The markets month ahead: key events for your trading diary in October

Get a look at the coming month’s important market-moving events with our October trading preview. 

Economic events to watch in October 

OPEC-JMMC meetings – Monday 4th October  

The month begins in earnest with OPEC-JMMC meetings. OPEC+ comes together for its monthly policy talks. No shocking surprises are expected this month. Instead, we’ll probably see a rubber-stamping of the planned output increase of 400,000 bpd.  

RBA rate statement – Tuesday 5th October  

The Reserve Bank of Australia releases its newest rate statement at the start of the month. Markets forecast no hike for the foreseeable future. The cash rate will probably stay at its historic low. 

RBNZ rate statement – Wednesday 6th October  

Joining its Australian cousin in starting the month with a rate decision is the Reserve Bank of New Zealand. Economists think an increase in the 0.2% cash rate will come – but not the 0.5% increase forecast. 

US nonfarm payrolls – Friday 8th October 

Jerome Powell and the Fed, plus the wider markets, will be watching the month’s NFP data carefully. August’s data missed the mark by miles – will September’s stats point towards a US labour market surge? 

US CPI data – Wednesday 13th October 

Consumer Price Index rises cooled in August, backing the Fed’s stance that current high prices are all transitionary. Month-on-month price gains slowed to 0.3%. September’s CPI stats are released on Wednesday 13th of October. 

US retail sales data – Friday 15th October 

Retail sales across America picked up an unexpected bump in August. Sales were up 0.7% according to the Census Bureau. Observers were calling for a 0.7% decline, driven by rising Delta-variant COVID cases. Will we see an upward swing in September too? 

UK CPI data – Tuesday 20th October 

UK inflation is running hot. Last month’s report showed it growing at the fastest rate since records began, rising at 3.2%. It may be all transitionary, but if inflation punches above the Bank of England’s 4% target, then the UK’s central bank may be forced to act. 

European PMIs – Friday October 22nd 

Brace for the monthly European flash PMI blitz with all the key economic activity indicators from France, Germany, and the EU all inbound. Eurozone composite PMI readings for September missed expectations of 58.5 coming in at 56.1. Still in growth, but it looks like activity is starting to slow. 

Bank of Canada rate statement – Wednesday October 27th 

The first rate statement of Justin Trudeau’s third term comes this month. Governor Tiff Macklem and co. stuck to their guns in September, keeping the 0.25% rate in place and the QE pace the same. It’s probable October’s statement will bring much the same. 

ECB Press Conference – Thursday October 28th  

The European Central Bank scaled back its bond-buying programme in September in a bid to cool soaring inflation. Its October moves will likely all come down to how EU CPI reacted to the change. Rates stayed at 0% and it’s likely they will in the mid-term. 

Major economic data 

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Mon Oct-04  8:00am  EUR  Spanish Unemployment Change 
  All Day  All  OPEC Meetings 
  All Day  All  OPEC-JMMC Meetings 
       
Tue Oct-05  4:30am  AUD  RBA Rate Statement 
  4:30am  AUD  Cash Rate 
  Tentative  JPY  BOJ Gov Kuroda Speaks 
  3:00pm  USD  ISM Services PMI 
       
Wed Oct-06  2:00am  NZD  Official Cash Rate 
  2:00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  1:15pm  USD  ADP Non-Farm Employment Change 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
       
Thu Oct-07  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  3:00pm  CAD  Ivey PMI 
       
Fri Oct-08  1:30am  AUD  RBA Financial Stability Review 
  1:30pm  CAD  Employment Change 
  1:30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1:30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1:30pm  USD  Non-Farm Employment Change 
  1:30pm  USD  Unemployment Rate 
  Tentative  USD  Treasury Currency Report 
       
Tue Oct 12  3:00am  CNH  GDP q/y 
  3:00am  CNH  Retail Sales y/y 
  10:00am  EUR  ZEW Economic Sentiment 
  10:00am  EUR  German ZEW Economic Sentiment 
  3:00pm  USD  JOLTS Job Openings 
  6:00pm  USD  10-y Bond Auction 
       
Wed Oct-13  1:30pm  USD  CPI m/m 
  1:30pm  USD  Core CPI m/m 
  6:01pm  USD  30-y Bond Auction 
  7:00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Oct-14  1:30am  AUD  Employment Change 
  1:30am  AUD  Unemployment Rate 
  1:30pm  USD  PPI m/m 
  1:30pm  USD  Core PPI m/m 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  4:00pm  OIL  Crude Oil Inventories 
       
Fri Oct-15  7:00am  GBP  Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Empire State Manufacturing Index 
  3:00pm  USD  Prelim UoM Consumer Sentiment 
       
Mon Oct-18  2:15pm  USD  Industrial Production m/m 
  3:30pm  CAD  BOC Business Outlook Survey 
Tue Oct-19  1:30am  AUD  Monetary Policy Meeting Minutes 
       
Wed Oct-20  7:00am  GBP  CPI y/y 
  1:30pm  CAD  CPI m/m 
  1:30pm  CAD  Common CPI y/y 
  1:30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
  1:30pm  CAD  Median CPI y/y 
  1:30pm  CAD  Retail Sales m/m 
  1:30pm  CAD  Trimmed CPI y/y 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  10:45pm  NZD  CPI q/q 
       
Thu Oct-21  1:30pm  USD  Philly Fed Manufacturing Index 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
       
Fri Oct-22  8:15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
  8:15am  EUR  French Flash Services PMI 
  8:30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
  8:30am  EUR  German Flash Services PMI 
  9:00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
  9:00am  EUR  Flash Services PMI 
  9:30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
  9:30am  GBP  Flash Services PMI 
  2:45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
  2:45pm  USD  Flash Services PMI 
       
Mon Oct-25  9:00am  EUR  German ifo Business Climate 
       
Tue Oct-26  1:30pm  USD  Core Durable Goods Orders m/m 
  1:30pm  USD  Durable Goods Orders m/m 
  3:00pm  USD  CB Consumer Confidence 
       
Wed Oct-27  1:30am  AUD  CPI q/q 
  1:30am  AUD  Trimmed Mean CPI q/q 
  3:00pm  CAD  BOC Monetary Policy Report 
  3:00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3:00pm  CAD  Overnight Rate 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu Oct-28  Tentative  JPY  BOJ Outlook Report 
  Tentative  JPY  Monetary Policy Statement 
  Tentative  JPY  BOJ Press Conference 
  12:45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
  12:45pm  EUR  Main Refinancing Rate 
  1:30pm  EUR  ECB Press Conference 
  1:30pm  USD  Advance GDP q/q 
  1:30pm  USD  Advance GDP Price Index q/q 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  3:00pm  USD  Pending Home Sales m/m 
       
Fri Oct-29  8:00am  EUR  German Prelim GDP q/q 
  1:30pm  CAD  GDP m/m 
  1:30pm  USD  Core PCE Price Index m/m 
  2:45pm  USD  Chicago PMI 
  3:00pm  USD  Revised UoM Consumer Sentiment 
Sat Oct-30  Day 1  All  G20 Meetings 
       
Sun Oct-31  1:00am  CNH  Manufacturing PMI 
  Day 2  All  G20 Meetings 

La settimana che ci aspetta: Le grandi banche danno il via alla stagione degli utili negli Stati Uniti

Questa settimana inizia la stagione degli utili negli Stati Uniti. Le aziende a grande capitalizzazione comunicheranno i loro rapporti sugli utili relativi al secondo trimestre del 2021. Come sempre, questo offrirà delle interessantissime opportunità di trading per gli investitori, ma questo trimestre potrebbe davvero trasformarsi in una delle migliori stagioni dal punto di vista aziendale.

Il sentiment degli analisti suggerisce che è in arrivo un trimestre eccezionale per le aziende a grande capitalizzazione. Le previsioni di FactSet indicano una crescita del 61,9% per le aziende inserite nell’indice S&P 500. Un risultato del genere vorrà dire che l’indice avrà raggiunto il più alto tasso di crescita su base annua dal 2009.

Saranno le grandi banche a dominare l’inizio della stagione degli utili. JPMorgan Chase, Goldman Sachs, Wells Fargo e Citigroup sono tra gli istituti bancari a riferire nella prima settimana.

In questo trimestre la stagione degli utili assume una nuova importanza: essa servirà al mercato per valutare quali aziende sono pronte a uscire dalla fase pandemica dell’economia per tornare verso qualcosa di simile alle normali procedure operative, e per capire quali aziende hanno faticato di più.

Abbiamo preparato un calendario relativo alla stagione degli utili negli Stati Uniti con il dettaglio delle aziende a grande capitalizzazione che pubblicheranno i loro report sugli utili questo trimestre. Dai un’occhiata per vedere quali sono le aziende che stanno comunicando i loro report per tracciare le tue operazioni per la prossima stagione.

A parte gli utili, e passando ai dati, questa settimana verrà comunicato il risultato dell’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti di giugno.

I prezzi al consumo per i beni principali sono aumentati del 5% su base annua a maggio, con il tasso di crescita più rapido dall’agosto del 2008. Questo dato è stato superiore persino alle aspettative di Wall Street. L’inflazione di base, valore che non comprende i prezzi dei generi alimentari o dell’energia, è aumentata del 3,8%. Si tratta dell’aumento più vistoso da quasi trent’anni a questa parte.

I dati di maggio, compilati dal Bureau of Labor Statistics, hanno scatenato un dibattito sul fatto che la FED debba lasciare o meno che l’economia si surriscaldi. L’inflazione è uno degli strumenti di misura più importanti della Fed, perciò una lettura simile a giugno potrebbe richiedere un cambiamento di politica o un aumento dei tassi per raffreddare i bollori dell’economia post-lockdown.

Fitch ritiene che l’IPC continuerà ad aumentare fino al 2022. L’agenzia di rating ritiene che i problemi alla linea di approvvigionamento non si allevieranno in tempi brevi, e perciò continueranno a far salire i prezzi dei beni di consumo.

Le previsioni di Fitch prevedono un aumento annuo complessivo del 4,5% dell’inflazione di base degli IPC entro la fine del 2021, con il tasso di inflazione non di base al 4,1%. L’inflazione di fondo sarebbe poi destinata a scendere al 2,5% entro la metà del 2022.

Questa settimana osserveremo anche i dati più recenti sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. I mercati cercheranno di capire se il calo dell’1,3% delle vendite complessive e dello 0,7% delle vendite al dettaglio registrato a maggio sia stato uno scivolone temporaneo o se la tendenza continuerà anche a giugno.

Nonostante questi lievi cali mensili, le vendite al dettaglio sono aumentate del 28,1% su base annua.

Il calo può essere parzialmente spiegato con la tendenza dei consumatori, che hanno iniziato a distogliere l’attenzione su beni e prodotti finiti, rivolgendosi invece ad esperienze di viaggio. Con il ripristino quasi completo della libertà di movimento negli Stati Uniti, i consumatori preferiscono uscire, pianificare viaggi e spendere in servizi, piuttosto che svagarsi con del semplice shopping.

Un altro motivo può essere individuato nel calo del 3,4% degli incassi dei concessionari di automobili. La carenza globale di semiconduttori sta avendo un effetto negativo sulla consegna di nuovi veicoli. Di conseguenza, le vendite hanno iniziato a rallentare.

È interessante notare che le vendite al dettaglio di aprile sono state riviste al rialzo nella lettura di maggio. Invece di restare statiche, come si era pensato all’inizio, in realtà le vendite sono cresciute dello 0,8% su base mensile.

È prevista anche la nuova dichiarazione sui tassi della Banca del Canada. Il governatore Tiff Macklem ha confermato a giugno che il tasso overnight si è mantenuto stabile allo 0,25% e che non ci sarebbero stati cambiamenti del tasso sul breve periodo.

Macklem ha anche impegnato la Banca ad effettuare 3 miliardi di dollari canadesi in acquisti settimanali di titoli di stato canadesi, ma ha ribadito che il ritmo di tali acquisti si ridurrà con il progredire della ripresa economica.

Il Canada è stata una delle prime grandi economie ad iniziare a ridurre i suoi acquisti di obbligazioni ad aprile. Ciò nonostante, l’economia si è contratta nei mesi di aprile e maggio, e la crescita del PIL del primo trimestre del 5,6% non ha soddisfatto le aspettative, principalmente a causa dei lockdown dei mesi invernali.

Tuttavia, gli economisti della Banca del Canada sono fiduciosi che la ripresa aumenterà il ritmo nei prossimi mesi. Si prevede che i prezzi elevati delle materie prime e la crescita della domanda estera fungeranno da motore propulsivo per il futuro.

Nel comunicato del 14 luglio, è prevista una riduzione degli acquisti obbligazionari.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Tue 13-Jul  1.30pm  USD  CPI m/m 
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
       
Wed 14-Jul  3.00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  3.00am  NZD  Cash Rate 
  1.30pm  USD  PPI m/m 
  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
  3.00pm  CAD  BOC Monetary Policy 
  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
  3.30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu 15-Jul  2.30am  AUD  Employment Change 
  2.30am  AUD  Employment Rate 
  3.00am  CNH  GDP q/y 
  1.30pm  USD  Philly Fed Manufacturing Index 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
  11.45pm  NZD  CPI q/q 
       
Fri 16-Jul  1.30pm  USD  Retail sales m/m 
  1.30pm  USD  Core retail sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili

Tue 13 Jul  Wed 14 Jul  Thu 15 Jul 
JPMorgan Chase & Co   Bank of America Corp    
     
Goldman Sachs Group Inc   Citigroup Inc   Morgan Stanley  
     
PepsiCo Inc      
     
Wells Fargo & Co      

La settimana che ci aspetta: Il PIL del primo trimestre nel Regno Unito, le vendite al dettaglio negli USA e i dati IPC

Oggi vengono pubblicati i dati del PIL del primo trimestre del Regno Unito, il che darà una prospettiva per il resto dell’anno. Le previsioni ottimistiche degli economisti saranno vere? Negli Stati Uniti sono in arrivo i rapporti sulle vendite al dettaglio e sui dati degli IPC, che potrebbero evidenziare la potenziale inflazione con il progredire dell’economia. Per il resto, Wall Street si prepara a un altra serie di utili.

Il PIL del Regno Unito del primo trimestre rispetterà le prospettive ottimistiche?

Le cifre del PIL del primo trimestre dovrebbero mostrare una contrazione più lieve di quanto inizialmente temuto, quando la nazione era entrata in un periodo di lockdown. La scorsa settimana la Banca d’Inghilterra ha dichiarato di aspettarsi una contrazione dell’economia dell’1,5% nel primo trimestre. Tuttavia, il rapporto trimestrale sulla politica monetaria ha visto il Monetary Policy Committee aumentare le sue prospettive di crescita per l’intero anno per l’economia del Regno Unito, con una previsione di un aumento del 7,25% del PIL.

Questo punto di vista è stato rispecchiato dagli economisti. Invece di dipingere un ritratto a tinte fosche, le stime presentano invece una visione più florida per l’economia del Regno Unito. Probabilmente non si tratta ancora di un quadro pienamente luminoso, ma i numeri sono promettenti.

Le stime prevalenti prevedono che il calo del PIL sia compreso tra l’1 e il 2,5%. Barclays, Oxford Economics e ING tendono a spostare l’asticella verso l’alto, con una previsione di un calo del 2-2,5%. Deloitte, invece, fissa il calo al -1,7%.

Continuiamo a sottolineare l’importanza del vaccino, poiché l’impatto della rapida introduzione e attuazione di un solido regime di vaccinazione a livello nazionale non può essere sottovalutato. Sempre più persone stanno tornando al lavoro; le restrizioni del lockdown vengono via via rimosse; pub e ristoranti saranno presto completamente aperti; il settore dell’edilizia si prepara ad una crescita a doppia cifra.

In effetti, pensando a previsioni più a lungo termine, potremmo osservare una delle più veloci crescite del PIL del Regno Unito negli ultimi 30 anni.

Le previsioni di primavera di EY ITEM Club indicano una possibile crescita annualizzata del 6,8% per tutto il 2021, con l’economia che tornerebbe ai livelli pre-pandemici entro il secondo trimestre del 2022. Goldman è ancora più ottimista: secondo l’analista Sven Jari Stehn la previsione è di una crescita del 7,8%.

Una volta che il lockdown sarà completamente rimosso e l’economia tornerà alla normalità, probabilmente assisteremo ad una delle più grandi espansioni economiche degli ultimi decenni. Dipenderà tutto dal modo in cui il paese riuscirà a uscire dal lockdown.

Occhi puntati sull’IPC degli Stati Uniti, mentre l’inflazione aumenta

L’inflazione potrebbe iniziare a minare i progressi dell’economia statunitense. I dati dell’IPC di marzo hanno mostrato un aumento mese su mese, quindi l’aumento di questa settimana dei prezzi sui grafici di aprile assume una rinnovata importanza.

Guardando i dati di marzo, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,6% rispetto a febbraio, con una crescita del 2,6% rispetto a marzo 2020. Un aumento del 9,1% della benzina ha alimentato l’aumento dell’IPC, che è stato superiore a quello stimato dal Dow Jones dello 0,5% mensile e del 2,5% annuo.

In futuro bisognerà tenere d’occhio la pressione inflazionistica sull’economia. L’aumento dei prezzi al consumo potrebbe rivelarsi un catalizzatore verso l’aumento del tasso di base, cosa che il presidente della Fed Jerome Powell si è finora fermamente rifiutato di accettare. Al momento, la strategia della Fed è quella di lasciare che l’economia si “surriscaldi”.

Tuttavia, i mercati hanno finora scontato una crescita e un’inflazione più elevate durante tutto l’anno. Anche quest’anno i rendimenti dei titoli di Stato hanno suscitato alcuni brontolii, con rendimenti che hanno raggiunto alcuni dei livelli più alti da prima della pandemia. Nel complesso, l’apertura dell’economia, oltre agli importanti stimoli governativi, sta contribuendo ad un clima inflazionistico, quindi la Fed dovrebbe guardare i dati dell’IPC di questo mese con attenzione.

Aprile riuscirà ad eguagliare il successo di marzo delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti?

Abbiamo visto che nel 2021 l’economia statunitense ha premuto sull’acceleratore, con un aumento del 6,4% nel primo trimestre. Le prospettive sono più rosee su tutta la linea, anche se sono leggermente offuscate dall’ombra dell’inflazione. Questa settimana verranno rese note le statistiche sulle vendite al dettaglio di aprile, dopo il boom di marzo, ma potrebbe essere in arrivo un cambiamento nel modo in cui i consumatori statunitensi spendono i loro soldi.

A marzo, le vendite al dettaglio totali negli Stati Uniti sono cresciute di un enorme 9,8% su base mensile. Una combinazione di clima più caldo, di lockdown meno aspri e di stimoli alla spesa ha spinto al rialzo le vendite. La crescita su base annua è stata incredibile, e si è attestata al 30,4%.

Le aree di maggiore crescita sono state quelle degli articoli sportivi (23,5%), dell’abbigliamento (18,3%) e degli autoveicoli (15,1%).

Tuttavia, con la riapertura dell’economia, gli investitori statunitensi potrebbero rivolgere la loro attenzione verso altri settori. “Esperienze” e viaggi potrebbero vedere grandi guadagni questo mese, grazie all’allentamento delle restrizioni sui viaggi, mentre chi può spende potrà anche iniziare a iniettare denaro nel settore dell’ospitalità. Ciò potrebbe sottrarre liquidità alle vendite al dettaglio, per questo motivo la crescita ad aprile potrebbe non essere all’altezza della straordinaria performance di marzo.

Continua la stagione degli utili a Wall Street

Anche per questa settimana Wall Street si prepara ad accogliere le notizie delle aziende a grande capitalizzazione che riferiscono sugli utili trimestrali.

Alcuni colossi stanno per riferire nella prossima fase della stagione degli utili. Disney sarà una di queste aziende da osservare. I parchi hanno riaperto, ma troppo tardi perché si possa vedere un impatto reale sui guadagni del primo trimestre. Al contrario, l’attenzione sarà concentrata sul suo servizio di streaming Disney+, che ha raccolto un numero importante di abbonati nell’ultimo anno.

Anche i guadagni del primo trimestre del colosso cinese dell’e-commerce Alibaba saranno al centro dell’attenzione. L’azienda ha segnato una media del 19,29% nei due trimestri precedenti e potrebbe essere sulla buona strada per farlo di nuovo. Le previsioni di Zack sono positive, il che di norma è un buon segno per un imminente aumento degli utili.

Qui sotto potrai trovare un riepilogo delle aziende a grande capitalizzazione che riferiranno sui loro utili questa settimana.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Currency  Event 
Mon 10-May  02.30am  AUD  Retail sales m/m 
       
Tue 11-May  10.30am  AUD  Annual budget release 
       
Wed 12-May  07.00am  GBP  Prelim GDP q/q 
  1.30pm  USD  CPI m/m 
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 13-May  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 14-May  1.30pm  USD  Retail Sales m/m 
  1.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
  2.15pm  USD  Industrial Production m/m 
  3.30pm  USD  Prelim UoM Consumer Sentiment 

 

I principali rapporti sugli utili

Date  Company  Event 
Mon 10-May  Duke Energy  Q1 2021 Earnings 
  Air  Q1 2021 Earnings 
  Mariott Inc.  Q1 2021 Earnings 
  Tyson Foods  Q4 2021 Earnings 
  Panasonic Corp.  Q4 2021 Earnings 
     
Tue 11-May  Palantir Technologies  Q1 2021 Earnings 
  Electronic Arts  Q4 2021 Earnings 
  E.ON  Q1 2021 Earnings 
  Alstrom  Q4 2021 Earnings 
  Nissan  Q4 2020 Earnings 
  NAMCO BANDAI  Q4 2021 Earnings 
     
Wed 12-May  Toyota  Q4 2021 Earnings 
  Allianz  Q1 2021 Earnings 
  Deutsche Telekom  Q1 2021 Earnings 
  Merck  Q1 2021 Earnings 
  Bayer  Q1 2021 Earnings 
  Hapag-Lloyd   Q1 2021 Earnings 
  Fujifilm  Q4 2021 Earnings 
  Polyus Gold  Q1 2021 Earnings 
     
Thu 13-May  Alibaba  Q4 2021 Earnings 
  Walt Disney  Q2 2021 Earnings 
  Airbnb  Q1 2021 Earnings 
  Coinbase  Q1 2021 Earnings 
  Petrobras  Q1 2021 Earnings 
  Telefonica  Q1 2021 Earnings 
  BT Group  Q4 2021 Earnings 
  Mitsubishi  Q4 2021 Earnings 
  Suzuki  Q4 2020 Earnings 
  Rakuten  Q1 2021 Earnings 
  Burberry  Q4 2021 Earnings 
     
Fri 14-May  Rosneft  Q1 2021 Earnings 
  Honda  Q4 2021 Earnings 
  UNICHARM  Q1 2021 Earnings 
  Knorr-Bremse  Q1 2021 Earnings 
  Toshiba  Q4 2020 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Importanti decisioni della Fed e della Banca d’Inghilterra, e i dati sulle vendite al dettaglio negli USA

Questa settimana potrebbero essere prese importanti decisioni sui tassi su entrambe le sponde dell’Atlantico durante le riunioni della Banca d’Inghilterra e della Federal Reserve statunitense. Avremo anche un colpo d’occhio sulla ripresa economica negli Stati Uniti con il rilascio dei dati sulle vendite al dettaglio. La ripresa di gennaio è stata un colpo di fortuna o stiamo assistendo al ritorno di una crescita sostenuta?

La decisione sui tassi della Banca d’Inghilterra: è improbabile che cambi ma le prospettive post-budget sono variate

Si prevede che i tassi di interesse e l’inflazione saranno nuovamente al centro dell’attenzione quando la Banca d’Inghilterra rivelerà la sua ultima decisione sulla politica monetaria questa settimana.

L’obiettivo è ancora un’inflazione al 2%, ed è probabile che resterà in vigore il tasso bancario dello 0,1%. A febbraio, in occasione dell’ultimo importante incontro sui tassi della Banca d’Inghilterra, i membri del Comitato di Politica Monetaria (Monetary Policy Committee, MPC) della banca hanno votato all’unanimità per mantenerlo in vigore.

Venerdì 5 marzo, parlando a un evento della Resolution Foundation, il governatore Andrew Bailey ha affermato che la Banca non aumenterà i tassi di interesse in relazione a una rapida ripresa dell’economia, sostenendo che servirebbero “prove reali” sul fatto che l’inflazione al 2% sarebbe sostenibile prima che un qualsiasi rialzo dei tassi venga implementato.

Tuttavia, il governatore Bailey ha anche affermato che la Banca d’Inghilterra si sta preparando a tassi di interesse negativi qualora la ripresa fosse deludente. Essa si sta anche preparando nel caso in cui la spesa causata dalla pandemia di Covid-19 dovesse portare ad un aumento della pressione inflazionistica.

I mercati non si aspettano che i tassi negativi entrino presto in vigore. Al contrario, secondo il Financial Times, è previsto che nel 2022 la Banca d’Inghilterra aumenti i tassi di interesse.

Anche le previsioni sono state rimodulate per essere in linea con il budget supportato dagli stimoli del Cancelliere Rishi Sunak. Secondo Bailey, tali previsioni appaiono più forti, poiché il nuovo budget che prevede una spesa elevata dovrebbe aiutare a stimolare l’economia e il mercato del lavoro, portando la disoccupazione al di sotto del livello del 7,75% precedentemente previsto.

“La nostra ultima previsione era stata pensata prima del budget”, ha detto Bailey, aggiungendo che nella prossima previsione di maggio “avremo un tasso di disoccupazione più basso nel breve termine e probabilmente più basso in generale”.

In sostanza, la Banca d’Inghilterra guarderà al futuro come sempre, ma è improbabile che cambi il suo tasso di base dal suo attuale 0,1% durante la sua riunione di questa settimana.

La conferenza stampa del FOMC – in arrivo bastonate o un cambio di rotta?

Dall’altra parte dell’oceano si terrà la riunione del Federal Open Market Committee (FOMC). Sarà più o meno la stessa storia della riunione della Banca d’Inghilterra, ma con una piccolo cambio di direzione, forse in senso letterale.

La settimana scorsa il presidente della Fed Jay Powell era stato ottimista riguardo ai rendimenti, e aveva promesso di mantenere la politica stabile, nonostante i suoi commenti abbiano innescato una svendita del debito del tesoro a lungo termine.

Powell ha detto che la banca centrale dovrebbe essere “paziente” nel togliere il suo sostegno alla ripresa, dato che il mercato del lavoro è rimasto lontano dall’obiettivo della banca centrale che aveva previsto una piena occupazione e che in realtà ha compiuto pochi progressi negli ultimi mesi.

Cosa significa tutto questo prima della riunione del FOMC? La CNBC riferisce che potrebbero essere apportate alcune modifiche tecniche alla politica monetaria esistente della Fed, stimolata dalle recenti turbolenze nei mercati obbligazionari.

Una potrebbe essere la reintroduzione dell’operazione Twist, in cui la Fed vende titoli a breve termine e acquista obbligazioni a più lunga durata. L’obiettivo è spingere verso l’alto i tassi a breve termine e abbassare quelli a più lungo termine, rendendo così piatta la curva dei rendimenti. La Fed ha utilizzato questa tattica per l’ultima volta circa dieci anni fa durante la turbolenta crisi del debito europeo.

Un’altra opzione che la Fed potrebbe esplorare sarebbe quella di aumentare il tasso pagato sulle riserve per coprire le emissioni del mercato monetario, aggiustando anche il tasso sulle operazioni dei pronti contro termine overnight nel mercato obbligazionario.

Le prospettive per l’economia statunitense si sono un po’ riaccese grazie al rallentamento dei casi di Covid, all’aumento delle vaccinazioni e all’approvazione da parte della Camera del pacchetto di stimoli del presidente Biden. Il mese scorso i nonfarm payroll hanno mostrato un aumento sostenuto dei posti di lavoro aggiunti all’economia statunitense, con una crescita di 379.000 unità.

Ma bisognerà affrontare il discorso legato ai rendimenti obbligazionari, soprattutto perché il Tesoro statunitense ha bisogno che le sue prossime aste obbligazionarie abbiano buoni risultati. Probabilmente la Fed continuerà ad acquistare i suoi 80 miliardi di USD di titoli del Tesoro, utilizzandoli per acquistare obbligazioni per una durata di quattro anni e mezzo, secondo la CNBC, semplicemente perché sta arrivando una grande offerta aggiuntiva di stimoli, e dovrà aumentare il capitale per far fronte a un potenziale deficit di 2,3 bilioni di USD.

Sebbene non sia previsto alcun cambiamento importante, è possibile che vedremo le modifiche tecniche sopra menzionate. Saranno i rendimenti obbligazionari a dominare la scena, come accaduto nelle ultime due settimane.

Le vendite al dettaglio negli USA: una terapia economica al dettaglio?

Questa settimana verranno resi noti gli ultimi dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. Sarebbe una buona notizia per l’economia statunitense se la tendenza al rialzo registrata a gennaio continuasse.

Secondo l’US Census Bureau, nell’ultimo rilascio dei dati di vendita al dettaglio, le vendite erano aumentate del 5,4% con la crescita più alta registrata da 7 mesi a questa parte. La cifra ha superato le previsioni, con un lieve aumento dell’1,1% ed è aumentata del 7,4% rispetto a gennaio 2020.

Ci si aspetta che alla base dell’aumento della spesa al dettaglio nel mese di gennaio ci siano gli assegni destinato allo stimolo dell’economia. I cittadini americani hanno ricevuto 600 USD direttamente dalle casse del Tesoro, e sono in arrivo assegni ancora più corposi, poiché il pacchetto di stimoli del presidente Biden è stato approvato dalla Camera.

Sul lungo periodo, i venditori prevedono che il 2021 sarà un buon anno per il settore. Si prevede che stimoli e vaccini avranno un impatto reale sul settore, soprattutto se quest’anno si vedrà una strada che ci porterà fuori dal tunnel dei lockdown.

Il totale delle vendite al dettaglio potrebbe aumentare fino all’8,2% nel corso dell’anno per raggiungere oltre 4,33 bilioni di USD nel 2021, dal momento che sempre più persone stanno ricevendo il vaccino contro il COVID-19 e grazie anche alla riapertura dell’economia, come ha affermato la National Retail Federation (NRF) a febbraio. I porti si stanno quindi preparando a un picco nelle importazioni di beni di consumo.

Secondo i dati del Census Bureau, la domanda è aumentata in tutte le categorie chiave: automobili, elettronica, beni ricreativi, negozi di alimentari, materiali da costruzione e articoli per la casa come i mobili. La vendita al dettaglio al di fuori dei negozi fisici, compreso l’e-commerce, è cresciuta dell’11% nell’ultimo periodo in esame, a suggerire che la vendita al dettaglio online continua a guadagnare terreno dal momento che l’accesso ai negozi resta limitato.

Tutto ciò potrà proseguire anche a febbraio? E’ possibile che sia così. Molto dipende da quanto contante gli americani avranno ancora da spendere in beni di consumo e di lusso. Le eventuali forti vendite saranno un buon barometro per giudicare il ritmo della ripresa economica degli Stati Uniti.

 

I principali dati economici di questa settimana

 

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Tue 16th Mar  12.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
  12.30pm  USD  Retail Sales m/m 
       
Wed 17th Mar  All Day  EUR  Dutch Parliamentary Elections 
  12.30pm  CAD  CPI m/m 
  2.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
  6.00pm  USD  FOMC Economic Projections 
  6.00pm  USD  FOMC Statement 
  6.30pm  USD  FOMC Press Conference 
  9.45pm  NZD  GDP q/q 
       
Thu 18th Mar  12.30am  AUD  Employment Change 
  12.30am  AUD  Unemployment Rate 
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Summary 
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
       
Fri 19th Mar  12.30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
  12.30pm  CAD  Retail Sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

 

Date  Company  Event 
Tue 16th Mar  Volkswagen  Q4 2020 Earnings 
     
Wed 17 Mar  BMW  Q4 2020 Earnings 
  NorNickel  Q4 2020 Earnings 
     
Thu 18th Mar  Nike  Q3 2021 Earnings 
  Enel  Q4 2020 Earnings 
  FedEx  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Le novità sulle richieste di disoccupazione e sulle vendite al dettaglio, e inoltre i verbali del FOMC e gli indici PMI globali

Ci attende una settimana densa di avvenimenti. Per cominciare, saranno pubblicati i dati sulle richieste di disoccupazione negli Stati Uniti, che mostrano quanto sia attualmente grave l’impatto della pandemia sul mercato del lavoro statunitense. Verranno pubblicati anche i dati relativi alle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, dopo i deludenti risultati delle festività. Ci saranno anche i verbali della riunione del FOMC e i dati relativi agli indici PMI di tutto il mondo.

Le domande di disoccupazione negli Stati Uniti cresceranno di nuovo?

La pandemia continua a minare le basi del mercato del lavoro. La settimana prossima verranno pubblicati i dati relativi alle richieste di disoccupazione negli Stati Uniti, e se i dati precedenti possono fornire un’indicazione, le prospettive potrebbero essere un po’ confuse.

I dati sulle richieste della prima settimana di febbraio 2021 non erano ancora stati comunicati al momento della stesura di questo articolo, ma possiamo ugualmente ricavare alcuni indicatori su cosa dovremo aspettarci osservando il rapporto sulle richieste di disoccupazione relativo alla settimana terminata il 30 gennaio.

Le statistiche del Dipartimento del Lavoro pubblicate in quel periodo hanno rivelato che sono state fatte 779.000 richieste, contro le precedenti 830.000. Questo dato rappresenta un altro calo, al di sotto delle 900.000 domande, del numero di richieste negli ultimi mesi del 2020, con il tasso di disoccupazione complessivo che si attesta al 6,3% al 5 febbraio.

Tuttavia, sono ancora circa 17,5 milioni gli americani che ancora richiedono una qualche forma di sussidio di disoccupazione. 7,2 milioni sono sotto la Pandemic Unemployment Assistance, che offre un’assicurazione a chi è senza lavoro tra gli operai e ad altri che non hanno diritto a sussidi statali regolari.

I nonfarm payroll, vale a dire il numero di nuovi posti di lavoro aggiunti all’economia statunitense, continuano a restare invariati, e ciò suggerisce che la crescita dell’occupazione è ancora ben lontana da venire.

La disoccupazione non gioverà all’economia. Meno soldi nelle mani dei lavoratori significano una minore capacità di spesa, il che a sua volta significa che c’è la probabilità che le vendite al dettaglio diminuiscano (vedi sotto per maggiori dettagli), e meno denaro girerà intorno all’economia statunitense nel suo complesso, lasciando potenzialmente in stallo la crescita.

Il pacchetto di stimoli da 1,9 bilioni di USD di Biden contiene numerose norme tese ad aiutare le piccole imprese affinché paghino e non licenzino i propri lavoratori. Questo sarà sufficiente? Sembra che il progetto abbia una corsia preferenziale e che possa passare alla Camera, ma i suoi effetti non si vedranno sul breve termine, o finché il denaro non entrerà effettivamente nella disponibilità delle aziende.

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti: un altro brutto risultato?

Questa settimana potremo vedere l’impatto che il Covid-19 ha avuto sul settore delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, con il rilascio di una nuova serie di dati sulle vendite al dettaglio.

Le entrate di dicembre sono scese dello 0,7%, secondo i dati del Dipartimento del Commercio, come riportato da Bloomberg, il che getta un ombra sui risultati di MasterCard secondo cui le vendite del Ringraziamento e di Natale hanno in realtà superato le aspettative.

Tradizionalmente, le festività rappresentano il periodo più intenso per gli acquisti da parte dei consumatori statunitensi. Se si aggiungono il Black Friday e il Cyber Monday, caduti nello stesso periodo, ci si sarebbe aspettati perlomeno che le vendite online avessero avuto dei risultati soddisfacenti.

Inoltre, Amazon ha riferito che il Cyber Monday del 2020 è stato il suo miglior giorno di shopping in assoluto, con vendite in quelle 24 ore che hanno raggiunto i 9,2 miliardi di USD. Anche le vendite del Prime Day hanno superato le aspettative, accumulando vendite per 10,4 miliardi di USD.

Quindi, se Amazon ha vissuto un periodo eccezionale, perché le vendite al dettaglio sono in calo su tutto il fronte? Il lockdown, come è ovvio, sta mettendo in ginocchio i negozi fisici, ma è probabile che sia anche la perdita di posti di lavoro a ridurre il potere d’acquisto complessivo dei consumatori statunitensi. In buona sostanza, le vendite al dettaglio continueranno probabilmente a subire gravi perdite finché la pandemia non smetterà di imperversare.

Bloomberg riferisce che a determinare il calo sono state le perdite dei grandi magazzini, dei ristoranti e di altri punti vendita online non legati ad Amazon.

Gli stimoli saranno d’aiuto? Parte dell’ultimo pacchetto di stimoli del presidente Biden consistono in assegni individuali da 1.400 USD, che potrebbero indurre i cittadini americani a spendere un po’ di più in beni non essenziali.

Ma fino a mercoledì prossimo, quando le cifre di gennaio saranno rese pubbliche, non sapremo come stanno davvero le cose.

Il FOMC pubblica gli ultimi verbali delle sue riunioni

Un paio di settimane fa, il Federal Open Markets Committee si è riunito per la prima volta nel 2021, e le note dell’incontro verranno rese note al pubblico la settimana prossima.

Sappiamo dai rapporti che non è cambiato granché dalla riunione di dicembre: una prospettiva rialzista a lungo termine, determinata dai vaccini e dai pacchetti di stimolo, ma con rischio a breve termine. Anche se gli stimoli e i vaccini stanno tenendo alta la speranza per il futuro, nel presente i problemi relativi alla consegna dei vaccini, oltre alla perdita di terreno del mercato del lavoro, indicano che la Fed probabilmente toglierà il piede dall’acceleratore in merito ad eventuali importanti cambiamenti della politica monetaria.

Si è parlato di inflazione durante la discussione in commissione sulla riduzione degli acquisti di obbligazioni, ma non sembra esserci alcuna indicazione utile a presagire un rapido aumento dei tassi di interesse, anche se la disoccupazione scendesse su livelli che convenzionalmente farebbero suonare campanelli d’allarme sui prezzi.

Janet Yellen è uno dei volti nuovi ad entrare nel FOMC, con il ruolo di Segretario al Tesoro. Neil Wilson, il nostro Analista Capo dei mercati, vede spazio per una dinamica strutturale fiscale e monetaria più coesa con la nomina della Yellen. È in arrivo un passaggio alla moderna teoria monetaria?

Indici PMI: quali sono le prospettive?

La settimana prossima verranno pubblicati anche i dati sugli indici PMI nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Europa, che daranno alcune indicazioni sulla salute dell’economia in queste aree geografiche chiave.

Per l’Europa, le cose non vanno particolarmente bene. L’indice PMI di IHS Markit è sceso dai 49,1 punti di dicembre ai 47,5 punti di gennaio, allontanandosi da quota 50 punti che avrebbe indicato un trend in crescita. Potrebbe essere in arrivo una doppia recessione? Lo stato delle cose nelle principali economie dell’UE, Germania e Francia, mostra segnali diversi. Ad esempio, l’industria tedesca, con le esportazioni in crescita, sta aiutando a mantenere la Germania su una tendenza leggermente in crescita, ma non si può dire altrettanto per la Francia.

Nonostante ciò, non è tutto rose e fiori. Gli indici PMI manifatturieri definitivi di IHS Markit sono scesi a 54,8 a gennaio rispetto al 55,2 di dicembre, anche se c’è stato un ritocco leggermente al di sopra della stima “flash” iniziale di 54,7.

“La produzione manifatturiera della zona euro ha continuato ad espandersi a un ritmo sostenuto all’inizio del 2021, anche se la crescita si è indebolita ai suoi minimi dall’inizio della ripresa, perché i nuovi lockdown e la carenza delle forniture pongono ulteriori sfide ai produttori di tutta la regione”, ha affermato Chris Williamson, Chief Business Economist di IHS Markit, a quanto riporta Reuters.

Nel Regno Unito, l’indice flash PMI è sceso a 40.6 a gennaio, il risultato più basso da otto mesi a questa parte. Questo valore è di molto inferiore al 45,5 previsto dagli economisti intervistati da Reuters, e rappresenta la terza lettura consecutiva inferiore a 50. Nonostante il lancio del vaccino sia uno dei migliori al mondo, il Regno Unito resta in una situazione di lockdown rigido, ed è alle prese con le varianti dei ceppi virali, e sembra che tutto ciò stia ancora avendo un impatto importante non solo sulla salute fisica della nazione, ma anche sulla sua salute economica.

Gli indici PMI manifatturieri di gennaio registrano un aumento della produzione negli Stati Uniti. L’indice flash PMI manifatturiero negli Stati Uniti è salito a 59,1 nella prima metà di gennaio, il massimo da maggio 2007, da 57,1 a dicembre. In precedenza, gli economisti avevano previsto che l’indice sarebbe sceso a 56,5 all’inizio di gennaio. Riuscirà questa tendenza a continuare?

 

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Wed Feb 17  7.00am  GBP  CPI y/y 
  1.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
  1.30pm  USD  Retail Sales m/m 
  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
  1.30pm  USD  PPI m/m 
  7.00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Feb 18  1.30pm  USD  Unemployment claims 
  3.30pm  USD  Natural Gas Inventories 
  4.00pm  USD  Crude Oil Inventories 
       
Fri Feb 19  7.00am  GBP  Retail Sales m/m 
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
  9.00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
  9.00am  EUR  Flash Services PMI 
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
  1.30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
  1.30pm  CAD  Retail Sales m/m 
  2.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
  2.45pm  USD  Flash Services PMI 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Data  Company  Event 
Mon 15 Feb  BHP Billiton  Q2 2021 Earnings 
  Michelin  Q4 2020 Earnings 
  Liberty Global  Q4 2020 Earnings 
     
Tue 16 Feb  CVS Health  Q4 2020 Earnings 
  Palantir   Q4 2020 Earnings 
  AIG  Q4 2020 Earnings 
  Yandex  Q4 2020 Earnings 
  Bridgestone  Q4 2020 Earnings 
  Poste Italiane  Q4 2020 Earnings 
     
Wed 17 Feb  Shopify  Q4 2020 Earnings 
  Rio Tinto  Q4 2020 Earnings 
  BAT  Q4 2020 Earnings 
  Novatek  Q4 2020 Earnings 
  Hilton  Q4 2020 Earnings 
  Schindler  Q4 2020 Earnings 
  Garmin  Q4 2020 Earnings 
     
     
Thu 18 Feb  Walmart  Q4 2021 Earnings 
  Airbus  Q4 2020 Earnings 
  Daimler   Q4 2020 Earnings 
  Barrick Gold  Q4 2020 Earnings 
  EDF  Q4 2020 Earnings 
  Carrefour  Q4 2020 Earnings 
     
Fri 19 Feb  Hermés  Q4 2020 Earnings 
  Danone  Q4 2020 Earnings 
  RBS  Q4 2020 Earnings 
  Renault  Q4 2020 Earnings 

 

 

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?