La settimana che ci aspetta: La conferenza stampa della BCE, Joe Biden entra alla Casa Bianca e il proseguimento della stagione degli utili

In attesa della prossima settimana, la BCE terrà la sua prima riunione con la relativa conferenza stampa di quest’anno. L’inflazione sta arrivando nell’UE? Altrove, la stagione degli utili continua con capitalizzazioni sempre maggiori ad indicare guadagni, e Joe Biden finalmente entra alla Casa Bianca mentre l’era Trump giunge al termine.

La prima riunione della BCE nel 2021

La BCE terrà la sua prima riunione e la relativa conferenza stampa del 2021 nella giornata di giovedì 21 gennaio in uno sfondo di stimoli intensificati, con l’avvertimento ai governi di non essere troppo frettolosi nel tirare nuovamente la cinghia nel periodo post-lockdown.

Christine Lagarde, presidente della BCE, ha avvertito di evitare di reagire con troppa fretta a qualsiasi miglioramento delle condizioni economiche quest’anno se l’inflazione inizierà a farsi sentire. Nel suo discorso di mercoledì 14 gennaio, la Lagarde ha previsto un rimbalzo a causa della “compressione della domanda”, ma ha detto che ciò non può essere sufficiente per giustificare un significativo riallineamento della politica monetaria in quanto potrebbero verificarsi seri rischi.

La pandemia ha portato a un forte aumento dei risparmi delle famiglie in tutta Europa con un corrispondente calo delle attività di servizi come ristoranti, vacanze e ingressi al cinema. Tutto questo ha contribuito alla pressione al ribasso sui prezzi, accelerata dalla riduzione dei costi energetici e dai tagli dell’IVA in paesi come la Germania. Pertanto, il tasso di inflazione della BCE è passato in zona negativa negli ultimi mesi del 2020.

Un’altra causa di deflazione è il rafforzamento dell’Euro contro il Dollaro americano, che ha recentemente toccato i massimi da tre anni a questa parte. I prezzi in importazione sono più bassi, mentre quelli in esportazione sono più alti.

I prezzi potrebbero iniziare ad aumentare nei prossimi mesi, secondo le previsioni della BCE. Le ultime previsioni per la zona Euro suggeriscono che l’inflazione dei prezzi al consumo raggiungerà l’1% nel 2021 e l’1,3% entro il 2023.

Nel mese di dicembre 2020, la BCE ha ampliato la sua più importante politica di stimoli. Il suo programma di acquisto di obbligazioni di emergenza è aumentato di 500 miliardi di Euro, raggiungendo il totale di 1,85 trilioni di Euro. La BCE ha anche rimodellato le sue previsioni economiche, rivedendole al ribasso in risposta alla recrudescenza della pandemia in tutta Europa.

La Banca Centrale prevede ora un tasso di crescita in Europa pari al 3,9% nel 2021, tenendo conto del protrarsi delle misure di blocco. Tuttavia, ha affermato che qualsiasi blocco dopo marzo potrebbe avere gravi ripercussioni economiche. Gli ultimi dati sul PIL della Germania mostrano una contrazione del 5%, quindi se la più grande economia del vecchio continente sta soffrendo, quale sarà l’effetto a catena negli altri paesi?

Continua la stagione degli utili a Wall Street

La stagione degli utili prosegue, mentre le grandi aziende continuano a riferire i loro rapporti sul quarto trimestre del 2020.

La settimana scorsa hanno iniziato le grandi banche statunitensi, con JPMorgan Chase, Citigroup e Wells Fargo a pubblicare i loro rapporti iniziali. Questa settimana l’approccio sarà più variegato, come riferiscono le società a grande capitalizzazione e le blue chip di tutti i settori.

Netflix è una delle società a presentare utili da osservare questa settimana. Il mercato si aspetta che il servizio di streaming generi un aumento dei ricavi anno su anno, ma i rapporti dell’ultimo trimestre sono riusciti appena a superare le aspettative del mercato. II guadagni per azione del terzo trimestre sono stati significativamente sotto le previsioni, a 1,74 USD contro i 2,12 USD che gli analisti si aspettavano. La cosa si ripeterà? Il mercato della regione Asia-Pacifico è stato quello di maggiore crescita per Netflix nel mondo durante il lockdown, perciò sarà interessante vedere se l’azienda sarà stata in grado di sfruttare i suoi precedenti guadagni compensando eventuali cali in altre aree geografiche.

L’assunzione dei poteri di Joe Biden

Il Presidente eletto Joe Biden diventerà il Presidente Joe Biden il 20 gennaio, segnando la fine della presidenza Trump. A quattro anni da quando la star miliardaria dei reality TV ha vinto la sfida per la Casa Bianca, l’America è divisa come mai prima. Riuscirà Biden ad essere il pacificatore di cui gli Stati Uniti hanno bisogno per tornare ad essere nuovamente un po’ più uniti?

Nel momento della stesura di questo articolo, il presidente Trump è accusato di aver istigato i recenti disordini al Campidoglio con la sua retorica incendiaria e sta per essere colpito dal suo secondo processo di impeachment del suo mandato. Nessun Presidente americano era mai stato sottoposto al procedimento di impeachment per due volte nel corso del suo mandato. Anche se manca meno di una settimana alla fine del suo mandato, Trump potrebbe essere rimosso dall’incarico e potrebbe persino dover affrontare accuse penali: una fine umiliante per una presidenza che a volte è stata meno che dignitosa.

Ma che dire dell’inizio dell’era Biden? Come reagiranno i mercati? Sono diversi i fattori a cui prestare attenzione mentre Biden inizia il suo mandato, come ad esempio:

  • Stimoli fiscali – La fiducia degli investitori potrebbe essere rafforzata da potenziali pacchetti di stimoli che Biden dovrebbe introdurre. Ha giurato “trilioni” di stimoli una volta salito alla Casa Bianca. La Federal Reserve potrebbe anche continuare a fornire importanti supporti ai mercati durante le prime due settimane del nuovo mandato presidenziale.
  • Commercio estero – Ci si aspetta che Biden segua un approccio multilaterale al commercio estero, e le sue politiche potrebbero essere avere un carattere più riconciliatore rispetto all’atteggiamento sciovinista di Trump.
  • Covid-19 – Dopo che l’amministrazione Trump si è dimostrata lassista nei confronti del controllo della pandemia, sembra che Biden voglia orientarsi verso un approccio più pratico. I suoi piani comprendono l’implementazione più rapida del vaccino, un piano maggiormente dettagliato per far rientrare i bambini a scuola e la richiesta a tutti gli americani di indossare le mascherine per i primi 100 giorni del suo mandato allo scopo di contrastare la diffusione del virus. In sostanza, si tratta di misure per fare in modo che più cittadini possano tornare al lavoro e far ripartire l’economia.

Dopo l’elezione di Joe Biden a novembre, l’indice S&P500 è salito del 5,2%. L’assunzione dei poteri di Biden determinerà lo stesso impulso positivo sull’indice S&P500?

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 18  2.00am  CNH  GDP q/y 
       
Tue Jan 19  7.00am  EUR  German Final CPI m/m 
       
Wed 20 Jan  7.00am  GBP  CPI y/y 
       
  1.30pm  CAD  CPI m/m 
       
  3.00pm  CAD  BOC Monetary Policy Report 
       
  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
       
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
       
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
  Tentative  USD  President-Elect Biden Speaks 
       
Thu Jan 21  12.00am  AUD  Employment Change 
       
  12.00am  AUD  Unemployment Rate 
       
  Tentative  JPY  BOJ Outlook Report 
       
  Tentative  JPY  Monetary Policy Statement 
       
  12.45pm  EUR  Main Referencing Rate 
       
  12.45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
       
  1.30pm  EUR  ECB Press Conference 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
       
  9.45pm  NZD  CPI q/q 
       
Fri Jan 22  7.00am  GBP  Retail Sales m/m 
       
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
       
  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
       
  9.00am  EUR  EU Flash Manufacturing PMI 
       
  9.00am  EUR  EU Flash Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
       
  1.30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  CAD  Retail Sales m/m 
       
  2.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
       
  2.45pm  USD  Flash Services PMI 
       
  3.30pm  USD  Natural Gas Storage 
       
  4.00pm  USD  Crude Oil Inventories 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Tue Jan 19  Bank of America Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Netflix Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Charles Schwab  Q4 2020 Earnings 
  Goldman Sachs  Q42020 Earnings 
  State Street Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Halliburton Co.  Q4 2020 Earnings 
  Logitech S.A.  Q3 2021 Earnings 
  J.B Hunt Transportation Services Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Larsen & Toburo Infotech Ltd.  Q3 2021 Earnings 
     
Wed Jan 20  Procter & Gamble Co.  Q2 2021 Earnings 
  UnitedHealth Inc.  Q4 2020 Earnings 
  ASML NV  Q4 2020 Earnings 
  Morgan Stanley  Q4 2020 Earnings 
  U.S. Bancorp  Q4 2020 Earnings 
  Bank of New York Mellon  Q4 2020 Earnings 
  Kinder Morgan Inc (P)  Q4 2020 Earnings 
  Fastenal Co.  Q4 2020 Earnings 
  Discover Financial Services  Q4 2020 Earnings 
  Citizens Financial Group Inc.  Q4 2020 Earnings 
  United Airlines Holdings Inc  Q4 2020 Earnings 
     
Thu Jan 21  Intel Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Costco Wholesale Corp.  Q4 2020 earnings 
  Union Pacific Corp.  Q4 2020 Earnings 
  IBM Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Intuit Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Intuitive Surgical Inc  Q4 2020 Earnings 
  CSX Corp.  Q4 2020 Earnings 
  BB&T Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Investor AB   Q4 2020 Earnings 
  Travelers Inc (Travelers Companies)  Q4 2020 Earnings 
  Sandvik AB  Q4 2020 Earnings 
  Fifth Third Bancorp  Q4 2020 Earnings 
  Northern Trust Corp.  Q4 2020 Earnings 
  M&T Bank Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Woodside Petroleum Ltd.  Q4 2020 Earnings 
  KeyCorp  Q4 2020 Earnings 
  Baker Hughes Inc.  Q4 2020 Earnings 
     
Fri Jan 22  Schlumberger N.V. (Ltd)  Q4 2020 Earnings 
  Kia Motors Corp.  Q4 2020 Earnings 
  UltraTech Cement Ltd  Q4 2020 Earnings 
  Kansas City Southern  Q4 2020 Earnings 
  HDFC Standard Life Insurance Company Ltd Registered Shs  Q3 2021 Earnings 
  Regions Financial Corp.  Q4 2020 Earnings 
  Huntington Bancshares Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Ally Financial Inc  Q4 2020 Earnings 
  Gjensidige Forsikring ASA  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: E’ in arrivo la stagione degli utili negli Stati Uniti

Questa settimana tutti gli occhi sono puntati sugli Stati Uniti. La stagione dei guadagni inizia a fare sul serio con le grandi banche di investimento di Wall Street che pubblicheranno i loro ultimi rapporti dopo un anno in cui i ricavi del trading hanno compensato i crediti inesigibili – questa tendenza sarà destinata a continuare? Su un altro piano, l’Indice dei Prezzi al Consumo americano sarà al centro dell’attenzione: sta arrivando l’inflazione? Anche le richieste di disoccupazione negli Stati Uniti sono tornate, indicando che anche questa settimana sono stati persi dei posti di lavoro, e faremo anche una previsione di come potrebbero essere le vendite al dettaglio negli Stati Uniti dopo le spese del periodo festivo a cavallo tra i mesi di novembre e dicembre.

La stagione degli utili negli Stati Uniti

La stagione degli utili inizia a Wall Street con le grandi banche, che questa settimana annunceranno per prime i loro ultimi dati finanziari del trimestre. Il 15 gennaio i tre grandi istituti bancari JPMorgan, Citigroup e Wells Fargo apriranno i loro libri mastri per far sapere al mercato cosa è successo ai loro guadagni nel quarto trimestre 2020.

JPMorgan Chase ha già dichiarato che assegnerà dividendi per il decimo anno consecutivo. Le azioni sono state sulle montagne russe negli ultimi 12 mesi a causa della pandemia, ma si sono riprese di gran lena grazie ai vaccini e all’aumento dei rendimenti obbligazionari, e ora sono quasi tornate attorno alla cifra di 140 USD alla quale erano scambiate l’anno scorso in questo periodo.

Nel terzo trimestre, l’utile netto di JPM è cresciuto del 4%, mentre l’utile per azione ha registrato una crescita annua del 9% attestandosi a 2,92 USD. Il return on equity ha mostrato anche un robusto 15% insieme a un solido rapporto di efficienza del 58%, quindi JPMorgan potrebbe dimostrare di avere ciò che serve per farcela in quello che si è rivelato un ambiente difficile per le banche.

Citigroup prevede di riavviare i riacquisti di azioni nel 2021 dopo che la Fed ha dato il via libera ai grandi riacquisti di azioni bancarie statunitensi a determinate condizioni nel dicembre 2020. Inoltre sta attirando l’attenzione positiva degli analisti, che prevedono che il suo EPS a 12 mesi potrebbe aumentare in modo consistente. Si prevede che in futuro guadagnerà 4,27 USD per azione, ecco perché gli investitori osserveranno queste comunicazioni sugli utili con grande interesse. Inoltre, Citigroup continuerà a pagare agli azionisti un dividendo trimestrale di 0,51 USD come al solito.

Wells Fargo probabilmente non è così esultante nel preparare i resoconti dei suoi utili nel quarto trimestre 2020. Le azioni della terza banca degli Stati Uniti sono calate del 43% nel 2020 tra scandali per le vendite, sfide in termini di entrate, cambiamenti nella gestione e arresto dei riacquisti di azioni. Questo dato va confrontato con il calo complessivo del settore bancario del 18,2%. A differenza di JPM e Citigroup, Wells Fargo non può fare affidamento su una banca d’investimento o sui ricavi del trading per tirarsi fuori dal buco creato dai crediti inesigibili.

Vendite al dettaglio negli Stati Uniti

Questa settimana verranno annunciati i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, fresche delle festività natalizie.

Il periodo festivo è tradizionalmente un periodo in cui i consumatori si viziano un po’, offrendo un sollievo per i rivenditori, proprio come è lecito aspettarsi. Tuttavia, con il coronavirus a pesare sul sentiment, le aspettative sono state piuttosto basse per quanto riguarda le statistiche di dicembre.

Mastercard SpendingPulse potrebbe mostrare che il quadro è in realtà roseo proprio come le allegre guance del buon vecchio Babbo Natale, con i saldi per le festività della durata di 75 giorni, che includono il Ringraziamento e il Natale, superando le aspettative. Le vendite sono aumentate del 3% rispetto alla previsione del 2,4% e le vendite online sono aumentate di uno strabiliante 49%.

Tutto ciò rifletterà le prospettive positive che ha fornito Mastercard? Fitch consiglia una certa prudenza. Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno dovuto fare i conti con la pandemia di Covid, oltre ad altri fattori associati come la disoccupazione e la perdita di reddito per i principali gruppi di acquisto. I dati verranno pubblicati venerdì 15, perciò varrà la pena tenere gli occhi aperti.

L’indice dei prezzi al consumo negli USA

I dati principali relativi all’indice dei prezzi al consumo verranno pubblicati questa settimana, e aiuteranno a capire se l’inflazione si sta facendo strada negli Stati Uniti. I pacchetti di incentivi progettati per alleviare le pressioni economiche del Covid-19 potrebbero anche stimolare l’inflazione nel 2021. La scorsa settimana i break even statunitensi a 10 anni sono aumentati di oltre il 2% per la prima volta in 2 anni, indice di crescenti timori nel mercato relativi al fatto che l’inflazione potrebbe iniziare a farsi sentire.

L’ultimo rilascio dei dati, risalente a dicembre 2020 e che aveva descritto nel dettaglio la performance dell’IPC di novembre, aveva mostrato un aumento dello 0,2% per i consumatori nelle città. Ciò si è tradotto in un aumento complessivo dell’1,2%. L’aumento di novembre è stato di ampio respiro, e nessun settore singolo ha rappresentato più di un quarto dell’aumento.

Nella nostra previsione per il 2021, abbiamo immaginato l’inflazione sotto forma di un cane che potrebbe abbaiare ancora più forte nel 2021. Oltre agli incentivi che abbiamo citato, ci sono anche altri aspetti che potrebbero creare pressioni inflazionistiche sui prezzi futuri, ad esempio l’aumento dei prezzi del petrolio. Vedremo cosa ci rivelerà il primo rilascio dei dati sugli IPC di gennaio.

Le richieste di disoccupazione negli USA

Control le aspettative, le richieste di disoccupazione sono state inferiori a 800.000 unità alla fine del 2020, e questa tendenza relativamente positiva è proseguita anche a gennaio. La pandemia non è stata tenera con il mercato del lavoro, e pare che continuerà a sferzare gli Stati Uniti con il passare del tempo. Tuttavia, i dati sulle richieste di disoccupazione relativi alla settimana terminata il 2 gennaio, che hanno contato 787.000 nuovi richiedenti, hanno mostrato che i livelli sono rimasti stabili nelle due settimane precedenti.

Nonostante il programma di vaccinazione che inizia a diffondersi negli Stati Uniti, le restrizioni sui viaggi e sul lavoro in settori come l’ospitalità continuano a colpire duramente i posti di lavoro. Finché la pandemia non sarà sconfitta e le persone non potranno iniziare a frequentare bar, club e qualsiasi altro luogo legato ai servizi di ospitalità, il calo di posti di lavoro potrebbe diventare ancora più pesante.

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 11th  1.30am  CNH  CPI y/y 
       
  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  2.30pm  CAD  BOC Business Outlook Survey 
       
Tue Jan 12th  12.01pm  GBP  BRC Retail Sales Monitor y/y 
       
Wed Jan 13th  10.00am  EUR  Industrial Production y/y 
       
  1.30pm  USD  CPI m/m 
       
  1.30pm  USD  Core CPI w/m 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu Jan 14th  7.00am  EUR  German Prelim GDP q/q 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Storage 
       
Fri Jan 15th  7.00am  GBP  GDP m/m 
       
  1.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  USD  Retail Sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Tue Jan 12  Yaskawa Electric Corp.  Q3 2020 Earnings 
     
Wed Jan 13  Markit  Q4 2020 Earnings 
  Wipro Ltd.  Q3 2021 Earnings 
  Aeon  Q3 2020 Earnings 
  Shaw Communications Inc.  Q1 2021 Earnings 
     
Thu Jan 14  BlackRock  Q3 2021 Earnings 
  Fast Retailing Co. Ltd.  Q1 2021 Earnings 
  First Republic Bank  Q4 2020 Earnings 
  Associated British Foods  Q1 2021 Earnings – Trading Update 
  Chr. Hansen Holding  Q1 2021 Earnings 
     
Fri Jan 15  JPMorgan Chase & Co.  Q4 2020 Earnings 
  Reliance Industries Ltd.  Q3 2021 Earnings 
  Citigroup Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Wells Fargo $ Co.  Q4 2020 Earnings 
  PNC Financial Services Group  Q4 2020 Earnings 
  HCL Technologies  Q3 2021 Earnings 
  V.F. Corp.  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Le riunioni dell’OPEC e i verbali del FOMC

Nella nostra prima edizione dell’anno de “La settimana che ci aspetta” esamineremo alcuni argomenti particolarmente interessanti. L’OPEC+ inizia con la prima delle nuove riunioni mensili di quest’anno il 4 gennaio, mentre i produttori discutono sulla graduale cancellazione dei tagli alla produzione.

Il FOMC pubblica i verbali del suo ultimo incontro: saranno da considerare come linee guida per la ripresa economica degli Stati Uniti? Inoltre, verranno diffusi i dati sui nonfarm payroll statunitensi, che potrebbero mostrare segni di forza del mercato del lavoro negli Stati Uniti.

L’incontro dell’OPEC 

Questa settimana prende il via la prima di una nuova serie di riunioni mensili dei responsabili OPEC e non OPEC, a seguito della decisione di dicembre di rallentare il processo di riduzione della produzione concordato lo scorso anno al fine di sostenere i prezzi.

Questo è il mese in cui i membri dell’OPEC e gli alleati allenteranno leggermente i blocchi, aumentando la produzione. L’OPEC+ ha dato il via libera per estrarre altri 500.000 barili al giorno da gennaio fino almeno a marzo. Il taglio totale della produzione per gennaio sarà di 7,2 milioni di barili al giorno, rispetto al taglio di 7,7 milioni di barili al giorno nell’ultima parte del 2020.

Tuttavia, nonostante i vaccini, le aspettative sulla domanda non sono riuscite a migliorare, perciò resteranno delle pressioni sull’OPEC affinché la situazione venga monitorata da vicino. L’OPEC prevede che la domanda globale di petrolio scenderà di 9,77 milioni di barili al giorno nel 2020 per arrivare a 89,99 milioni di barili al giorno, rispetto agli oltre 90 milioni di barili al giorno previsti nelle stime di novembre.

Oggi la domanda di petrolio per il 2021 è stimata a 95,89 milioni di barili al giorno. Il che corrisponde a 410.000 unità in meno rispetto alle proiezioni originali dell’OPEC pubblicate nel MOMR di novembre. Nel mese di ottobre, l’OPEC aveva stimato la domanda di petrolio nel 2021 in 96,8 milioni di barili al giorno.

Un aspetto chiave del bilanciamento tra prezzo, domanda e produzione sarà la comunione di vedute tra membri e alleati. E’ già stato osservato un po’ di dissenso: ad esempio, l’Arabia Saudita ha deciso di rinunciare alla posizione di presidente che le sarebbe spettata. Alcuni produttori all’interno della sfera di influenza dell’OPEC si attengono fermamente ai propri obiettivi di produzione, indipendentemente dalle limitazioni e dai blocchi.

La Libia ha svelato i suoi piani per aumentare la produzione di petrolio, e in precedenza ha dichiarato che non accetterà alcun limite alla produzione fino a quando non sarà autorizzata a produrre 1,7 milioni di barili al giorno, rispetto ai suoi attuali 1,108 milioni di barili al giorno.

Anche l’Iran ha promesso di aumentare la sua produzione di petrolio a 2,3 milioni di barili al giorno nel 2021, rispetto agli attuali 1,986 milioni di barili al giorno.

I verbali dell’incontro del FOMC 

Sono disponibili i verbali dell’ultima riunione della Fed, che forniscono un’indicazione più chiara relativa ad un possibile dissenso sulla misura in cui il FOMC ritiene di dover ancorare i tassi a lungo termine, fornendo se necessario un ulteriore supporto politico. La domanda per la Fed sta iniziando a ruotare sul commercio di reflazione e sull’aumento dei tassi a lungo termine.

I timori sull’aumento dell’inflazione potrebbero essere un problema per la Fed, poiché potrebbero costringerla a un inasprimento prima del previsto. Sebbene l’obiettivo dell’inflazione media gli dia un certo margine di manovra, presteremo molta attenzione al fatto che i singoli responsabili politici stiano iniziando a preoccuparsi dell’inflazione e della necessità di una maggiore moderazione nella politica monetaria.

I nonfarm payroll 

Venerdì il rapporto sull’occupazione di dicembre chiuderà la settimana, con l’aumento dei casi di Covid negli Stati Uniti che probabilmente peserà sulla domanda, anche se le assunzioni stagionali saranno un fattore da considerare. A novembre negli Stati Uniti sono stati creati altri 245.000 posti di lavoro, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 6,7%. Questa cifra è ben al di sotto rispetto al tasso degli ultimi 6 mesi, e ha indicato un rallentamento delle assunzioni parallelamente all’aumento del numero di casi in tutto il paese.

Tuttavia, i mercati sembrano essere in gran parte felici di tollerare un ritmo più lento della ripresa nel mercato del lavoro, anche se grazie ai vaccini: il rapporto di dicembre guarda al passato e rifletterà i numeri dei casi in aumento e le nuove restrizioni e lockdown in più stati. Inoltre, i dati sui lavori leggeri sottolineano solo la necessità di avere stimoli monetari e fiscali sostenuti: il fatto di essere in una fase di cattive notizie, è una buona notizia in sé.

I ballottaggi in Georgia 

Gli elettori si recheranno alle urne per i ballottaggi in Georgia il 5 gennaio, in una tornata elettorale che deciderà il controllo del Senato per i primi due anni di presidenza di Joe Biden.

L’avvenimento è di eccezionale importanza, poiché un Senato a prevalenza democratica potrebbe significare un passaggio più agevole all’agenda politica di Biden, che punta sull’energia verde e sugli investimenti. Tuttavia, le possibilità di una maggioranza repubblicana, seppur risicata, sembrano piuttosto buone, nonostante l’esigua vittoria dei democratici di novembre alle elezioni presidenziali, il che significherebbe un minor eccesso di regolamentazione fiscale.

Webinar sulle prospettive per il 2021 

Martedì 5 gennaio, 12.00 GMT 

Vuoi sapere quali saranno gli argomenti principali di mercato nell’anno nuovo? Durante questo webinar faremo le domande più importanti al riguardo: Sarà l’inflazione il vero problema? Il mercato azionario britannico riuscirà finalmente a recuperare? I vaccini stimoleranno un ritorno reflazionistico alle normali condizioni di mercato? Partecipa anche tu all’incontro con l’analista capo di mercato Neil Wilson per avere risposte alle grandi domande nel nostro webinar sulle previsioni per il 2021.

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Jan 4th  9.00am  EUR  Final Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
       
  All Day  All  OPEC-JMMC Meeting 
       
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
       
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Tue Jan 5th  9.30am  GBP  Construction PMI 
       
Wed Jan 6th  9.00am  EUR  Final Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Final Services PMI 
       
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
       
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Jan 7th  10.00am  EUR  CPI Flash Estimate 
       
  10.00am  EUR  Core CPI Flash Estimate 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Changes 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Jan 8th  1.30am  CNH  CPI y/y 
       
  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  1.30pm  CAD  Employment Change 
       
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
       
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
       
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 
       
  3.00pm  CAD  Ivey PMI 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon Jan 4th  State Street Corp.  Q4 2021 Earnings 
     
Wed Jan 6th  RPM International  Q2 2021 Earnings 
     
Thu Jan 7th  Micron Technology  Q1 2021 Earnings 
     
  Constellation Brands  Q3 2021 Earnings 
     
  Walgreens Boots Alliance  Q1 2021 Earnings 
     
  ConAgra Foods  Q2 2021 Earnings 
     
  Lamb Weston Holdings  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Jan 8th  Tata Consultancy Services  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Babbo Natale arriverà a Wall Street?

In un’edizione speciale bisettimanale rispetto a quella solita della settimana che ci aspetta, la nostra attenzione si rivolge al consueto rimbalzo di fine anno del mercato azionario. Il tradizionale recupero natalizio riguarderà Wall Street? Oppure l’impatto di novembre influirà sui potenziali guadagni di dicembre? Daremo anche un’occhiata alle azioni di petrolio e gas nel periodo che precede il nuovo anno.

I rialzi natalizi arriveranno a Wall Street?

Sembra che gli indici principali abbiano avuto un novembre un po’ fuori dal comune. Il Dow Jones ha segnato il suo mese migliore dal 1987; Euro Stoxxx 600 ha vissuto il suo mese migliore della sua storia; il FTSE 100 ha registrato un aumento del 12% per quello che è stato il suo miglior mese da 31 anni a questa parte; Value Rotation ha stabilito che il Russell 2000 ha avuto il suo miglior mese mai registrato. Le cose sono andate molto bene a novembre, ma questo significa che un uno sprint di Wall Street per Natale è da escludere?

Le stime sono estese, con un rapporto S&P 500 Shiller Cape P/E a più di 33 volte. Il che corrisponde al doppio della media storica di 17 volte. Inoltre, anche gli ulteriori multipli di P/E o maggiori di 21 volte per l’indice sono abbastanza estesi.

Ancora, il sondaggio sui gestori di fondi di Bank of America la scorsa settimana ha determinato un’indicazione di vendita con saldi di cassa scesi al 4% dei portafogli degli investitori.

Tutto ciò, aggiunto agli indicatori del sentiment di Goldman Sachs che registrano +2,0 deviazioni standard sopra la media, fanno capire che le prospettive per un balzo natalizio non sono particolarmente buone. Una lettura così alta di solito crea condizioni sfavorevoli per i mercati azionari nelle settimane successive (da 1 a 4), il che potrebbe rappresentare una cattiva notizia per i mercati a dicembre.

Tuttavia, ci sono anche motivi per rallegrarsi. Qualora venga raggiunto un accordo sulla Brexit e gli Stati Uniti approvassero un pacchetto di incentivi per il Covid, allora, insieme ad un’ampia adesione alla campagna vaccinale, gli investitori potrebbero avere una visione più rialzista dei mercati per il mese di dicembre.

Come sempre, i segnali sono un po’ contrastanti, quindi l’unica cosa da fare è aspettare e stare a vedere. Forse Babbo Natale e le sue renne riusciranno ad arrivare a Wall Street dopotutto.

Brexit

Con o senza un accordo, il 31 gennaio per il Regno Unito terminerà il periodo di transizione per la fuoriuscita dall’Unione Europea. Gli operatori del mercato seguiranno da vicino i prossimi dati relativi all’impatto sull’economia del Regno Unito e la possibile risposta politica della Banca d’Inghilterra. Al momento della stesura di questo articolo non c’era alcun segnale evidente che il Regno Unito e l’UE avrebbero stretto un accordo commerciale, sebbene i mercati rimangano ampiamente speranzosi che le due parti possano accordarsi.

Le scorte di petrolio e di gas naturale

Con un calendario relativo alla pubblicazione di dati abbastanza tranquillo durante il periodo natalizio, le scorte settimanali di petrolio e gas naturale saranno tra gli indicatori economici ad alta frequenza più osservati dai trader.

In un mondo in cui la domanda di petrolio è crollata in maniera drastica, ma con una ripresa ottimistica pur se tardiva nelle ultime due settimane, le cose non sono andate granché bene per i produttori di petrolio.

Il gas naturale non ha passato un brutto periodo come il petrolio, ma secondo alcuni indicatori il futuro potrebbe non essere così roseo. L’approccio ambientalista del presidente eletto Biden potrebbe avere un grande impatto sulla domanda di gas naturale in futuro, dal momento che gli Stati Uniti guardano alle energie rinnovabili per garantire la loro futura generazione di elettricità.

L’OPEC sta andando con i piedi di piombo per capire se le sue recenti decisione sono qualcosa su cui basarsi anche per il futuro. E la cosa è abbastanza comprensibile, visto che i suoi membri hanno resistito ad un anno particolarmente severo. Anche se l’OPEC ha dato il via libera all’aumento dei volumi di produzione per 500.000 barili al giorno, allo stesso tempo ha ridotto le previsioni relative alla domanda di petrolio per il prossimo anno. Le stime sono state riviste al ribasso di 410.000 barili al giorno, con nuovi dati sulla domanda di petrolio a 95,89 milioni di barili al giorno.

Ciò determina una maggiore quantità di scorte di petrolio negli Stati Uniti. L’EIA riferisce che oltre 2 milioni di barili sono stati aggiunti alle sue scorte nella settimana che dell’11 dicembre. La gente non viaggia, quindi la domanda di carburante è bassa e le scorte aumentano.

Riusciranno i vaccini a dare impulso al petrolio l’anno prossimo? E’ possibile che sia così. Gli Stati Uniti hanno iniziato a vaccinare i lavoratori in prima linea e il Regno Unito è già nella seconda settimana della prima fase del programma di vaccinazione nel momento in cui questo articolo è stato scritto. Logicamente, se più persone si mettono in movimento, vanno in viaggio e tornano al proprio lavoro grazie ai vaccini, anche la domanda di petrolio dovrebbe aumentare.

Tuttavia per il gas naturale c’è un altro problema, di cui il petrolio non sempre soffre: il tempo atmosferico. Le temperature nei mercati chiave sono tra le più calde mai registrate, il che significa che il consumo di gas per il riscaldamento sarà inferiore. Se le temperature resteranno miti per tutto l’inverno, i prezzi potrebbero scendere in linea con la minore domanda dei privati e delle aziende.

Webinar da seguire

Mentre l’anno volge al termine, Mark Leigh completa la sua serie di webinar gratuiti del 2020. Tornerà nel 2021 con ulteriori approfondimenti educativi e consigli sul trading, ma accertati di non perdere nessuno dei suoi webinar nelle prossime due settimane. Tra i punti salienti:

Introduzione: Come funzionano gli affari e dove puoi inserirti

Martedì 22 dicembre – 16:30 GMT

Questa panoramica è progettata per spiegare chiaramente come funziona il mercato, e di come si guadagna e si perde denaro come operatore di valuta. Obiettivi e aspettative realistiche. Come funziona il mercato in relazione alla tua attività di trading. Spostare le probabilità a tuo favore e controllare il livello di rischio.

Iscriviti

FXtrademark ha un sistema di scorecard proprietario per ogni configurazione di trading

Mercoledì 23 dicembre – 16:30 GMT

Impara a utilizzare la scorecard di FXtrademark, dove assegnerai un punteggio da 0 a 10 a ciascuna configurazione di trading in base a criteri predeterminati. Questo sistema ti permetterà di fare trading in modo sistematico e pianificato, invece di prendere decisioni arbitrarie basate sulle emozioni.

Iscriviti

Trader Clinic con Mark Leigh

Lunedì 28 dicembre – 16:00 GMT

Scopri come un professionista utilizza gli alti e i bassi del trading per affinare la propria strategia e migliorare i propri rendimenti con la nostra Trader Clinic. Unisciti a Mark Leigh mentre illustra il metodo che usa per valutare i suoi scambi vincenti e perdenti e costruire una strategia migliore.

Iscriviti

Dieci regole per trader di ogni livello

Martedì 29 dicembre – 16:30 GMT

Il trading non è una scienza esatta: i mercati sono vivi e spesso imprevedibili, ecco perché c’è bisogno di un insieme di regole di base per prendere decisioni di trading consapevoli e calcolate.

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon 21 Dec  12.30am  AUD  Mid-Year Economic and Fiscal Outlook 
       
  3.00pm  EUR  Consumer Confidence 
       
Tue 22 Dec  9.30am  GBP  Final GDP q/q 
       
  1.30pm  USD  Final GDP q/q 
       
Wed 23 Dec  1.30pm  CAD  GDP m/m 
       
  1.30pm  USD  Core PCE Price Index m/m 
       
  1.30pm  USD  Personal Spending m/m 
       
  Tentative  USD  Treasury Currency Report 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 24 Dec  1.30pm  USD  Core Durable Good Orders m/m 
       
  1.30pm  USD  Durable Goods Orders m/m 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Changes 
       
  3.30pm  USD  Natural Gas Storage 
       
Tue 29 Dec  3.00pm  USD  CB Consumer Confidence 
       
  Tentative  USD  Treasury Confidence Report 
       
Wed 30 Dec  8.00am  CHF  KOF Economic Barometer 
       
  2.45pm  USD  Chicago PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 31 Dec  1.00am  CNH  Manufacturing PMI 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon 21 Dec  HEICO  Q4 2020 Earnings 
  Factset Research Systems  Q1 2021 Earnings 
     
Tue 22 Dec  Cintas Corp.  Q2 2021 Earnings 
  CarMax  Q3 2021 Earnings 
     
Wed 23 Dec  Paychex  Q2 2021 Earnings 
  Vontobel  Q2 2021 Earnings 
     
Fri 25 Dec  Nitori Holdings  Q3 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Gli incontri della Banca d’Inghilterra e del Federal Open Market Committee, e le vendite al dettaglio negli Stati Uniti

La prossima settimana si tengono le riunioni del Federal Open Market Committee americano e della Banca d’Inghilterra. Entrambi gli appuntamenti determineranno l’andamento della politica finanziaria nel prossimo periodo, mentre la pandemia continua. Inoltre in Europa verranno diffusi i nuovi dati flash PMI, e prevederemo anche cosa potrebbe accadere nel settore retail statunitense dopo il Black Friday.

Gli incontri del Federal Open Market Committee

Per l’ultima volta nel 2020, il Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve statunitense si riunisce per decidere la direzione della politica monetaria del paese a stelle e strisce.

Le motivazioni per ulteriori incentivi approvati dalla Fed sono rafforzati dai deludenti dati dei nonfarm payroll. Il mese di novembre ha visto l’incremento di circa 245.000 nuovi posti di lavoro nell’economia statunitense: un numero di tutto rispetto per un periodo normale, ma meno della metà di quelli previsti in questo periodo di pandemia.

L’economia statunitense inizierà ad avere difficoltà in dicembre? E’ possibile che sia così.

I commentatori hanno previsto due aspetti finanziari che la Fed potrebbe prendere in considerazione nel suo prossimo ciclo di riunioni: gli aggiustamenti al suo attuale programma di acquisto di asset e la possibile revisione dei suoi programmi di prestito di emergenza.

Per prima cosa, gli asset. La Fed sta attualmente raccogliendo ogni mese 80 miliardi di USD di titoli del Tesoro e 40 miliardi di USD di titoli garantiti da ipoteca. I rendimenti all’estremità corta della curva del Tesoro rimangono ben ancorati vicino ai minimi storici.

I verbali della riunione di novembre suggeriscono che molti membri del FOMC sono più propensi ad estendere la composizione delle scadenze delle sue attività piuttosto che aumentare il ritmo degli acquisti.

Tenendo presente tutto ciò, è probabile che il FOMC non annuncerà alcuna modifica effettiva al suo programma di acquisto di risorse a dicembre, ma probabilmente penserà ad alcuni cambiamenti nei prossimi mesi.

In secondo luogo, potrebbe essere messa all’ordine del giorno la riduzione dei programmi di prestito. Circa 454 miliardi di USD sono stati approvati per il prestito ai sensi del Trump White House CARES Act, ma le risorse effettivamente utilizzate sono state pari a soli 6 miliardi di USD. In sostanza, il governo degli Stati Uniti potrebbe rivolere indietro i suoi soldi.

Anche la Banca d’Inghilterra ha degli incontri in programma

Anche la Banca d’Inghilterra si sta preparando per la sua ultima tornata di riunioni del 2020; incontri che potrebbero essere influenzati dai progressi (o dalla totale assenza) di un accordo sulla Brexit.

Nonostante il primo ministro Johnson si sia presentato a Bruxelles la scorsa settimana come Indiana Jones con una grossa frusta in una mano e un caffè macchiato nell’altra per cercare di superare la situazione di stallo, rimangono ancora “divergenze significative” tra il Regno Unito e l’Europa.

Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha già molto a cui pensare, anche senza la minaccia tangibile di una Brexit senza accordo, eventualità che si profila minacciosa come la sagoma di un fungo atomico. La pandemia di Covid-19 continua, anche se il Regno Unito ha avviato per primo al mondo una campagna di vaccinazioni di massa per contrastare il virus.

Inoltre, la crescita del PIL del Regno Unito è diventata estremamente lenta, in confronto all’accelerazione avuta nel corso dell’anno prima del secondo lockdown, con un aumento di un misero 0,4% nell’ultimo trimestre.

Ciò che meglio dipinge il ritratto economico attuale del Regno Unito è il rallentamento della crescita del PIL, una Brexit senza accordo e i continui effetti della pandemia.

Tutti questi elementi avranno sicuramente un ruolo nei colloqui della Banca d’Inghilterra e nei risultati relativi al mese di dicembre.

In base alle osservazioni sottoposte a un comitato di Westminster nel novembre 2020, il governatore Bailey pensa che di quei tre problemi, quello più grande sia l’uscita dall’UE senza un accordo.

“Penso che gli effetti a lungo termine di un’uscita senza accordo… sarebbero più gravi di quelli che subiremmo se il Covid durasse più a lungo”, ha affermato.

“È nel migliore interesse di entrambe le parti…che si trovi un accordo commerciale, e che tale accordo commerciale abbia un forte elemento di buona volontà riguardo a come verrà implementato”.

Vendite al dettaglio negli Stati Uniti

La settimana prossima verrà pubblicata l’ultima serie di dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti.

Assisteremo ad una ripresa? Le performance negli ultimi due mesi precedenti sono state tutt’altro che eccezionali. Ad ottobre si è registrato un rialzo dello 0,3%, con un totale di 553,33 miliardi di USD. Le cifre di settembre sono state riviste al ribasso di tre decimi di percentuale, con una crescita totale dell’1,6%, il che è ancora un buon dato, ma forse non così buono come avevano sperato i rivenditori statunitensi.

Tuttavia il retail statunitense ha ancora il grande asso nella manica rappresentato dal Black Friday. I consumatori americani hanno speso 9 miliardi di USD online durante l’annuale corsa allo shopping, con un aumento su base annua del 21,6%.

Come sempre in questo pazzo anno, c’è un rovescio della medaglia. Secondo Sensormatic Solutions, il numero degli acquisti nei negozi fisici è calato di oltre la metà, quindi anche se il dato si basa sugli acquirenti online, gli acquisti fisici effettivi saranno probabilmente inferiori di parecchio.

Il Cyber Monday, tuttavia, è stato il più grande giorno di shopping online mai registrato negli Stati Uniti. Le vendite del giorno feriale immediatamente successivo al Black Friday hanno pesato per 10,8 miliardi di USD, con un aumento del 15% rispetto ai dati del 2019.

Tutto ciò sarà sufficiente per contrastare la crescita lenta e riportare le vendite al dettaglio negli Stati Uniti in territorio positivo?

Gli indici PMI in Europa

È arrivato il momento di un altra serie di dati sugli indici flash PMI in Europa, e se è vero che la tornata precedente rappresenta un indicatore della performance attuale, ci aspetta una seconda recessione economica dell’UE.

La nuova serie di lockdown non ha fatto finanziariamente bene all’Europa.

A novembre, l’indice PMI dell’Eurozona è sceso da 50 a 45,1. Secondo ING, è il settore dei servizi a patire maggiormente, con l’indice PMI dei servizi in calo da 46,9 a 41,3 a novembre. La disoccupazione nel settore continua ad aumentare e probabilmente la situazione non migliorerà fino alla revoca dei lockdown. La speranza è che i vaccini possano essere diffusi in Europa prima possibile.

Tuttavia, i segnali della produzione sono più forti, perché la vivacità della Germania aiuta a mantenere le situazione generale a galla. ING afferma che l’indice PMI manifatturiero ha indicato solo un rallentamento della crescita della produzione, ma non una sua contrazione.

Le esportazioni hanno continuato a stimolare la crescita manifatturiera tedesca a novembre, suggerendo che la seconda ondata di lockdown, più “soft” fuori dall’Eurozona, sta aiutando gli esportatori a recuperare terreno.

Aspettiamo ancora e vedremo quali saranno le indicazioni fornite dagli indici PMI per il mese di dicembre.

Brexit

Al momento della stesura di questo articolo, non è ancora stata presa una decisione sulla Brexit. Un breve incontro Boris Johnson e Ursula von der Leyen non è stato sufficiente a risolvere la situazione di stallo. Allo stato attuale delle cose, stiamo ancora aspettando di vedere la fine di questa lunga e frustrante vicenda.

Webinar da seguire

Questa settimana l’esperto di trading Mark Leigh terrà ancora una volta una serie di webinar educativi incentrati sul trading per aiutarti a ottenere ulteriori informazioni sulle informazioni essenziali per fare trading. Tra i punti salienti:

Trader Clinic con Mark Leigh

Lunedì 14 dicembre – 14:00 GMT

Scopri come un professionista utilizza gli alti e i bassi del trading per affinare la propria strategia e migliorare i propri rendimenti con la nostra Trader Clinic. Unisciti a Mark Leigh mentre illustra il metodo che usa per valutare i suoi scambi vincenti e perdenti e costruire una strategia migliore.

Iscriviti

Dieci regole per trader di ogni livello

Martedì 15 dicembre – 18:00 GMT

Il trading non è una scienza esatta: i mercati sono vivi e spesso imprevedibili, ecco perché c’è bisogno di un insieme di regole di base per prendere decisioni di trading consapevoli e calcolate.

Iscriviti

Dove andrà il rand nel 2021?

Giovedì 17 dicembre – 17:00 GMT

Alla luce del recente declassamento di Fitch del Sud Africa, sono sempre più i punti interrogativi sul fatto che il rand possa mantenere i livelli attuali rispetto al dollaro USA. Il downgrade di Fitch rispecchia quello che viene considerato un debito pubblico elevato e in aumento, reso ancora più aspro dallo shock economico innescato dalla pandemia di COVID-19. Questo significa che l’anno prossimo la valuta sarà più debole?

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Mon Dec 14th  Ongoing  CNH  Foreign Direct Investment ytd/y 
       
  10.00am  EUR  Industrial Production m/m 
       
Tue Dec 15th  12.30am   AUD  Monetary Policy Meeting Minutes 
       
  2.00am  CNH  Retail Sales y/y 
       
  7.00am  GBP  Unemployment Rate 
       
  2.15pm  USD  Industrial Production m/m 
       
  10.00pm  AUD  Flash Manufacturing PMI 
       
  10.00pm  AUD  Flash Services PMI 
       
Wed Dec 16th  12.30am  JPY  Flash Manufacturing PMI 
       
  7.00am  GBP  CPI y/y 
       
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
       
  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
       
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
       
  9.00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
       
  9.00am  EUR  Flash Services PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
       
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
       
  1.30pm  CAD  CPI m/m 
       
  1.30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  USD  Retail Sales m/m 
       
  2.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
       
  2.45pm  USD  Flash Services PMI 
       
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
  7.00pm  USD  FOMC Economic Projections 
       
  7.00pm  USD  FOMC Statement 
       
  7.30pm  USD  FOMC Press Conference 
       
Thu Dec 17th  12.30am  AUD  Employment Change 
       
  12.30am  AUD  Unemployment Change 
       
  9.00am  CHF  SNB Press Conference 
       
  12.00pm  GBP  MPC Official Bank Rate Votes 
       
  12.00pm  GBP  Monetary Policy Summary 
       
  12.00pm  GBP  Official Bank Rate 
       
  3.30pm  USD  US Natural Gas Inventories 
       
Fri Dec 18th  Tentative  JPY  Monetary Policy Statement 
       
  7.00am  GBP  Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
       
  1.30pm  CAD  Retail Sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Tue Dec 15th  Nordson  Q4 2020 Earnings 
  Inditex  Q3 2020 Earnings 
     
Wed Dec 16th  Lennar  Q4 2020 Earnings 
     
Thu Dec 17th  Accenture  Q1 2021 Earnings 
  FedEx  Q2 2021 Earnings 
  Cintas  Q2 2021 Earnings 
  General Mills  Q2 2021 Earnings 
     
Fri Dec 18th  Nike  Q2 2021 Earnings 
  Carnival  Q4 2021 Earnings 
  Darden Restaurants  Q2 2021 Earnings 
  Oracle Japan  Q2 2021 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Il Regno Unito guida la carica dei vaccini, Salesforce acquista Slack

La grande notizia di questa settimana è il lancio nel Regno Unito del vaccino contro il Covid-19 della Pfizer-BioNTech. Riusciremo finalmente a tornare alla normalità dopo un anno maledetto? Inoltre, Salesforce acquista Slack Tech, e la BCE tiene la sua ultima conferenza stampa per spiegare nel dettaglio le prospettive finanziarie dell’UE.

Introduzione del vaccino nel Regno Unito

La scorsa settimana il Regno Unito ha certificato la sicurezza del vaccino a due dosi di Pfizer-BioNTech, e questa settimana avrà inizio un ambizioso programma di lancio studiato per immunizzare il più rapidamente possibile le fasce più vulnerabili.

Partendo dagli ospiti delle case di cura e dai loro accompagnatori, passando per nove fasce diverse fino agli ultracinquantenni, sono stati identificati numerosi gruppi che dovranno avere la priorità. Gli under 50 non sono stati così fortunati, e dovranno aspettare. Tuttavia, una volta vaccinati i gruppi prioritari, le generazioni più giovani avranno la loro possibilità.

Nella prima campagna di vaccinazione verranno distribuite 800.000 dosi.

Un vaccino che funzioni sarà essenziale per tornare alla normalità in tutte le nostre attività, commercio compreso. In questo caso il Regno Unito sarà una specie di cavia, essendo la prima nazione sviluppata ad approvare uno dei tanti vaccini in fase di sviluppo e ad affrontare un programma di vaccinazione di massa.

Il primo ministro Boris Johnson ha detto che il Regno Unito deve ora affrontare una “enorme sfida logistica” per ottenere il vaccino dove è necessario, forse ignorando il fatto che il sistema sanitario nazionale lancia programmi di immunizzazione a milioni di persone vulnerabili ogni anno. Tuttavia, si tratta di un evento straordinario per dodici mesi straordinari, quindi dovremo aspettare e vedere in che modo verrà gestita la diffusione del vaccino.

Le implicazioni economiche legate all’introduzione di un vaccino sono sostanzialmente molto positive. Ad esempio, questa notizia potrebbe sostenere le parti cicliche delle previsioni di mercato. Potrebbe fornire la base per una maggiore crescita delle azioni e stimolare la rotazione dai grandi titoli tecnologici che sono stati i veri vincitori nel periodo della pandemia.

Il FTSE 100 ha iniziato il mese di dicembre con lo stesso spirito che ha caratterizzato la forte crescita di novembre. Le azioni britanniche possono ricominciare a brillare? Il vaccino potrebbe rappresentare lo stimolo di cui i titoli inglesi hanno bisogno per iniziare ad avere ancora delle buone prestazioni.

Tuttavia, è ancora presto per dirlo. La cosa importante è che il vaccino sia stato approvato e che inizi ad essere distribuito. Tutti gli occhi saranno puntati sul Regno Unito e sulla sua popolazione (si spera) immunizzata.

Slack annuncia gli utili del terzo trimestre mentre Salesforce si prepara ad acquisire la società

Questa settimana il fornitore di software per comunicazioni di lavoro Slack rivela gli utili del terzo trimestre 2020, pochi giorni dopo che Salesforce ha annunciato le sue intenzioni di acquistare la società.

I guadagni del secondo trimestre del 2020 per Slack avevano mostrato un aumento delle entrate del 49% su base annua, arrivando a totalizzare 215,9 milioni di USD. Anche l’aumento degli utilizzatori è cresciuto del 30% su base annua, con oltre 130.000 clienti che sfruttano il software di Slack.

Gli utili del terzo trimestre rifletteranno un’ulteriore crescita e ripagheranno gli sforzi di Salesforce?

Con 27,7 miliardi di USD, Slack sarà la più grande acquisizione che Salesforce, di proprietà di Marc Benioff, abbia realizzato fino ad oggi. Grazie all’accordo, si spera che la distanza tra Slack e Microsoft nella corsa alle comunicazioni aziendali potrà attenuarsi.

L’offerta del software di Slack è simile a quella di Microsoft teams. Senza dubbio i lettori, che molto probabilmente hanno lavorato da casa negli ultimi lunghi mesi, avranno ormai una certa familiarità con Teams, che di fatto è diventata la scelta più utilizzata per il software di comunicazione del lavoro dalle aziende di tutto il mondo.

In base all’accordo, gli azionisti di Slack riceveranno 26,79 USD in contanti e 0,0776 azioni ordinarie di Salesforce. Salesforce ha accettato di pagare un premio del 55% sul prezzo di chiusura delle azioni Slack del 24 novembre 2020.

Conferenza stampa della BCE

La BCE rivelerà le sue ultime decisioni politiche nella conferenza stampa di dicembre che si terrà questa settimana.

Gli incentivi sono sulla bocca di tutti. Philip Lane, il capo economista della BCE, ha definito “segnali preoccupanti” il fatto che le condizioni finanziarie per banche e piccole imprese si stiano riducendo.

I verbali dell’ultima serie di riunioni della BCE non dipingono un quadro luminoso per quanto riguarda la stabilità economica all’interno dell’UE. L’economia dell’Eurozona, come praticamente quella di tutto il mondo, ha subito un duro colpo per la  combinazione di Covid-19 e dei relativi lockdown.

In questi verbali si può leggere che “non era da escludere che l’area Euro, o almeno alcuni paesi, avrebbero potuto patire una doppia recessione”.

In base ai commenti di ottobre, la BCE sta “ricalibrando” i suoi strumenti monetari, e ne annuncerà i risultati nella conferenza stampa del 10 dicembre. Gli analisti si aspettano sia un ampliamento del suo programma di acquisto di obbligazioni che di prestiti con tassi particolarmente agevolati alle banche.

In sostanza, gli investitori hanno interpretato tutto ciò immaginando che sia in arrivo un altro pacchetto sostanziale di misure di easing monetario. Va evidenziato che non tutti gli Stati membri dell’UE sono particolarmente soddisfatti di queste misure, e che è stata espressa la preoccupazione per “possibili non linearità, effetti collaterali e ‘rendimenti decrescenti’ in un ambiente di elevata incertezza e condizioni finanziarie molto favorevoli”, come riporta il verbale della riunione di ottobre .

Gli operatori del mercato osserveranno anche eventuali commenti sull’apprezzamento della moneta unica. La scorsa settimana l’euro è balzato ai massimi pluriennali contro il dollaro, superando la soglia psicologica di 1,20, che in passato ha innescato tentativi da parte politici di abbassare il cambio in modo autoritario.

Webinar da seguire (in inglese)

Questa settimana l’esperto di trading Mark Leigh terrà ancora una volta una serie di webinar educativi incentrati sul trading per aiutarti a ottenere ulteriori informazioni sulle informazioni essenziali per fare trading. Tra i punti salienti:

Trader Clinic con Mark Leigh

Lunedì 7 dicembre – 14:00 GMT

Scopri come un professionista utilizza gli alti e i bassi del trading per affinare la propria strategia e migliorare i propri rendimenti con la nostra Trader Clinic.

Iscriviti

Indicatori tecnici da comprendere e applicare alla tua strategia di trading

Lunedì 7 dicembre – 17:00 GMT

Sebbene esistano centinaia di indicatori tecnici diversi, questo può spesso portare a confusione e segnali contraddittori. Scopri gli indicatori scelti da Mark Leigh e come usarli insieme alla tua strategia di trading.

Iscriviti

Come usare le candele giapponesi per riconoscere le impostazioni del trading

Martedì 8 dicembre – 18:00 GMT

I grafici a con candele giapponesi sono lo standard riconosciuto dal settore dei trader tecnici. Impara come leggere e capire le candele giapponesi e come utilizzare queste informazioni nelle tue decisioni di trading.

Iscriviti

FXtrademark ha un sistema di scorecard proprietario per ogni configurazione di trading

Mercoledì 9 dicembre – 17:00 GMT

Impara a utilizzare la scorecard di FXtrademark, dove assegnerai un punteggio da 0 a 10 a ciascuna configurazione di trading in base a criteri predeterminati. Questo sistema ti permetterà di fare trading in modo sistematico e pianificato, invece di prendere decisioni arbitrarie basate sulle emozioni.

Iscriviti

L’unione di gestione del denaro, psicologia e analisi

Giovedì 10 dicembre – 18:00 GMT

Nessuna strategia, segnale o piano di trading può avere successo senza una corretta gestione calcolata del denaro. Le pratiche di rischio/rendimento e il dimensionamento della posizione sono fondamentali nello sviluppo del piano di trading. Anche se i nuovi trader desiderano solo strategie e segnali per iniziare la loro carriera di trading, tutti i trader esperti e di successo capiscono e sanno bene che è tutta una questione di psicologia del trading a separare i trader di successo da quelli che non hanno successo.

Iscriviti

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Sun Dec 6  9.30pm  AUD  AIG Services Index 
       
Mon Dec 7  3.00pm  CAD  Ivey PMI 
       
  Tentative  CAD  Annual Budget Release 
       
  11.50pm  JPY  Final GDP q/q 
       
Tue Dec 8  12.01am  GBP  BRC Retail Monitors y/y 
       
  6.45am  CHF  Unemployment Rate 
       
  Tentative  GBP  FPC Meeting Minutes 
       
  Tentative  GBP  FPC Statement 
       
Wed Dec 9  1.30am  CNH  PPI y/y 
       
  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
       
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
       
  3.30pm  USD  Crude Oil Inventories 
       
Thu Dec 10  7.00am  GBP  GDP m/m 
       
  12.45pm  EUR  Main Referencing Rate 
       
  12.45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
       
  1.30pm  EUR  ECB Press Conference 
       
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
       
  1.30pm  USD  CPI m/m 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
       
Fri Dec 11  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
       
  1.30pm  USD  PPI m/m 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon Dec 7  Coupa Software Inc.  Q3 2021 Earnings 
     
Tue Dec 8  Brown-Forman Corp.  Q2 2021 Earnings 
  AutoZone Inc.  Q1 2021 Earnings 
  Ashtead plc.  Q3 2021 Earnings 
  MongoDB  Q3 2021 Earnings 
  Guidewire Software Inc.  Q1 2021 Earnings 
     
Wed Dec 9  Adobe Inc.  Q4 2020 Earnings 
  Campbell Soup Co.  Q1 2021 Earnings 
     
Thu Dec 10  Oracle Corp.  Q2 2021 Earnings 
  Costco Wholesale Corp.  Q1 2021 Earnings 
  Broadcom  Q24 2020 Earnings 
  Lululemon   Q3 2020 Earnings 
  Vail Resorts   Q1 2021 Earnings 
     
Fri Dec 11  Carl Zeiss Meditec AG  Q4 2020 Earnings 

La settimana che ci aspetta: L’OPEC si riunisce per discutere le estensioni del taglio alla produzione e la pubblicazione dei dati sui nonfarm payroll degli Stati Uniti

L’OPEC e gli alleati si riuniscono questa settimana per discutere come procedere al meglio in quello che è stato un anno molto complicato per il petrolio. Questo come influenzerà il futuro del mercato dell’energia? Verranno inoltre resi noti i dati sui nonfarm payroll statunitensi per il mese di novembre, che mostreranno quanti eventuali nuovi posti di lavoro sono entrati nell’economia statunitense il mese scorso.

Gli incontri dell’OPEC 

Il destino dei mercati petroliferi del 2021 è nelle mani dell’OPEC poiché la 180° Conferenza OPEC si terrà lunedì 30 novembre.

Martedì 1 dicembre seguirà la dodicesima riunione ministeriale OPEC e non OPEC.

È probabile che le estensioni dei tagli alla produzione dominino l’agenda di questo ultima serie di colloqui. L’OPEC ha già ridotto la produzione a livelli record nel 2020, e contava di risollevare i livelli da gennaio 2021.

Ora tutto questo sembra improbabile che avvenga. Al contrario, Reuters riferisce che il gruppo e i relativi alleati voteranno probabilmente per un’estensione dei tagli alla produzione anche nel nuovo anno.

“I ministri del gruppo OPEC+ probabilmente accetteranno di estendere la produzione attuale per il primo trimestre del 2021”, ha detto a Reuters un delegato dell’OPEC in merito alla politica per il prossimo anno.

“Ci sono ancora alcune sfide da affrontare, ma spero che il vaccino cambierà presto il quadro”, ha detto.

L’obiettivo di gennaio era quello di aumentare la produzione di 2 milioni di barili al giorno, che corrisponde a circa il 2% del consumo mondiale di petrolio. I membri dell’OPEC stanno attualmente tagliando la produzione di 7,7 milioni di barili al giorno. I tagli previsti per gennaio avrebbero portato i volumi di produzione fino a 5,7 milioni di barili al giorno.

Mentre le notizie relative ai vari vaccini con livelli di efficacia molto elevati hanno dato un barlume di speranza ai produttori di petrolio, è improbabile che la domanda di petrolio aumenterà davvero fino alla seconda metà del 2021. Questo perché la vaccinazione di massa richiederà un po’ di tempo per essere diffusa completamente, anche se i vaccini potranno ottenere un’approvazione di emergenza da parte delle autorità e una rapida distribuzione nei prossimi mesi.

Per ora, la domanda rimane soffocata a causa della seconda ondata della pandemia.

Un altro fattore che l’OPEC dovrà affrontare è la conformità. Anche se una riunione pre-conferenza del 17 novembre ha confermato la piena conformità dei membri con i tagli dell’OPEC, non tutti gli Stati membri hanno recepito questa direttiva.

Ad esempio, la Libia ha affermato che non si impegnerà per ulteriori tagli fino a quando i suoi volumi di produzione non raggiungeranno 1,7 milioni di barili al giorno. Attualmente la produzione libica vale 1,25 milioni di barili al giorno, dopo la riapertura di uno dei suoi più importanti campi petroliferi. Anche l’Iraq è già inadempiente e si prevede che rimarrà tale.

Questo potrebbe diventare un punto cruciale nei negoziati della prossima settimana.

Cosa significherà tutto ciò per i prezzi del petrolio? Difficile dirlo a questo punto. Le notizie sui vaccini hanno già determinato una modifica dei prezzi. La settimana scorsa, i prezzi del greggio sono saliti ai massimi da marzo, scrollandosi di dosso una situazione che durava da diversi mesi, con il Brent superiore a 48 USD e il WTI che ha raggiunto quota 46 USD.

Rapporto sui nonfarm payroll statunitensi 

Venerdì 4 dicembre verranno pubblicati i dati sui nonfarm payroll statunitensi (NFP) di novembre. Si tratta di un indicatore relativo alla crescita o al calo dei posti di lavoro nell’economia statunitense per quel dato mese.

Il mese di novembre ha confermato la tendenza al rialzo osservata nei due mesi precedenti?

Il numero degli impiegati è aumentato di 638.000 unità in ottobre, mentre a settembre il numero dei nuovi posti di lavoro era aumentato di 672.000 (dato rivisto rispetto ai 661.000 comunicato inizialmente), superando così le 600.000 unità che si aspettava il mercato.

Ciò nonostante, l’epidemia sembra essere non ancora sotto controllo negli Stati Uniti. La settimana scorsa sono stati registrati più di un milione di nuovi casi e 85.000 nuove ospedalizzazioni in tutto il Paese.

Tuttavia, gli Stati Uniti sono decisi a mantenere aperte le imprese e l’economia. Il presidente eletto Joe Biden ha cercato di evitare la frase “lockdown”, il che è stato interpretato come una possibile intenzione della sua amministrazione di mantenere regole “morbide” una volta che entrerà in carica nel gennaio 2021.

Il dottor Vivek Murthy, un ex chirurgo statunitense, tra i principali consiglieri sanitari del presidente eletto Joe Biden, ha parlato di un possibile lockdown generale come “l’ultima risorsa”, mostrando un atteggiamento degli Stati Uniti verso restrizioni più moderate.

Gli Stati Uniti riusciranno a sopportare la tensione dovuta alla pandemia?

I principali dati economici

Date  Time (GMT)  Currency  Event 
Sun Nov 29  11.50pm  JPY  Retail Sales Y/Y 
       
Mon Nov 30  1.00am  CNH  Manufacturing PMI 
       
  8.00am  CHF  KOF Economic Barometer 
       
  All day  All  OPEC Meetings 
       
  All Day   EUR  Eurogroup Meetings 
       
  2.45pm  USD  Chicago PMI 
       
  3.00pm  USD  Pending Home Sales m/m 
       
Tues Dec 01  3.30am  AUD  Cash Rate 
       
  3.30am  AUD  RBA Rate Statement 
       
  09.30am  GBP  Final Manufacturing PMI 
       
  All Day  All  Opec-JMMC Meetings 
       
  1.30pm  CAD  GDP m/m 
       
  2.30pm  CAD  Manufacturing PMI 
       
  3.00pm  USD  ISM Manufacturing PMI 
       
Wed Dec 02  12.30am  AUD  GDP q/q 
       
  1.15pm  USD  ADP Nonfarm Employment Change 
       
Thu Dec 03  1.30pm  USD  Unemployment Change 
       
  3.00pm  USD  ISM Services PMI 
       
Fri Dec 04  1.30pm  CAD  Employment Change 
       
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
       
  1.30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
       
  1.30pm  USD  Nonfarm Employment Change 
       
  1.30pm  USD  Unemployment Rate 

 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Mon Nov 30  Zoom Video Communication  Q3 2021 Earnings 
     
Tues Dec 01  Salesforce  Q3 2021 Earnings 
  Scotiabank (Bank of Nova Scotia)  Q3 2021 Earnings 
  Bank of Montreal  Q4 2021 Earnings 
  China Gas Holdings LtdShs  Q2 2021 Earnings 
  Hewlett Packard Enterprise Co.  Q4 2020 Earnings 
     
Weds Dec 02  Royal Bank of Canada  Q4 2020 Earnings 
  Snowflake Ink  Q3 2021 Earnings 
  CrowdStrike  Q3 2021 Earnings 
  Synopsys Inc  Q3 2021 Earnings 
  Splunk Inc  Q3 2021 Earnings 
  Okta Inc  Q3 2021 Earnings 
  Elastic B.V.   Q2 2021 Earnings 
  National Bank of Canada  Q4 2020 Earnings 
  Zscaler Inc  Q1 2021 Earnings 
     
Thu Dec 03  Toronto-Dominion Bank  Q4 2020 Earnings 
  Dollar General Corporation  Q3 2020 Earnings 
  DocuSign Inc  Q3 2021 Earnings 
  Canadian Imperial Bank of Commerce (CIBC)  Q4 2020 Earnings 
  Marvell Technology Group Ltd  Q3 2021 Earnings 
  Kroger  Q3 2020 Earnings 
  Copper Cos. Inc  Q4 2020 Earnings 
  Ulta Beauty Inc  Q3 2020 Earnings 

La settimana che ci aspetta: Un accordo sulla Brexit in vista? Inoltre, focus sulla spending review e sull’indice PMI

La Brexit è nuovamente in cima all’agenda questa settimana, con la prospettiva di un possibile accordo all’orizzonte. Inoltre, il Cancelliere Sunak è pronto a presentare l’ultima spending review del governo, mentre la pubblicazione dei dati degli indici PMI arriveranno numerosi e veloci nel Regno Unito, nell’UE e negli Stati Uniti. Cosa ci porterà la settimana prossima?

Brexit

Finalmente, i negoziati sulla Brexit potrebbero essere in dirittura d’arrivo dopo anni di attendismo e negoziati inconcludenti. Michel Barnier dovrebbe informare gli Stati membri venerdì 27 novembre. Sarà davvero possibile stringere un accordo?

Finalmente, il Regno Unito si è dimostrato disposto a scendere a compromessi su punti cruciali come le regole sulla concorrenza.

Un certo ottimismo è stato dovuto anche al rimpasto dei consiglieri governativi anziani, poiché le voci più forti su una possibile “uscita ad ogni costo” a Downing Street hanno perso gran parte della loro consistenza.

Tuttavia, qualsiasi sentimento ottimistico dovrebbe essere tenuto a freno da un sano scetticismo. La situazione rappresenta ancora un grosso punto di domanda. Alcuni paesi, come la Francia, potrebbero avere qualcosa da obiettare sul discorso della pesca, e decidere di continuare i negoziati.

Il cambio tra GBP e USD si mantiene attualmente a oltre 1,32, ma in questa fase eventuali ulteriori rialzi potrebbero essere mitigati dalla durezza dei negoziati tra Regno Unito e UE.

È chiaro che non siamo ancora fuori dal pantano della Brexit, quindi cosa porterà la prossima settimana?

Spending review

Il 25 novembre il cancelliere britannico Rishi Sunak concluderà la sua spending review per il 2020.

In sostanza, si tratterà di una dichiarazione autunnale edulcorata e fornirà una panoramica sui piani di spesa del governo per i prossimi mesi.

Si tratterà di una spending review su base annuale, anziché la solita previsione su un lasso di 3-4 anni. Dopotutto, il 2020 non è stato esattamente un anno “normale” e la spesa ha preso una strada diversa rispetto alle previsioni, mentre il paese continua la sua battaglia contro la pandemia.

I punti chiave della revisione della spesa sono:

  • Come verrà gestita la spesa per il coronavirus – verrà istituito, ad esempio, un fondo separato di “riserva Covid”?
  • La forma che avranno i piani di spesa per la Brexit – Con un accordo ancora da siglare, come sarà la spesa relativa alla Brexit?
  • L’abbondanza complessiva dei piani di spesa del Cancelliere – Quanto in profondità andrà ad attingere dalle finanze del Regno Unito?
  • Cosa è successo agli impegni precedenti – Le promesse di spesa precedenti sono effettivamente state mantenute?
  • Lo stato delle retribuzioni del settore pubblico – I lavoratori in prima linea vedranno degli aumenti nelle loro buste paga?
  • Infrastrutture e investimenti – Assisteremo a spese extra per le infrastrutture, soprattutto alla luce del divieto proposto per il 2030 sulla vendita di veicoli a combustione interna?
  • Prospettive più ampie per tasse, spesa e finanze pubbliche – Quali sono i piani generali e come verranno scombussolati dalla pandemia?

Indici PMI

La settimana prossima arriveranno dati dagli indici PMI in abbondanza. Verranno pubblicati nuovi dati dagli stati membri dell’UE, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

Il comunicato del PMI di ottobre è stato segnato da un forte ottimismo per gli Stati Uniti, indicando che la loro economia era ancora in forte crescita quel mese. In particolare, sono stati buoni i risultati del settore manifatturiero. Nel complesso, le imprese esprimono un sentiment positivo, poiché sono previsti ulteriori pacchetti di incentivi.

Le prospettive dell’UE non erano così rosee. I dati di ottobre hanno determinato previsioni recessive. La produzione manifatturiera è al di sotto dell’indice globale, mentre i servizi continuano a faticare seconda fase del lockdown. Nel quarto trimestre potrebbe essere in arrivo un calo a doppia cifra, ma dovremo prima vedere i nuovi dati.

Anche il Regno Unito ha dovuto affrontare una flessione dopo un settembre ottimista. Ottobre ha portato condizioni simili nell’UE, con servizi in calo e anche la produzione manifatturiera sotto le aspettative. La produzione è ora di circa il 10% inferiore ai livelli pre-pandemia.

Dati economici negli USA

Oltre ai nuovi dati degli indici PMI, gli Stati Uniti hanno altri indicatori relativi alla fiducia economica da osservare la prossima settimana.

Innanzitutto, verranno svelati i dati sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan. I dati di ottobre hanno superato quelli di settembre, e forse l’ottimismo degli indici PMI determinerà una maggiore fiducia da parte dei consumatori?

Verrà inoltre rilasciata una nuova serie di dati sulla disoccupazione negli Stati Uniti. Anche se nelle ultime settimane le richieste di disoccupazione hanno oscillato, ora sembrano avere una tendenza al ribasso. Le richieste dalla settimana che inizia il 9 novembre sono passate da 757.000 a 709.000, perciò ci si domanda se il trend continuerà.

Principali dati economici

Date Time (GMT) Currency Event
Sun Nov 22 9:45pm NZD Retail Sales q/q
NZD Core Retail Sales q/q
10:00pm AUD Flash Manufacturing PMI
AUD Flash Services PMI
Mon Nov 23 All Day JPY Bank Holiday
8:15am EUR French Flash Services PMI
EUR French Flash Manufacturing PMI
8:30am EUR German Flash Manufacturing PMI
EUR German Flash Services PMI
9:00am EUR Flash Manufacturing PMI
EUR Flash Services PMI
9:30am GBP Flash Manufacturing PMI
GBP Flash Services PMI
2:45pm USD Flash Manufacturing PMI
USD Flash Services PMI
Tue Nov 24 7:00am EUR German Final GDP q/q
7:45am EUR French Prelim GDP q/q
9:00am EUR German ifo Business Climate
11:00am GBP CBI Realized Sales
3:00pm USD CB Consumer Confidence
USD Richmond Manufacturing Index
8:00pm NZD RBNZ Financial Stability Report
Wed Nov 25 12:30am AUD Construction Work Done q/q
5:00am JPY BOJ Core CPI y/y
EUR ECB Financial Stability Review
1:30pm USD Prelim GDP q/q (second release)
USD Unemployment Claims
USD Core Durable Goods Orders m/m
USD Durable Goods Orders m/m
USD Goods Trade Balance
USD Prelim GDP Price Index q/q
USD Prelim Wholesale Inventories m/m
3:00pm USD Revised UoM Consumer Sentiment
USD Core PCE Price Index m/m
USD New Home Sales
USD Personal Income m/m
USD Personal Spending m/m
USD Revised UoM Inflation Expectations
Tentative GBP UK One Year Spending Review
3:30pm USD Crude Oil Inventories
5:00pm USD Natural Gas Storage
7:00pm USD FOMC Meeting Minutes
Thu Nov 26 12:30am AUD Private Capital Expenditure q/q
7:00am EUR German GfK Consumer Climate
Tentative GBP Monetary Policy Report Hearings
12:30pm EUR ECB Monetary Policy Meeting Accounts
All Day USD Bank Holiday
11:30pm JPY Tokyo Core CPI y/y
Fri Nov 27 7:45am EUR French Consumer Spending m/m
EUR French Prelim CPI m/m

Dati economici principali e utili

Date Company Event
23-Nov Prosus N.V. Q2 2021 Earnings
24-Nov Medtronic PLC Q2 2021 Earnings
23-Nov Naspers Interim results
25-Nov Deere & Co. (John Deere) Q4 2020 Earnings
24-Nov Xiaomi Q3 2020 Earnings
24-Nov VMware Inc. Q3 2021 Earnings
24-Nov Autodesk Inc. Q3 2021 Earnings
24-Nov Analog Devices Inc. Q4 2020 Earnings
24-Nov Dell Technologies Q3 2021 Earnings
24-Nov Compass Group plc Finals
24-Nov AO World Interim results
24-Nov Best Buy Co. Inc. Q3 2021 Earnings
24-Nov HP Inc (HPQ) Q4 2020 Earnings
24-Nov Dollar Tree Inc Q3 2020 Earnings
25-Nov United Utilities Interim results

La settimana che ci aspetta: Pence e Harris al centro dell’attenzione dopo il caotico dibattito presidenziale

Il vicepresidente Mike Pence e il senatore Kamala Harris sperano entrambi di uscire dal dibattito tra vicepresidenti di questa settimana con più dignità rispetto a quanto accaduto tra i candidati alla presidenza la scorsa settimana. Il che non dovrebbe essere difficile. Inoltre, questa settimana ci saranno molti contenuti da parte delle banche centrali: tra di esse la decisione sui tassi della RBA e i verbali degli ultimi incontri del FOMC e della BCE.

Le elezioni americane: Ci sarà più buona creanza da parte di Pence e Harris nel dibattito tra i candidati alla vicepresidenza?

Inoltre, questa settimana le banche centrali hanno molta carne al fuoco: vi sarà la decisione sui tassi della RBA e i verbali degli ultimi incontri del FOMC e della BCE.

Il primo dibattito presidenziale della settimana scorsa sembra avere avuto un impatto di scarsa rilevanza nei sondaggi, ed è stato visto con un tale imbarazzo che la Commissione sui dibattiti presidenziali ha annunciato che apporterà modifiche al format degli eventi futuri nel tentativo di portare un po’ di ordine.

Uno dei cambiamenti presi in considerazione è quello di chiudere i microfoni del candidato che tenti di interrompere l’altro in modo eccessivo. Anche se ciò avrà un impatto maggiore su Trump che su Biden, il presidente, che l’ultima volta non ha dato al suo avversario molte opportunità di sbagliare, potrebbe non risultare necessariamente svantaggiato.

Il dibattito tra i candidati vicepresidenti inizierà l’8 ottobre alle 3 di mattina (orario italiano). L’ultima volta che Pence è apparso in un dibattito televisivo trasmesso a livello nazionale è stato nell’ottobre 2016. Harris ha invece fatto molta pratica negli ultimi mesi.

I verbali degli incontri del FOMC e della BCE

In mezzo al dibattito tra i candidati vicepresidenti di questa settimana ci sono i verbali del Federal Open Market Committee e i rapporti della Banca Centrale Europea.

Il mese scorso il FOMC ha colto l’occasione per arricchire la sua nuova strategia di targeting dell’inflazione media, anche se in base alle previsioni ci vorrà molto tempo prima che i responsabili politici siano in grado di lasciare che l’inflazione salga. Gli ultimi verbali potrebbero fare maggiore chiarezza, ma con il dibattito che seguirà un paio d’ore dopo, i mercati potrebbero non prestarvi molta attenzione.

Il presidente della BCE Christine Lagarde ha notato dopo l’ultimo incontro del Consiglio direttivo che il tasso di cambio EUR/USD è salito considerevolmente, anche se essa ha anche affermato che “come sapete, il tasso di cambio non è nei nostri obiettivi”. I verbali potrebbero fornire maggiori informazioni su come i responsabili politici temono che un euro forte possa influire sul loro mandato.

Sebbene il cambio EUR/USD sia sceso dopo aver raggiunto il picco sopra 1,20 all’inizio di settembre, le due valute hanno un trend intorno agli stessi livelli osservati quando la BCE ne stava valutando la forza.

La decisione sui tassi di interesse della Reserve Bank of Australia

I mercati dei futures stanno scommettendo fermamente che la Reserve Bank of Australia taglierà i tassi allo 0% durante la sua riunione di questa settimana. I future ASX sul tasso di cassa interbancario a 30 giorni mostrano una probabilità del 64% di un taglio al momento in cui viene redatto questo articolo.

La notizia arriva dopo i recenti commenti del vice governatore Guy Debelle, che ha tenuto un discorso per illustrare gli strumenti politici che la RBA sta prendendo in considerazione per raggiungere i due obiettivi relativi a occupazione e inflazione.

Nella lista c’erano sia interventi sui cambi che tassi di interesse negativi.

I dati economici da osservare

In termini di dati economici, venerdì terremo d’occhio il PMI non manifatturiero ISM statunitense, le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali, la produzione industriale tedesca e una serie di dati dal Regno Unito, tra i quali il PIL mensile, le cifre relative alla produzione industriale e quelle del settore dell’edilizia.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

17.00 UTC 05-Oct Blonde Markets
From 15.30 UTC 06-Oct Weekly Gold, Silver, and Oil Forecasts
17.00 UTC 07-Oct Webinar: 10 Trading Rules for Every Level of Trader
17.00 UTC 08-Oct Election2020 Weekly
12.00 UTC 09⁠-⁠Oct Platform Walkthrough

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana. Un calendario completo degli eventi economici e aziendali è disponibile sulla piattaforma.

07.15 – 08.30 UTC 05-Oct Finalised Eurozone, UK Services PMIs
14.00 UTC 05-Oct US ISM Nonmanufacturing PMI
03.30 UTC 06-Oct RBA Interest Rate Decision
Pre-Market 06-Oct Paychex – Q1 2021
After-Market 06-Oct Levi’s – Q3 2020
06.00 UTC 07-Oct German Industrial Production
07-Oct Tesco – Interim Announcement 20/21
14.30 UTC 07-Oct US EIA Crude Oil Inventories
18.00 UTC 07-Oct FOMC Meeting Minutes
01.00 UTC 08-Oct US Vice President Nominee Debate
11.30 UTC 08-Oct ECB Monetary Policy Meeting Accounts
12.30 UTC 08-Oct US Weekly Jobless Claims
14.30 UTC 08-Oct US EIA Natural Gas Storage
06.00 UTC 09-Oct UK Monthly GDP, Production, Output

La settimana che ci aspetta: Trump e Biden si affrontano nel primo dibattito presidenziale

E’ una settimana importante per i mercati finanziari, perché martedì si terrà il primo dibattito per la presidenza degli Stati Uniti. Donald Trump ha speso molto tempo ad attaccare le capacità mentali di “Sleepy Joe” (“Joe l’addormentato”), ma ha volutamente posto l’asticella troppo in basso per il suo avversario, o gli strafalcioni verbali di Biden lo vedranno mettere su uno spettacolo scadente?

Dopo che i due candidati avranno discusso sull’economia, riceveremo un altro aggiornamento sul mercato del lavoro quando venerdì verrà pubblicato il rapporto sui nonfarm payrolls.

Probabili fuochi d’artificio al primo dibattito per la presidenza degli Stati Uniti

I rischi principali che gravano attorno alle elezioni presidenziali statunitensi aumenteranno questa settimana poiché il presidente Donald Trump e il candidato democratico Joe Biden si preparano al primo dibattito presidenziale il 29 settembre. Gli argomenti possono cambiare in base agli ultimi eventi, ma al momento della stesura la commissione di dibattito ha annunciato il seguente programma:

  • Le testimonianze di Trump e Biden
  • La Corte Suprema
  • Il Covid-19
  • L’economia
  • Razza e violenza nelle nostre città
  • L’integrità dell’elezione

Si tratta di un elenco pieno di punti controversi. Tuttavia, anche con argomenti così importanti, riusciranno i dibattiti a far oscillare l’opinione di un elettorato così altamente polarizzato?

Biden sopravanza Trump del 7,1% nei sondaggi nazionali, in base ai nostri esperti di sondaggi elettorali. Si è parlato molto della sua età e dei suoi strafalcioni verbali, e c’è il rischio che si ritrovi soverchiato dallo stile comunicativo aggressivo di Trump.

Tuttavia, grazie a mesi in cui il presidente ha attaccato le abilità mentali di “Sleepy Joe”, alcuni repubblicani temono che Trump abbia effettivamente fissato un livello troppo basso per Biden.

I nonfarm payroll

Pochi giorni dopo il dibattito tra Trump e Biden sullo stato dell’economia, potremo osservare da un altro lato la salute del mercato del lavoro. Ad agosto la crescita dei salari è stata leggermente inferiore alle previsioni, attestandosi a 1,371 milioni contro le aspettative di 1,4 milioni.

Degli oltre 22 milioni di americani che hanno perso il lavoro all’inizio della pandemia, 11,5 milioni sono ancora senza lavoro. C’è ancora molta strada da fare prima che il mercato del lavoro si riprenda e alcuni analisti si aspettano che il numero dei nuovi posti di lavoro sia nuovamente calato.

L’inflazione, gli indici Caixin e ISM, i dati sulla crescita definitivi

Tra gli altri dati al centro dell’attenzione la prossima settimana ci saranno i rapporti sull’inflazione flash della Germania e dell’Eurozona e il l’indice cinese Caixin Manufacturing PMI. Giovedì sarà una giornata campale per i dati americani, con un’agenda composta dal core PCE, dai dati sui redditi personali e sulla spesa personale, dalle nuove richieste di sussidio di disoccupazione e dai rinnovi, e infine dall’indice PMI manifatturiero ISM.

I dati definitivi relativi alla crescita trimestrale degli Stati Uniti e del Regno Unito e quelli relativi agli indici PMI manifatturieri dagli Stati membri dell’eurozona e dal Regno Unito potrebbero suscitare un certo interesse qualora tali dati differissero notevolmente dalle letture iniziali.

Utili: McCormick, Micron, PepsiCo, Constellation Brands

Martedì ci saranno gli ultimi rapporti sugli utili da parte di McCormick & Co prima dell’apertura della borsa di New York e di Micron Technology dopo la sua chiusura.

McCormick ha perso il 12% dal massimo raggiunto il primo settembre, ma resta sempre sopra del 65% rispetto ai minimi del mese di marzo. Sia gli hedge fund che i company insider hanno venduto il titolo di recente, che è scambiato al 9% in meno rispetto al suo obiettivo di prezzo medio a Wall Street.

D’altro canto, Micron Technology registra un guadagno del 27%, sebbene anch’essa abbia patito forti vendite nell’ultimo trimestre.

Giovedì sia PepsiCo che Constellation Brands pubblicheranno i propri rapporti prima dell’inizio della sessione di scambi. Dopo il recupero di marzo PepsiCo ha faticato a mantenersi sopra i livelli di apertura, e attualmente segna più di un -4% sull’anno. E’ possibile scaricare le ultime ricerche sul titolo da parte di Thompson Reuters sulla piattaforma.

Constellation Brands è rimasta virtualmente piatta per tutto l’anno. Gli analisti prevedono un rialzo del 9% per il titolo.

In evidenza su XRay questa settimana

Leggi il programma completo dell’analisi e formazione del mercato finanziario.

17.00 UTC 28⁠-⁠Sep Blonde Markets
17.00 UTC 29⁠⁠⁠⁠-⁠⁠⁠⁠⁠⁠⁠Sep Webinar: Money Management and Trading Psychology
11.00 UTC 30⁠⁠⁠-⁠⁠⁠⁠⁠⁠⁠Sep Midweek Lunch Wrap
17.00 UTC 01-Oct Election2020 Weekly

Eventi economici principali

Presta attenzione agli eventi più importanti sul calendario economico di questa settimana. Un calendario completo degli eventi economici e aziendali è disponibile sulla piattaforma.

23.50 UTC 28-Sep Bank of Japan Summary of Opinions
Pre-Market 29-Sep McCormick & Co – Q3 2020
12.00 UTC 29-Sep German Flash Inflation
14.00 UTC 29-Sep US CB Consumer Confidence
23.50 UTC 29-Sep Japan Preliminary Industrial Production / Retail Sales
After-Market 29-Sep Micron Technology – Q4 2020
01.45 UTC 30-Sep China Caixin Manufacturing PMI
06.00 UTC 30-Sep UK Finalised Quarterly GDP
09.00 UTC 30-Sep Eurozone Flash Inflation Data
12.30 UTC 30-Sep US Finalised Quarterly GDP
14.30 UTC 30-Sep US EIA Crude Oil Inventories
07.15 – 08.00 UTC 01-Oct Eurozone Final Manufacturing PMIs
08.30 UTC 01-Oct UK Final Manufacturing PMI
Pre-Market 01-Oct PepsiCo – Q3 2020
Pre-Market 01-Oct Constellation Brands – Q2 2021
12.30 UTC 01-Oct US Core PCE, Personal Income, Personal Spending, Jobless Claims
14.00 UTC 01-Oct US ISM Manufacturing PMI
14.30 UTC 01-Oct US EIA Natural Gas Storage
01.30 UTC 02-Oct Australia Retail Sales
12.30 UTC 02-Oct US Nonfarm Payrolls Report
14.00 UTC 02-Oct Finalised University of Michigan Sentiment

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?