Biden tax plan weighs on stocks, Bitcoin tumbles

European equity indices opened a tad lower on Friday morning after stocks fell on Wall Street on reports Joe Biden is planning to slap much higher capital gains taxes on the wealthy. This was always part of the equation when we looked at the implications of a Biden presidency, but markets have been pepped up on a mix of fiscal stimulus, the Fed’s extraordinarily accommodative stance, a strong cyclical impulse from the vaccine-led reopening and a bounce back in earnings. The major averages fell in lockstep, dropping by almost 1% , though the Russell 2000 ended the session flat as the selling was led chiefly by the longer-term growth names like Tesla and Amazon. The Dow Jones finished the day at 33,815, a decline of more than 300 pts. The S&P 500 closed down 0.92% at 4,134 and the Nasdaq Composite notched a similar decline to finish at 13,818. The FTSE 100 opened lower and is heading for a decline of more than 1% for the week. As of send time the CAC 40 had inched into the green. I would not describe risk as being offered as such; it’s been a pretty choppy week and I would be equally unsurprised if stocks turned around this afternoon and ended the week higher as I would if Wall Street led a sharp decline into the weekend.

The Biden administration is looking to raise the top marginal income tax rate to 39.6% from 37%, whilst also doubling capital gains tax to 39.6% for people earning more than $1 million. Tax the rich, hand it out to the poor. Sounds like furlough, but on a permanent basis. The big problem (one of many) in all this is the Senate – it would require support of all the Democrats in the upper chamber and this is far from assured. Stocks would probably be a lot lower if investors were really worried, and I think markets can overcome this move, even if it manages to pass through the Senate, which I don’t think it will. Nevertheless, coming off record highs and a good run up through the start of the year, the macro picture not really changing, rising Covid cases globally, strong earnings and other supportive factors largely priced in and the extent to which investors are ‘all in’ equities, we could be set for a downwards move in equities over the coming weeks. Beware seasonal factors (I dare not say ‘sell in May’…)

The economic picture continues to improve in the US. Initial claims for unemployment insurance fell to 547,000 last week, down from 576,000 the prior week and below the roughly 600,000 estimated. The number of continuing claims also fell.

Likewise, UK retail sales numbers were very positive in March as consumers opened their wallets ahead of the reopening of non-essential shops. Sales rose by 5.4% from February, well ahead of the 1.5% expected. Clothes, gardening goodies and specialist food items from bakers and butchers were in vogue.

Even Europe is showing immense resilience in the face of lockdowns – France’s Services PMI came in at 50.4 against 46.7 forecast, whilst the manufacturing survey surged to 59.12. The composite PMI rose to 51.7 from 50 previously, with the outperformance in services meaning it easily beat the 49.4 expected. Germany’s composite PMI came in at 56, still in expansion territory, but short of the 57 expected and down from the 57.3 in March.

The dollar is offered in early trade, with EURUSD jumping to 1.2050, Yesterday’s ECB presser high of 1.2070 is the main target for bulls. GBPUSD also tried to sustain a rally to 1.39 but hit resistance at 1.3890 and reversed a touch.

The euro remains steady following yesterday’s ECB meeting, which left markets on an even keel as the central bank managed to maintain its dovish stance and fend off chatter about wrapping up its emergency bond buying programme. Christine Lagarde played down any taper talk, saying this was ‘premature’ and that the recovery still has a long way to go. The yield on 10-year German bunds moved lower.

Bitcoin prices have tumbled. Spot trades under $48k this morning, meaning it’s down 25% from last week’s all-time high. The low tested several times in Feb at $44k is the big support. Basically, it seems to have been bid up on a lot of speculation (even more than usual) ahead of the Coinbase IPO and all this froth has evaporated like a lot of hot air. There has also been a cluster of regulatory reports and rumours that point to a clampdown and tighter regulation. JPMorgan analysts led by the closely-followed Nikalous Panigirtzoglou say the rollover in prices has been led by a steep liquidation in speculative futures positions. “Momentum signals will naturally decay from here for several months, given their still elevated level,” he says.

Shares in Coinbase are in for a hit should cryptos go further south. Also, Cathie Wood’s ARK Innovation ETF is still loading up on COIN – watch this one ,too. The Coinbase listing – the ultimate poacher-turned-gamekeeper moment – might have been the high watermark for Bitcoin.

I refer to two points we highlighted when Coinbase registered to go public:

1. Earnings are inextricably tied to crypto prices. This may be obvious, but it is interesting to see in black and white. “Our total revenue is substantially dependent on the prices of crypto assets and volume of transactions conducted on our platform. If such price or volume declines, our business, operating results, and financial condition would be adversely affected.”

2. More than anything it’s highly dependent on Bitcoin. A majority of Coinbase’s net revenue is from transactions in just two crypto assets: Bitcoin and Ethereum. For the year ended December 31, 2020, Bitcoin, Ethereum, and other crypto assets represented 70%, 13%, and 13% of assets on the platform respectively. “If demand for these crypto assets declines and is not replaced by new demand for crypto assets, our business, operating results, and financial condition could be adversely affected” says the filing.

Caveat emptor and all that.

La settimana che ci aspetta: intervento della BCE dopo le pressioni legate al vaccino

Gli annunci sui tassi della Banca centrale europea e della Bank of Canada sono i grandi temi della settimana. Assisteremo a importanti variazioni di politica? Le vendite al dettaglio nel Regno Unito saranno a loro volta monitorate ora che il paese sta emergendo dal lockdown. A Wall Street la stagione delle trimestrali dominerà le notizie.

Le vaccinazioni mettono pressioni sulla BCE in previsione della conferenza stampa.

Nuovo mese, nuova conferenza stampa della BCE.

Anche a questo giro è improbabile che la Banca centrale europea metta mano alla politica monetaria questo mese.

È più probabile che l’attenziona sia rivolta ai piani futuri della banca centrale. La questione principale in relazione alla ripresa economica è l’andamento della campagna vaccinale nell’Unione europea. Questo è quanto emerge dai verbali dell’incontro della BCE dell’11 marzo ultimo scorso.

I verbali sottolineano che i membri del Consiglio direttivo della BCE ritengono che la crescita economica di breve periodo dipenderà dall’evoluzione della pandemia.

In particolare emerge che: “Si è parlato dei lenti progressi della campagna vaccinale rispetto ad altre parti del mondo”. “Sono stati sollevati interrogativi su quanto sia realistico che le misure di contenimento possano essere ridotte già nel secondo trimestre. La debolezza dell’attività potrebbe estendersi al secondo trimestre, se non oltre”.

La sensazione è che tassi di infezione da COVID-19 ancora alti in Europa, la diffusione di mutazioni del virus e lockdown prolungati pesino sulla ripresa dell’Unione. La crescita del PIL potrebbe risultare inferiore a quanto prospettato in precedenza per il prossimo trimestre.

Detto ciò, il tasso di riferimento probabilmente non aumenterà. Il mantenimento di un basso costo dei prestiti per le banche nell’UE è una priorità, dal momento che il recente aumento dei rendimenti obbligazionari non risulta irrilevante nell’equazione.

Il membro del consiglio direttivo e presidente della Banca centrale olandese Klaas Knot ha indicato di non voler assistere ad un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato, in quanto questo può comportare uno stringimento delle condizioni economiche nell’UE. Dopo il recente impegno della BCE ad aumentare il programma di acquisto di obbligazione, questo è ciò che si vuole evitare per quanto possibile.

Possibili cambiamenti di politica in previsione dell’annuncio dei tassi della Bank of Canada?

Anche la Bank of Canada si riunirà per definire i tassi questa settimana. Non si prevedono variazioni di rilievo per quanto concerne la politica dei tassi canadesi, ma potrebbero esserci dei piccoli cambiamenti.

Una cosa che è improbabile che cambi è il tasso di politica della BCE, che dovrebbe rimanere bloccato allo 0.25% fino al 2023 quando l’economia si sarà ripresa.

La Banca centrale canadese sta esplorando la possibilità di apportare modifiche alla struttura di politica, valutando aspetti come inflazione media target, PIL nominale target, livello di prezzo target e doppio mandato occupazione e inflazione target.

Il contesto è di una generale serenità dei consumatori e delle banche nonostante tassi di interesse storicamente bassi.

“Nel complesso l’inflazione non è diventata una forte preoccupazione per i canadesi e la pandemia non ha cambiato in modo significativo l’opinione dei consumatori per l’inflazione” ha comunicato la BOC nell’ultimo sondaggio trimestrale sulle aspettative dei consumatori pubblicato il 12 aprile.

Il Governatore Macklem ha indicato “I canadesi sono consapevoli che l’inflazione colpisce gli altri in modo diverso”. “Questo condiziona il nostro programma di ricerca. Stiamo lavorando con Statistics Canada per adottare misure di inflazione mirate per gruppi specifici. Tale decisione fa seguito al nostro dialogo con i canadesi”.

Sappiamo che la Banca centrale sta valutando l’opportunità di chiudere il programma di alleggerimento quantitativo, pertanto potremmo saperne di più in merito alla strategia che intende adottare la banca in occasione del prossimo annuncio sui tassi.

Vendite al dettaglio nel Regno Unito verso un marzo positivo

Il Regno Unito ha aperto i negozi non essenziali, quindi potremmo assistere ad un boom in occasione della pubblicazione delle statistiche di aprile. Le vendite al dettaglio mese su mese di marzo verranno pubblicate questa settimana e gli indicatori puntano a risultati positivi nonostante le condizioni difficili dettate dalla pandemia.

Il monitor mensile delle vendite di KMPG e del British Retail Consortium evidenziano infatti una crescita. Tali rapporti anticipano le statistiche mese su mese che verranno pubblicate questa settimana, ma forniscono già un’indicazione dello stato di salute del settore al dettaglio nel Regno Unito.

Per contestualizzare meglio i dati, l’IRC ha deciso di comparare i dati sulle vendite tra il 2019 e il 2021 a causa dell’anomalia causata dalla pandemia nel 2020.

Le vendite al dettaglio nel Regno Unito sono aumentate dell’8.4% in un raffronto omogeneo con il mese di marzo 2019, calando invece dell’1.1% rispetto all’anno precedente.

Nei primi tre mesi a marzo, su base biennale, le vendite alla pari (alimentare escluso) sono calate del 44.4% in totale del 44.0% in un raffronto omogeneo. Si tratta di un raffronto peggiore rispetto al calo medio totale del 2019 del 3.1%.

Per il mese di marzo, il raffronto omogeneo a due anni escludendo i negozi temporaneamente chiusi evidenzia un calo. Questo era prevedibile. Fino alla scorsa settimana i negozi non essenziali sono rimasti chiusi nel Regno Unito, quindi le vendite in punti vendita fisici sono state sostanzialmente a zero.

Le vendite online sono continuate ad aumentare rapidamente a marzo, nell’ultimo mese di lockdown 3.0. Il BRC indica che il 60% delle vendite sono avvenute online durante il mese. L’IMRG, che continua a confrontare i dati del 2021 con quelli del 2020, indica che a marzo le vendite online sono aumentate del 71.7% rispetto allo stesso periodo lo scorso anno.

Potremo vedere un raffronto mese su mese in occasione della pubblicazione dei dati di questa settimana.

Inizio della stagione delle trimestrali a Wall Street

Dopo l’inizio con le grandi banche la scorsa settimana, entriamo nel vivo della stagione delle trimestrali ora. Riceveremo questa settimana i risultati di diverse aziende large cap.

Potremo vedere con maggiore chiarezza quali aziende continuano a beneficiare della pandemia e quali hanno arrancato nelle attuali condizioni.

Tra le large cap di questa settimana troviamo Coca-Cola, Johnson and Johnson, Intel, Netflix, SAP e altre ancora. Di seguito un elenco delle large cap che pubblicheranno le trimestrali.

I principali dati economici

Date Time (GMT+1) Currency Event
Tue 20-Apr 11.45pm NZD CPI q/q
Wed 21-Apr 2.30am AUD Retail Sales m/m
7.00am GBP CPI y/y
1.30pm CAD CPI m/m
  3.00pm CAD BOC Monetary Policy Report
3.00pm CAD BOC Rate Statement
3.00pm CAD Overnight Rate
3.30pm USD Crude Oil Inventories
4.00pm CAD BOC Press Conference
Thu 22-Apr 12.45pm EUR Main Referencing Rate
12.45pm EUR Monetary Policy Statement
1.30pm EUR ECB Press Conference
1.30pm USD Unemployment Claims
3.30pm USD US Natural Gas Inventories
Fri 23-Apr 7.00am GBP Retail Sales y/y
8.15am EUR French Flash Services PMI
8.15am EUR French Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Services PMI
9.00am EUR Flash Manufacturing PMI
  9.00am EUR Flash Services PMI
9.30am GBP Flash Manufacturing PMI
9.30am GBP Flash Services PMI

 

I principali rapporti sugli utili

Date Company Event
Mon 19-Apr Coca-Cola Q1 2021 Earnings
IBM Q1 2021 Earnings
Prologis Q1 2021 Earnings
United Airlines Q1 2021 Earnings
Tue 20-Apr Johnson & Johnson Q1 2021 Earnings
Proctor & Gamble Q3 2021 Earnings
Netflix Q1 2021 Earnings
Philip Morris Q1 2021 Earnings
Lockheed Martin Q1 2021 Earnings
Wed 21-Apr ASML Q1 2021 Earnings
NextEra Energy Q1 2021 Earnings
Anthem Inc. Q1 2021 Earnings
Canadian Pacific Railway Co. Q1 2021 Earnings
Ericsson Q1 2021 Earnings
Thu 22-Apr Intel Corp. Q1 2021 Earnings
AT&T Q1 2021 Earnings
Union Pacific Q1 2021 Earnings
Snap Inc. Q1 2021 Earnings
Blackstone Q1 2021 Earnings
LG Chem Q1 2021 Earnings
Volvo AB Q1 2021 Earnings
Fri 23-Apr Industrial & Commercial Bank of China Q1 2021 Earnings
Agricultural Bank of China Q1 2021 Earnings
Honeywell Q1 2021 Earnings
Bank of China Q1 2021 Earnings
PetroChina Q1 2021 Earnings
American Express Q1 2021 Earnings
Daimler Q1 2021 Earnings

La settimana che ci aspetta: Nuovi dati sugli IPC, sugli indici PMI e sui PIL

Questa settimana verranno pubblicati molti dati economici nelle economie chiave. A partire dal Regno Unito, vengono pubblicati i dati sugli IPC e sulle vendite al dettaglio, con permessi e lockdown ad incombere ancora sull’economia. I dati sul PIL degli Stati Uniti relativo all’ultimo trimestre del 2020 sono stati resi definitivi, ma l’attenzione sarà incentrata sul sentiment delle imprese, che trova la sua espressione in una nuova serie di dati sugli indici PMI dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dall’Eurozona, tra le alterne fortune sui vaccini nelle principali economie.

I dati sugli IPC nel Regno Unito

Questa settimana gli investitori e i trader FX osserveranno i dati sull’inflazione nel Regno Unito dopo la decisione della Banca d’Inghilterra.

L’inflazione è al centro dell’attenzione nel Regno Unito in questo momento, poiché gli effetti dell’aumento dei rendimenti obbligazionari, l’ulteriore sostegno economico del governo tramite il programma del cancelliere Sunak “spesa ora, tasse dopo” e la risposta della Banca d’Inghilterra continuano a ravvivare il quadro economico.

I dati dell’ONS mostrano che l’ultimo IPC sull’intero anno è allo 0,9%. Nel 2021, l’IPC dovrebbe salire all’1,5% nel corso dell’anno. Alcune stime suggeriscono che potrebbe persino salire all’1,8% entro aprile.

L’inflazione degli IPC nel Regno Unito è stata del -0,2% su base mensile a gennaio, in calo rispetto allo 0,3% di dicembre, ma la cifra è stata superiore al -0,4% che il mercato si aspettava.

L’inflazione sui prezzi al consumo è aumentata dello 0,7% su base annua a gennaio, dato che è al di sopra della cifra di dicembre dello 0,6% e anche al di sopra delle aspettative di consenso per una lettura dello 0,6%. La tendenza al rialzo di gennaio è stata guidata dall’aumento dei prezzi del cibo, dei trasporti e dei prodotti per la casa.

Le vendite al dettaglio nel Regno Unito

Questa settimana verranno pubblicati i dati sulle vendite al dettaglio nel Regno Unito. Gli ultimi dati del settore suggeriscono che febbraio è stato un mese forte per il settore della vendita al dettaglio nel Regno Unito, secondo l’analisi condotta da KPMG.

Rispetto alle statistiche dell’anno scorso, le vendite totali sono aumentate dell’1% a febbraio su base comparabile. Va sottolineato che si è verificata una brusca inversione delle vendite al dettaglio rispetto al mese di gennaio, con una contrazione delle vendite dell’1,3% rispetto ai dati del 2020.

A guidare la crescita di febbraio è stata la riapertura delle scuole di marzo in tutta l’Inghilterra. La spesa per articoli non alimentari, come grembiuli scolastici e cancelleria, è aumentata quando i consumatori sono stati attratti dalle spese legate al ritorno a scuola.

I negozi di beni non essenziali sono ancora chiusi in Inghilterra e così resteranno fino al 12 aprile. Le vendite online stanno beneficiando notevolmente del lockdown, principalmente perché i consumatori non hanno altra scelta che utilizzare i punti vendita digitali per comprare i cosiddetti beni non essenziali. La spesa non alimentare rappresenta il 61% delle vendite di febbraio, quasi il doppio rispetto al 31% di febbraio 2020.

Tuttavia, come spiega Barclaycard, a febbraio la spesa complessiva dei consumatori è in calo del 13,8% su base annua. Le restrizioni del lockdown continuano a pesare sui settori dell’ospitalità e del tempo libero. Senza dubbio questi settori cresceranno, quando a giugno verranno rimosse le restrizioni legate al lockdown, ma fino ad allora le performance non potranno essere buone.

Gli indici PMI negli USA, nel Regno Unito e nell’Eurozona

Questa settimana verranno pubblicati i dati sugli indici PMI nelle principali economie, così come i risultati degli indici azionari di Regno Unito, Stati Uniti e UE.

A partire dal Regno Unito, gli osservatori sperano che lo slancio iniziato a febbraio continui anche a marzo. L’indice PMI composito IHS Markit/CIPS ha dato un risultato di 49,6 a febbraio, rispetto ai minimo da otto mesi registrato a gennaio pari a 41,2.

Alcuni settori stanno ottenendo risultati superiori alle aspettative. Secondo IHS Markit, a febbraio il settore edilizio nel Regno Unito è stato più attivo del previsto, con il PMI edilizio passato da 49,2 a 53,3 dal momento che i progetti fermati a causa del Covid-19 hanno avuto il via libera per iniziare o per proseguire. Anche il settore manifatturiero ha continuato a crescere, salendo a 55,1 il mese scorso.

Tuttavia, a restare deludenti sono i servizi, con la revisione del dato di febbraio, indicato a 49,5 e quindi ancora al di sotto della soglia di crescita di 50 punti. Forse c’era da aspettarselo. I settori del tempo libero e dell’ospitalità sono ancora fortemente gravati da limitazioni, quindi non ci sarà da aspettarsi tendenze al rialzo nel mese di marzo.

I leader dell’UE avevano iniziato a tirare un sospiro di sollievo dopo i dati di febbraio. Ad esempio, la produzione è salita dai 54,8 punti di gennaio a 57,9 di febbraio – il massimo da 3 anni – guidata dalle ottime prestazioni di Paesi Bassi e Germania.

Tuttavia, da quel momento le prospettive per l’Europa sono peggiorate, poiché i casi Covid in Francia e Germania sono aumentati vertiginosamente e l’Italia è entrata nuovamente in un nuovo lockdown. I dati dell’indagine potrebbero non riflettere pienamente gli ultimi sviluppi.

Passando dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, l’indice manifatturiero PMI degli Stati Uniti ha avuto un febbraio ricco di soddisfazioni, riuscendo ad oscurare i pur positivi numeri dell’UE. Il PMI manifatturiero statunitense si è infatti attestato a 60,8, raggiungendo il livello più alto registrato negli ultimi 3 anni. Tuttavia, questa notevole crescita potrebbe essere mitigata da problemi nella catena di approvvigionamento.

Secondo i produttori intervistati dall’Institute for Supply Management (ISM), i prezzi delle materie prime e dei componenti sono in aumento. Ad esempio, il prezzo dell’acciaio è aumentato, il che influisce in modo massiccio sui prezzi del settore manifatturiero statunitense.

Il PIL negli USA

Questa settimana saranno resi noti gli ultimi dati sul PIL degli Stati Uniti nel quarto trimestre del 2020, ma tutti gli occhi sono puntati sulle previsioni aggiornate per il 2021. La scorsa settimana la Federal Reserve ha alzato le sue previsioni di crescita per quest’anno al 6,5% rispetto al 4,2% che era stato previsto durante la riunione di dicembre.

Quest’anno anche l’OCSE e diverse banche di investimento hanno rivisto al rialzo le loro previsioni relative alla crescita negli Stati Uniti. Pertanto, saranno da tenere d’occhio i dati ad alta frequenza, come le richieste settimanali di disoccupazione e le cifre sul reddito e sulle spese personali, in particolare con l’arrivo degli assegni di stimolo da 1.400 USD.

Tuttavia, i mercati amano guardare avanti, non indietro. I dati sul PIL del primo trimestre del 2021 saranno molto interessanti per il mercato. Su questo fronte, le prospettive sono ottimistiche.

A dicembre, Goldman ha rivisto con un aumento del 5% le sue cifre sul PIL nel primo trimestre del 2021, dopo l’approvazione del pacchetto di 900 miliardi USD di stimoli. L’ulteriore pacchetto di stimoli da 1,9 bilioni di USD di Joe Biden è stato approvato, il che potrebbe influenzare i movimenti sul PIL nel trimestre.

Più recentemente, la Fed di Filadelfia ha stimato la crescita del PIL del primo trimestre 2021 al 3,2%, auspicando migliori prospettive relative al mercato del lavoro, nonostante abbia anche aumentato le sue aspettative sull’inflazione fino al 2,5% per il rilascio dell’IPC di questo trimestre. La Fed di Atlanta è ancora più ottimista rispetto ai colleghi del nord. Il suo Nowcast iniziale pone la crescita del PIL trimestrale al 5,2%, in linea con la stima di dicembre effettuata da Goldman.

Il punto sulla disoccupazione sollevato da Filadelfia è qui pertinente. Gli ultimi nonfarm payroll hanno indicato che il mercato del lavoro stava cominciando a prendere linfa vitale, con un aumento di 379.000 unità. Più persone occupate significano una maggiore produttività, e di conseguenza una sana crescita del PIL nel primo trimestre.

In sostanza, finora l’economia statunitense appare più sana nel 2021. Morgan Stanley si è persino spinto ad indicare che la crescita del PIL su ritmi pre-pandemia inizierà già alla fine di marzo. Questo obiettivo potrebbe essere un po’ troppo ambizioso, ma indica che c’è una maggiore fiducia nei confronti degli Stati Uniti.

 

I principali dati economici di questa settimana

 

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Wed 24 Mar  7.00am  GBP  UK CPI y/y 
  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
  9.00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
  9.00am  EUR  Flash Services PMI 
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
  1.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
  1.45pm  USD  Flash Services PMI 
  2.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 25 Mar  8.30am  CHF  SNB Monetary Policy Statement 
  12.30pm  USD  Final GDP q/q 
  2.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri 26 May  7.00am  GBP  Retail Sales m/m 
  9.00am  EUR  German ifo Business Climate 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

 

Date  Company  Event 
Mon 22 Mar  Saudi Aramco  Q4 2020 Earnings 
        
Tue 23 Mar  Adobe  Q1 2021 Earnings 
   Markit  Q1 2021 Earnings 
        
Wed 24 Mar  Tencent Holdings  Q4 2020 Earnings 
   Geely Motors  Q4 2020 Earnings 
        
Thu 25 Mar  CNOOC  Q4 2020 Earnings 

Stocks firm, earnings unmask weakness, OPEC+ decision eyed

European markets moved up again this morning after stocks rallied on Wall Street and futures indicate further gains for US equity markets despite big bank earnings underlining the problems on Main Street. Sentiment recovered somewhat after Moderna’s vaccine candidate showed ‘promising’ results from phase 1 trials. It is too early to call a significant breakthrough, but it’s certainly encouraging.

Cyclical components led the way for the Dow with top performers the likes of Caterpillar and Boeing, as well as energy names Exxon and Chevron up over 3% as the index rose over 500pts, or 2.1%, its best day in over two weeks. Apple shares regained some ground to $388 ahead of an EU court ruling today on whether the company should repay €13bn in unpaid taxes.

Asian markets were mixed, with China and Hong Kong lower as US-China tensions rose, but shares in Japan and Australia were higher. European shares advanced around 0.75% in early trade, with the FTSE reclaiming 6,200 and the DAX near 12,800.

However, Tuesday’s reversal off the June peak may still be important – lots of things need to go right to extend the rally and you must believe this reporting season will not be full of good news, albeit EPS estimates – such as they are – may be relatively easy to beat.

My sense is what while the stock market does not reflect the real economy, this does not mean we are about to see a major drawdown again like we saw in March. The vast amount of liquidity that has been injected into the financial system by central banks and the fiscal splurge will keep stocks supported – the cash needs to find a home somewhere and bonds offer nothing. It will likely take a significant escalation in cases – a major second wave in the winter perhaps – to see us look again at the lows.

For the time being major indices are still chopping around the Jun-Jul ranges, albeit the S&P 500 and DAX are near their tops. Failure to breakout for a second time will raise the risk of a bigger near-term pullback, at least back to the 50% retracement of June’s top-to-bottom move in the second week of that month.

Trading revenues, loan loss provisions surge at US banks

US bank earning highlighted the divergence between the stock market and the real economy. JPMorgan and Citigroup posted strong trading revenues from their investment bank divisions but had to significantly increase loan loss provisions at their consumer banks. Wells Fargo – which does have the investment banking arm to lean on – increased credit loss provisions in the quarter to $9.5bn from $4bn in Q1, vs expectations of about $5bn.

This begs the question of when the credit losses from bad corporate and personal debt starts to catch up with the broader market. Moreover, investors need to ask whether the exceptional trading revenues are all that sustainable. Shares in Citigroup and Wells Fargo fell around 4%, whilst JPMorgan edged out a small gain. Goldman Sachs, BNY Mellon and US Bancorp report today along with Dow component UnitedHealth.

UK retail earnings

In the UK, retail earnings continue to look exceptionally bleak. Burberry reported a drop in sales of 45% in the first quarter, with demand down 20% in June. Asia is doing OK, but the loss of tourist euros in Europe left EMEIA revenues down 75% as rich tourists stayed clear of stores because of lockdown. Sales in the Americas were down 70% but there is a slight pickup being seen. Encouragingly, mainland China grew mid-teens in Q1 but grew ahead of the January pre COVID level of 30% in June, Burberry said. Shares opened down 5%.

Dixons Carphone reported a sharp fall in adjusted profit to £166m from £339m a year before, with a statutory loss of £140m reflecting the cost of closing Carphone stores. Electricals is solid and online sales are performing well, with the +22% rise in this sector including +166% in April. Whilst Dixons appears to have done well in mitigating the Covid damage by a good online presence, the Mobile division, which was already impaired, continues to drag.

Looking ahead, Dixons says total positive cashflow from Mobile will be lower than the previous guidance of about £200m, in the range of £125m-£175m. Shares fell 6% in early trade.

White House ends Hong Kong special status, US to impose sanctions

US-China tensions are not getting any better – Donald Trump signed a law that will allow the US to impose sanctions on Chinese officials in retaliation for the Hong Kong security law. The White House has also ended the territory’s special trade status – it is now in the eyes of the US and much of the west, no different to rest of China. This is a sad reflection of where things have gone in the 20+ years since the handover.  Britain’s decision to strip Huawei from its telecoms networks reflects a simple realpolitik choice and underscores the years of globalisation are over as east and west cleave in two.

The Bank of Japan left policy on hold but lowered its growth outlook. The forecast range by BoJ board members ranged from -4.5% to -5.7%, worse than the April range of -3% and –5%. It signals the pace of recovery in Japan and elsewhere is slower than anticipated.

Federal Reserve Governor Lael Brainard talked up more stimulus and suggested stricter forward guidance would be effective – even indicating that the central bank could look at yield curve control – setting targets for short- and medium-term yields in order to underpin their forward guidance.

EUR, GBP push higher ahead of US data; BOC decision on tap

In FX, we are seeing the dollar offered. EURUSD has pushed up to 1.1430, moving clear of the early Jun peak, suggesting a possible extension of this rally through to the March high at 1.15. GBPUSD pushed off yesterday’s lows at 1.2480 to reclaim the 1.26 handle, calling for a move back to the 1.2670 resistance struck on the 9-13 July.

Data today is focused on the US industrial production report, seen +4.3% month on month, and the Empire State manufacturing index, forecast at +10 vs -0.2 last month. The Bank of Canada is expected to leave interest rates on hold at 0.25% today, so we’ll be looking to get an update on how the central bank views the path of economic recovery.  Fed’s Beige Book later this evening will offer an anecdotal view of the US economy which may tell us much more than any backward-looking data can.

Oil remains uncertain ahead of OPEC+ decision

Oil continues to chop sideways ahead of the OPEC+ decision on extending cuts. WTI (Aug) keeps bouncing in and off the area around $40 and price action seems to reflect the uncertainty on OPEC and its allies will decide. The cartel is expected to taper the level of cuts by about 2 million barrels per day from August, down from the current record 9.7 million bpd. Secretary General Mohammad Barkindo had said on Monday that the gradual easing of lockdown measures across the globe, in tandem with the supply cuts, was bringing the oil market closer to balance.

However, an unwinding of the cuts just as some economies put the brakes on activity again threatens to send oil prices lower. OPEC yesterday said it expects a bullish recovery in demand in the second half, revising its 2020 oil demand drop to 8.9m bpd, vs the 9m forecast in June. The cartel cited better data in developed nations offsetting worse-than-expected performance in emerging markets. EIA inventories are seen showing a draw of 1.3m barrels after last week produced an unexpected gain of 5.7m barrels.

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?