che ci aspetta: Le riunioni dell’OPEC e i verbali del FOMC

Nella nostra prima edizione dell’anno de “La settimana che ci aspetta” esamineremo alcuni argomenti particolarmente interessanti. L’OPEC+ inizia con la prima delle nuove riunioni mensili di quest’anno il 4 gennaio, mentre i produttori discutono sulla graduale cancellazione dei tagli alla produzione.

Il FOMC pubblica i verbali del suo ultimo incontro: saranno da considerare come linee guida per la ripresa economica degli Stati Uniti? Inoltre, verranno diffusi i dati sui nonfarm payroll statunitensi, che potrebbero mostrare segni di forza del mercato del lavoro negli Stati Uniti.

L’incontro dell’OPEC 

Questa settimana prende il via la prima di una nuova serie di riunioni mensili dei responsabili OPEC e non OPEC, a seguito della decisione di dicembre di rallentare il processo di riduzione della produzione concordato lo scorso anno al fine di sostenere i prezzi.

Questo è il mese in cui i membri dell’OPEC e gli alleati allenteranno leggermente i blocchi, aumentando la produzione. L’OPEC+ ha dato il via libera per estrarre altri 500.000 barili al giorno da gennaio fino almeno a marzo. Il taglio totale della produzione per gennaio sarà di 7,2 milioni di barili al giorno, rispetto al taglio di 7,7 milioni di barili al giorno nell’ultima parte del 2020.

Tuttavia, nonostante i vaccini, le aspettative sulla domanda non sono riuscite a migliorare, perciò resteranno delle pressioni sull’OPEC affinché la situazione venga monitorata da vicino. L’OPEC prevede che la domanda globale di petrolio scenderà di 9,77 milioni di barili al giorno nel 2020 per arrivare a 89,99 milioni di barili al giorno, rispetto agli oltre 90 milioni di barili al giorno previsti nelle stime di novembre.

Oggi la domanda di petrolio per il 2021 è stimata a 95,89 milioni di barili al giorno. Il che corrisponde a 410.000 unità in meno rispetto alle proiezioni originali dell’OPEC pubblicate nel MOMR di novembre. Nel mese di ottobre, l’OPEC aveva stimato la domanda di petrolio nel 2021 in 96,8 milioni di barili al giorno.

Un aspetto chiave del bilanciamento tra prezzo, domanda e produzione sarà la comunione di vedute tra membri e alleati. E’ già stato osservato un po’ di dissenso: ad esempio, l’Arabia Saudita ha deciso di rinunciare alla posizione di presidente che le sarebbe spettata. Alcuni produttori all’interno della sfera di influenza dell’OPEC si attengono fermamente ai propri obiettivi di produzione, indipendentemente dalle limitazioni e dai blocchi.

La Libia ha svelato i suoi piani per aumentare la produzione di petrolio, e in precedenza ha dichiarato che non accetterà alcun limite alla produzione fino a quando non sarà autorizzata a produrre 1,7 milioni di barili al giorno, rispetto ai suoi attuali 1,108 milioni di barili al giorno.

Anche l’Iran ha promesso di aumentare la sua produzione di petrolio a 2,3 milioni di barili al giorno nel 2021, rispetto agli attuali 1,986 milioni di barili al giorno.

I verbali dell’incontro del FOMC 

Sono disponibili i verbali dell’ultima riunione della Fed, che forniscono un’indicazione più chiara relativa ad un possibile dissenso sulla misura in cui il FOMC ritiene di dover ancorare i tassi a lungo termine, fornendo se necessario un ulteriore supporto politico. La domanda per la Fed sta iniziando a ruotare sul commercio di reflazione e sull’aumento dei tassi a lungo termine.

I timori sull’aumento dell’inflazione potrebbero essere un problema per la Fed, poiché potrebbero costringerla a un inasprimento prima del previsto. Sebbene l’obiettivo dell’inflazione media gli dia un certo margine di manovra, presteremo molta attenzione al fatto che i singoli responsabili politici stiano iniziando a preoccuparsi dell’inflazione e della necessità di una maggiore moderazione nella politica monetaria.

I nonfarm payroll 

Venerdì il rapporto sull’occupazione di dicembre chiuderà la settimana, con l’aumento dei casi di Covid negli Stati Uniti che probabilmente peserà sulla domanda, anche se le assunzioni stagionali saranno un fattore da considerare. A novembre negli Stati Uniti sono stati creati altri 245.000 posti di lavoro, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 6,7%. Questa cifra è ben al di sotto rispetto al tasso degli ultimi 6 mesi, e ha indicato un rallentamento delle assunzioni parallelamente all’aumento del numero di casi in tutto il paese.

Tuttavia, i mercati sembrano essere in gran parte felici di tollerare un ritmo più lento della ripresa nel mercato del lavoro, anche se grazie ai vaccini: il rapporto di dicembre guarda al passato e rifletterà i numeri dei casi in aumento e le nuove restrizioni e lockdown in più stati. Inoltre, i dati sui lavori leggeri sottolineano solo la necessità di avere stimoli monetari e fiscali sostenuti: il fatto di essere in una fase di cattive notizie, è una buona notizia in sé.

I ballottaggi in Georgia 

Gli elettori si recheranno alle urne per i ballottaggi in Georgia il 5 gennaio, in una tornata elettorale che deciderà il controllo del Senato per i primi due anni di presidenza di Joe Biden.

L’avvenimento è di eccezionale importanza, poiché un Senato a prevalenza democratica potrebbe significare un passaggio più agevole all’agenda politica di Biden, che punta sull’energia verde e sugli investimenti. Tuttavia, le possibilità di una maggioranza repubblicana, seppur risicata, sembrano piuttosto buone, nonostante l’esigua vittoria dei democratici di novembre alle elezioni presidenziali, il che significherebbe un minor eccesso di regolamentazione fiscale.

Webinar sulle prospettive per il 2021 

Martedì 5 gennaio, 12.00 GMT 

Vuoi sapere quali saranno gli argomenti principali di mercato nell’anno nuovo? Durante questo webinar faremo le domande più importanti al riguardo: Sarà l’inflazione il vero problema? Il mercato azionario britannico riuscirà finalmente a recuperare? I vaccini stimoleranno un ritorno reflazionistico alle normali condizioni di mercato? Partecipa anche tu all’incontro con l’analista capo di mercato Neil Wilson per avere risposte alle grandi domande nel nostro webinar sulle previsioni per il 2021.

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 4th  9.00am  EUR  Final Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
       
  All Day  All  OPEC-JMMC Meeting 
       
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
       
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue Jan 5th  9.30am  GBP  Construction PMI 
       
Wed Jan 6th  9.00am  EUR  Final Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Services PMI 
       
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
       
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Jan 7th  10.00am  EUR  CPI Flash Estimate 
       
  10.00am  EUR  Core CPI Flash Estimate 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Changes 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Jan 8th  1.30am  CNH  CPI y/y 
       
  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  1.30pm  CAD  Employment Change 
       
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
       
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
       
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
       
  3.00pm  CAD  Ivey PMI 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon Jan 4th  State Street Corp.  Q4 2021 Earnings 
     
Wed Jan 6th  RPM International  Q2 2021 Earnings 
     
Thu Jan 7th  Micron Technology  Q1 2021 Earnings 
     
  Constellation Brands  Q3 2021 Earnings 
     
  Walgreens Boots Alliance  Q1 2021 Earnings 
     
  ConAgra Foods  Q2 2021 Earnings 
     
  Lamb Weston Holdings  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Jan 8th  Tata Consultancy Services  Q3 2021 Earnings