The markets month ahead: key events for your trading diary in October

Get a look at the coming month’s important market-moving events with our October trading preview. 

Economic events to watch in October 

OPEC-JMMC meetings – Monday 4th October  

The month begins in earnest with OPEC-JMMC meetings. OPEC+ comes together for its monthly policy talks. No shocking surprises are expected this month. Instead, we’ll probably see a rubber-stamping of the planned output increase of 400,000 bpd.  

RBA rate statement – Tuesday 5th October  

The Reserve Bank of Australia releases its newest rate statement at the start of the month. Markets forecast no hike for the foreseeable future. The cash rate will probably stay at its historic low. 

RBNZ rate statement – Wednesday 6th October  

Joining its Australian cousin in starting the month with a rate decision is the Reserve Bank of New Zealand. Economists think an increase in the 0.2% cash rate will come – but not the 0.5% increase forecast. 

US nonfarm payrolls – Friday 8th October 

Jerome Powell and the Fed, plus the wider markets, will be watching the month’s NFP data carefully. August’s data missed the mark by miles – will September’s stats point towards a US labour market surge? 

US CPI data – Wednesday 13th October 

Consumer Price Index rises cooled in August, backing the Fed’s stance that current high prices are all transitionary. Month-on-month price gains slowed to 0.3%. September’s CPI stats are released on Wednesday 13th of October. 

US retail sales data – Friday 15th October 

Retail sales across America picked up an unexpected bump in August. Sales were up 0.7% according to the Census Bureau. Observers were calling for a 0.7% decline, driven by rising Delta-variant COVID cases. Will we see an upward swing in September too? 

UK CPI data – Tuesday 20th October 

UK inflation is running hot. Last month’s report showed it growing at the fastest rate since records began, rising at 3.2%. It may be all transitionary, but if inflation punches above the Bank of England’s 4% target, then the UK’s central bank may be forced to act. 

European PMIs – Friday October 22nd 

Brace for the monthly European flash PMI blitz with all the key economic activity indicators from France, Germany, and the EU all inbound. Eurozone composite PMI readings for September missed expectations of 58.5 coming in at 56.1. Still in growth, but it looks like activity is starting to slow. 

Bank of Canada rate statement – Wednesday October 27th 

The first rate statement of Justin Trudeau’s third term comes this month. Governor Tiff Macklem and co. stuck to their guns in September, keeping the 0.25% rate in place and the QE pace the same. It’s probable October’s statement will bring much the same. 

ECB Press Conference – Thursday October 28th  

The European Central Bank scaled back its bond-buying programme in September in a bid to cool soaring inflation. Its October moves will likely all come down to how EU CPI reacted to the change. Rates stayed at 0% and it’s likely they will in the mid-term. 

Major economic data 

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Mon Oct-04  8:00am  EUR  Spanish Unemployment Change 
  All Day  All  OPEC Meetings 
  All Day  All  OPEC-JMMC Meetings 
       
Tue Oct-05  4:30am  AUD  RBA Rate Statement 
  4:30am  AUD  Cash Rate 
  Tentative  JPY  BOJ Gov Kuroda Speaks 
  3:00pm  USD  ISM Services PMI 
       
Wed Oct-06  2:00am  NZD  Official Cash Rate 
  2:00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  1:15pm  USD  ADP Non-Farm Employment Change 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
       
Thu Oct-07  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  3:00pm  CAD  Ivey PMI 
       
Fri Oct-08  1:30am  AUD  RBA Financial Stability Review 
  1:30pm  CAD  Employment Change 
  1:30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1:30pm  USD  Average Hourly Earnings m/m 
  1:30pm  USD  Non-Farm Employment Change 
  1:30pm  USD  Unemployment Rate 
  Tentative  USD  Treasury Currency Report 
       
Tue Oct 12  3:00am  CNH  GDP q/y 
  3:00am  CNH  Retail Sales y/y 
  10:00am  EUR  ZEW Economic Sentiment 
  10:00am  EUR  German ZEW Economic Sentiment 
  3:00pm  USD  JOLTS Job Openings 
  6:00pm  USD  10-y Bond Auction 
       
Wed Oct-13  1:30pm  USD  CPI m/m 
  1:30pm  USD  Core CPI m/m 
  6:01pm  USD  30-y Bond Auction 
  7:00pm  USD  FOMC Meeting Minutes 
       
Thu Oct-14  1:30am  AUD  Employment Change 
  1:30am  AUD  Unemployment Rate 
  1:30pm  USD  PPI m/m 
  1:30pm  USD  Core PPI m/m 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  4:00pm  OIL  Crude Oil Inventories 
       
Fri Oct-15  7:00am  GBP  Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Core Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Retail Sales m/m 
  1:30pm  USD  Empire State Manufacturing Index 
  3:00pm  USD  Prelim UoM Consumer Sentiment 
       
Mon Oct-18  2:15pm  USD  Industrial Production m/m 
  3:30pm  CAD  BOC Business Outlook Survey 
Tue Oct-19  1:30am  AUD  Monetary Policy Meeting Minutes 
       
Wed Oct-20  7:00am  GBP  CPI y/y 
  1:30pm  CAD  CPI m/m 
  1:30pm  CAD  Common CPI y/y 
  1:30pm  CAD  Core Retail Sales m/m 
  1:30pm  CAD  Median CPI y/y 
  1:30pm  CAD  Retail Sales m/m 
  1:30pm  CAD  Trimmed CPI y/y 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  10:45pm  NZD  CPI q/q 
       
Thu Oct-21  1:30pm  USD  Philly Fed Manufacturing Index 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
       
Fri Oct-22  8:15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
  8:15am  EUR  French Flash Services PMI 
  8:30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
  8:30am  EUR  German Flash Services PMI 
  9:00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
  9:00am  EUR  Flash Services PMI 
  9:30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
  9:30am  GBP  Flash Services PMI 
  2:45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
  2:45pm  USD  Flash Services PMI 
       
Mon Oct-25  9:00am  EUR  German ifo Business Climate 
       
Tue Oct-26  1:30pm  USD  Core Durable Goods Orders m/m 
  1:30pm  USD  Durable Goods Orders m/m 
  3:00pm  USD  CB Consumer Confidence 
       
Wed Oct-27  1:30am  AUD  CPI q/q 
  1:30am  AUD  Trimmed Mean CPI q/q 
  3:00pm  CAD  BOC Monetary Policy Report 
  3:00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3:00pm  CAD  Overnight Rate 
  3:30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu Oct-28  Tentative  JPY  BOJ Outlook Report 
  Tentative  JPY  Monetary Policy Statement 
  Tentative  JPY  BOJ Press Conference 
  12:45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
  12:45pm  EUR  Main Refinancing Rate 
  1:30pm  EUR  ECB Press Conference 
  1:30pm  USD  Advance GDP q/q 
  1:30pm  USD  Advance GDP Price Index q/q 
  1:30pm  USD  Unemployment Claims 
  3:00pm  USD  Pending Home Sales m/m 
       
Fri Oct-29  8:00am  EUR  German Prelim GDP q/q 
  1:30pm  CAD  GDP m/m 
  1:30pm  USD  Core PCE Price Index m/m 
  2:45pm  USD  Chicago PMI 
  3:00pm  USD  Revised UoM Consumer Sentiment 
Sat Oct-30  Day 1  All  G20 Meetings 
       
Sun Oct-31  1:00am  CNH  Manufacturing PMI 
  Day 2  All  G20 Meetings 

La settimana che ci aspetta: Le banche centrali in primo piano

La settimana che ci aspetta sarà incentrata sulle dichiarazioni delle banche centrali. Ne avremo tre di seguito: la prima arriverà dalla BCE. Le sue prospettive accomodanti vanno in direzione opposta alla Reserve Bank of Australia e alla Bank of Canada, che ultimamente hanno assunto un atteggiamento più aggressivo. Non ci aspettiamo grandi cambiamenti di linea, ma nel mondo dell’economia le sorprese non sono mai finite.

Le ultime indiscrezioni sul pensiero della Banca Centrale Europea sono arrivate grazie ai verbali della riunione di luglio. In una realtà in cui le banche centrali stanno iniziando ad assumere posizioni più aggressive, la BCE è ancora relativamente accomodante.

La BCE ha annunciato la sua prima importante politica finanziaria strategica a luglio. Gli obiettivi legati all’inflazione sono stati rivisti rispetto al tentativo di mantenerla al di sotto del 2%, adottando nello specifico l’obiettivo di un’inflazione principale al 2%. Da allora, l’inflazione nell’area Euro è salita al massimo decennale del 3%, il che probabilmente infonderà coraggio i falchi nel Consiglio direttivo.

Tutto davvero molto bene. E per quanto riguarda il COVID-19? La pandemia non è affatto conclusa, ma alcuni membri chiave del consiglio di amministrazione della BCE sono tuttavia fiduciosi che l’impatto della variante Delta non potrà ostacolare il ritorno della crescita in Europa.

Non sono previste particolari opposizioni. Il sentiment è positivo.

“Direi che grossomodo non siamo troppo lontani da quello che ci aspettavamo a giugno per l’intero anno”, ha riferito mercoledì a Reuters Philip Lane, capo economista della BCE. “Si tratta di un quadro ragionevolmente ben bilanciato”.

Cosa importante, la BCE ha affermato che manterrà una posizione “costantemente accomodante” in futuro. È probabile che i tassi di interesse restino ai livelli attuali, che sono eccezionalmente bassi. Non ci aspettiamo di osservare tanto presto uno spostamento verso posizioni più aggressive.

Per quanto riguarda l’Australia, la RBA è stata piuttosto ottimista nelle sue ultime comunicazioni. Martedì mattina arriverà una nuova dichiarazione sui tassi dalla Reserve Bank of Australia, e non ci aspettiamo che essa si allontani troppo dal suo corso attuale:

vale a dire che la riduzione del programma di acquisto di obbligazioni della RBA continuerà, con l’obiettivo di ridimensionarlo da settembre in poi. Anche i tassi resteranno probabilmente bassi. Non ci aspettiamo nessun aumento prima della fine del 2022.

Molto dipenderà dalla solidità dell’economia australiana alla luce dei crescenti casi di coronavirus e dei lockdown localizzati.

“Il consiglio sarebbe pronto ad agire, in risposta a ulteriori cattive notizie sul fronte sanitario, se ciò dovesse portare ad un’ancora più significativa battuta d’arresto per la ripresa economica”, ha affermato la RBA nei verbali della riunione di agosto. “Fino ad ora l’esperienza è stata che, una volta contenuti i focolai del virus, l’economia si è ripresa rapidamente”.

Il governatore Lowe e i suoi colleghi hanno affermato che non è molto probabile che si verifichi una recessione, anche se le prospettive di crescita per il 2021 sono state riviste. Quest’anno la RBA prevede una crescita annua intorno al 4%, in calo rispetto al 4,75% previsto in precedenza, ma in incremento al 4,25% entro la fine del 2022.

A concludere la serie di dichiarazioni delle banche centrali toccherà alla Bank of Canada. La BOC è una delle banche centrali più aggressive del mondo e si è spostata piuttosto rapidamente verso il taglio dell’acquisto di obbligazioni, pur mantenendo il suo tasso overnight allo 0,25%.

La BOC ha segnalato che la nuova ondata di infezioni e blocchi nel secondo trimestre ha frenato la crescita; tuttavia la banca è fiduciosa che ci sarà un rapido incremento verso la fine dell’anno.

La banca centrale ha affermato che ora l’economia canadese dovrebbe crescere del 6% nel 2021, in calo rispetto alle previsioni di aprile del 6,5%, mentre ha rivisto al rialzo la stima di crescita del 2022, dal 3,7% al 4,6%.

Un elevato livello di inflazione è ancora nell’aria: le letture dovrebbero restare pari o superiori al 3% fino al 2022. Cifre piuttosto alte, e nella parte superiore della forbice 1-3% indicata dalla BOC. Tuttavia, la banca è fiduciosa che questa situazione sia passeggera, ed è improbabile che forzi la mano verso un ripensamento della politica.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Tue 7-Sep  5.30am  AUD  RBA Rate Statement 
  5.30am  AUD  Cash Rate 
  10.00am  EUR  ZEW Economic Sentiment 
  10.00am  EUR  German ZEW Economic Sentiment 
       
Wed 8-Sep  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3.00pm  CAD  Ivey PMI 
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu 9-Sep  12.45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
  12.45pm  EUR  Main Referencing Rate 
  1.30pm  EUR  ECB Press Conference 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
  4.00pm  OIL  US Crude Oil Inventories 
       
Fri 10-Sep  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 
  1.30pm  USD  PPI m/m 
  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
  Tentative  GBP  Monetary Policy Hearings 

La settimana che ci aspetta: Le grandi banche danno il via alla stagione degli utili negli Stati Uniti

Questa settimana inizia la stagione degli utili negli Stati Uniti. Le aziende a grande capitalizzazione comunicheranno i loro rapporti sugli utili relativi al secondo trimestre del 2021. Come sempre, questo offrirà delle interessantissime opportunità di trading per gli investitori, ma questo trimestre potrebbe davvero trasformarsi in una delle migliori stagioni dal punto di vista aziendale.

Il sentiment degli analisti suggerisce che è in arrivo un trimestre eccezionale per le aziende a grande capitalizzazione. Le previsioni di FactSet indicano una crescita del 61,9% per le aziende inserite nell’indice S&P 500. Un risultato del genere vorrà dire che l’indice avrà raggiunto il più alto tasso di crescita su base annua dal 2009.

Saranno le grandi banche a dominare l’inizio della stagione degli utili. JPMorgan Chase, Goldman Sachs, Wells Fargo e Citigroup sono tra gli istituti bancari a riferire nella prima settimana.

In questo trimestre la stagione degli utili assume una nuova importanza: essa servirà al mercato per valutare quali aziende sono pronte a uscire dalla fase pandemica dell’economia per tornare verso qualcosa di simile alle normali procedure operative, e per capire quali aziende hanno faticato di più.

Abbiamo preparato un calendario relativo alla stagione degli utili negli Stati Uniti con il dettaglio delle aziende a grande capitalizzazione che pubblicheranno i loro report sugli utili questo trimestre. Dai un’occhiata per vedere quali sono le aziende che stanno comunicando i loro report per tracciare le tue operazioni per la prossima stagione.

A parte gli utili, e passando ai dati, questa settimana verrà comunicato il risultato dell’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti di giugno.

I prezzi al consumo per i beni principali sono aumentati del 5% su base annua a maggio, con il tasso di crescita più rapido dall’agosto del 2008. Questo dato è stato superiore persino alle aspettative di Wall Street. L’inflazione di base, valore che non comprende i prezzi dei generi alimentari o dell’energia, è aumentata del 3,8%. Si tratta dell’aumento più vistoso da quasi trent’anni a questa parte.

I dati di maggio, compilati dal Bureau of Labor Statistics, hanno scatenato un dibattito sul fatto che la FED debba lasciare o meno che l’economia si surriscaldi. L’inflazione è uno degli strumenti di misura più importanti della Fed, perciò una lettura simile a giugno potrebbe richiedere un cambiamento di politica o un aumento dei tassi per raffreddare i bollori dell’economia post-lockdown.

Fitch ritiene che l’IPC continuerà ad aumentare fino al 2022. L’agenzia di rating ritiene che i problemi alla linea di approvvigionamento non si allevieranno in tempi brevi, e perciò continueranno a far salire i prezzi dei beni di consumo.

Le previsioni di Fitch prevedono un aumento annuo complessivo del 4,5% dell’inflazione di base degli IPC entro la fine del 2021, con il tasso di inflazione non di base al 4,1%. L’inflazione di fondo sarebbe poi destinata a scendere al 2,5% entro la metà del 2022.

Questa settimana osserveremo anche i dati più recenti sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. I mercati cercheranno di capire se il calo dell’1,3% delle vendite complessive e dello 0,7% delle vendite al dettaglio registrato a maggio sia stato uno scivolone temporaneo o se la tendenza continuerà anche a giugno.

Nonostante questi lievi cali mensili, le vendite al dettaglio sono aumentate del 28,1% su base annua.

Il calo può essere parzialmente spiegato con la tendenza dei consumatori, che hanno iniziato a distogliere l’attenzione su beni e prodotti finiti, rivolgendosi invece ad esperienze di viaggio. Con il ripristino quasi completo della libertà di movimento negli Stati Uniti, i consumatori preferiscono uscire, pianificare viaggi e spendere in servizi, piuttosto che svagarsi con del semplice shopping.

Un altro motivo può essere individuato nel calo del 3,4% degli incassi dei concessionari di automobili. La carenza globale di semiconduttori sta avendo un effetto negativo sulla consegna di nuovi veicoli. Di conseguenza, le vendite hanno iniziato a rallentare.

È interessante notare che le vendite al dettaglio di aprile sono state riviste al rialzo nella lettura di maggio. Invece di restare statiche, come si era pensato all’inizio, in realtà le vendite sono cresciute dello 0,8% su base mensile.

È prevista anche la nuova dichiarazione sui tassi della Banca del Canada. Il governatore Tiff Macklem ha confermato a giugno che il tasso overnight si è mantenuto stabile allo 0,25% e che non ci sarebbero stati cambiamenti del tasso sul breve periodo.

Macklem ha anche impegnato la Banca ad effettuare 3 miliardi di dollari canadesi in acquisti settimanali di titoli di stato canadesi, ma ha ribadito che il ritmo di tali acquisti si ridurrà con il progredire della ripresa economica.

Il Canada è stata una delle prime grandi economie ad iniziare a ridurre i suoi acquisti di obbligazioni ad aprile. Ciò nonostante, l’economia si è contratta nei mesi di aprile e maggio, e la crescita del PIL del primo trimestre del 5,6% non ha soddisfatto le aspettative, principalmente a causa dei lockdown dei mesi invernali.

Tuttavia, gli economisti della Banca del Canada sono fiduciosi che la ripresa aumenterà il ritmo nei prossimi mesi. Si prevede che i prezzi elevati delle materie prime e la crescita della domanda estera fungeranno da motore propulsivo per il futuro.

Nel comunicato del 14 luglio, è prevista una riduzione degli acquisti obbligazionari.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Tue 13-Jul  1.30pm  USD  CPI m/m 
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
       
Wed 14-Jul  3.00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  3.00am  NZD  Cash Rate 
  1.30pm  USD  PPI m/m 
  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
  3.00pm  CAD  BOC Monetary Policy 
  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
  3.30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu 15-Jul  2.30am  AUD  Employment Change 
  2.30am  AUD  Employment Rate 
  3.00am  CNH  GDP q/y 
  1.30pm  USD  Philly Fed Manufacturing Index 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
  11.45pm  NZD  CPI q/q 
       
Fri 16-Jul  1.30pm  USD  Retail sales m/m 
  1.30pm  USD  Core retail sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili

Tue 13 Jul  Wed 14 Jul  Thu 15 Jul 
JPMorgan Chase & Co   Bank of America Corp    
     
Goldman Sachs Group Inc   Citigroup Inc   Morgan Stanley  
     
PepsiCo Inc      
     
Wells Fargo & Co      

La settimana che ci aspetta: L’inflazione ruba la scena mentre BCE e Banca del Canada riferiscono

Questa settimana l’inflazione è ovunque. Sono attese due importanti decisioni sui tassi delle banche centrali, quella della Banca Centrale Europea e della Banca del Canada, dal momento che l’inflazione inizia a farsi sentire. Osservando i dati, il grande rilascio sono i numeri dell’IPC di maggio negli USA, dopo l’aumento dei prezzi di aprile.

Partendo dalla BCE, l’inflazione più alta del previsto a maggio significa che il target di inflazione della banca centrale è stato superato.

L’inflazione dell’Eurozona ha toccato il 2% per la prima volta quest’anno a maggio. Il mandato politico della BCE è di mantenere l’inflazione vicina (ma sotto) a quel livello. In precedenza, la BCE aveva previsto che l’inflazione avrebbe raggiunto il picco del 2% nell’ultimo trimestre del 2021, per poi scendere nel corso del 2022.

Il fatto che sia stato sforato il target del 2% renderà necessario un cambiamento?

Moody’s non crede che sarà così. L’agenzia di rating ritiene che non ci saranno aumenti dei tassi almeno per diversi anni, nonostante il recente aumento dell’inflazione.

“Dopo che l’attività economica sarà ripresa normalmente, il tasso di inflazione inizierà probabilmente a indebolirsi nella seconda metà del 2022, poiché gli effetti degli aumenti una tantum dei prezzi inizieranno a sparire dai dati sull’inflazione”, ha affermato Moody’s.

Sebbene non sia prevista alcuna variazione dei tassi, i mercati continueranno a tenere d’occhio la situazione per verificare eventuali modifiche alla politica della BCE durante la conferenza stampa di mercoledì.

I membri più aggressivi del consiglio della banca centrale speravano in un allentamento del PEPP, il pacchetto di stimolo dell’UE, entro la seconda metà del 2021. Di sicuro, se l’inflazione continua a salire, la banca potrebbe essere costretta a cambiare rotta. Dipenderà tutto dalle condizioni economiche da qui in poi.

“La dotazione può essere ricalibrata se necessario per mantenere condizioni di finanziamento favorevoli per aiutare a contrastare lo shock pandemico negativo sul percorso dell’inflazione”, ha affermato la BCE in una nota a margine della riunione di maggio.

In contrasto con l’atteggiamento cauto della BCE, la Bank of Canada fa un po’ da apripista nell’economia del periodo del Covid. È infatti la prima banca centrale ad iniziare attivamente a ridurre il suo programma di acquisto di obbligazioni, e potrebbe essere una delle prime ad aumentare il proprio tasso di interesse.

Detto questo, probabilmente il tasso dello 0,25% non cambierà a giugno. Un rialzo dei tassi arriverà non prima del secondo semestre del 2022. A detta di tutti, la dichiarazione di giugno sta per essere ben più di un’anteprima dei potenziali cambiamenti di luglio.

L’inflazione è ancora sotto stretto monitoraggio. Ad aprile, l’inflazione era all’estremità più alta dell’1-3% previsto dalla Banca del Canada, quindi le condizioni economiche potrebbero costringere la banca centrale canadese a muoversi un po’ più velocemente sui tassi qualora si osserverà un andamento simile durante la pubblicazione dei dati di maggio.

In questo momento è improbabile un aumento dei tassi. Al contrario, l’attenzione sarà sul Quantitative Easing.

Secondo Reuters, gli analisti di sei delle principali retail bank canadesi pensano che la Banca del Canada si stia preparando a rallentare ulteriormente gli acquisti di obbligazioni. Le previsioni stimano che il mese prossimo l’acquisto di obbligazioni settimanali verrà ridotto a 2 miliardi di CAD (1,65 miliardi di USD) dall’attuale livello di 3 miliardi di CAD a settimana. Ulteriori riduzioni potrebbero essere in arrivo ad agosto.

Guardando i dati, giovedì verrà pubblicata la nota sull’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti per il mese di maggio. In quanto misura chiave dell’inflazione, questo dato sarà attentamente monitorato dai mercati, dopo che la lettura di aprile è stata superiore al previsto.

Per il mese scorso, gli economisti intervistati dal Dow Jones avevano previsto un aumento dell’IPC del 3,6%. La lettura finale ha registrato un +4,2% su base annua, con il tasso di crescita più rapido dal 2008.

Gran parte di questo risultato è stato dovuto a fattori economici di base, e non già all’inflazione che aveva iniziato ad impennarsi. Ad aprile 2020 i prezzi erano crollati a causa della prima serie di lockdown. Con il rafforzamento dell’economia statunitense, sono aumentati anche i prezzi al consumo.

Pertanto, la FED ha definito i numeri di aprile “passeggeri”, e ha deciso di attenersi ancora al copione. La Federal Reserve ritiene che l’inflazione calerà con il proseguimento dell’anno, tornando al livello target del 2%.

Ma se anche a maggio avremo una lettura simile, la FED potrebbe essere costretta ad agire.

I principali dati economici

Date Time (GMT+1) Asset Event
Wed 9-Jun 3.00pm CAD BoC Rate Statement
  3.00pm CAD Overnight Rate
  Tentative CAD BoC Press Conference
  3.30pm Oil US Crude Oil Inventories
 
Thu 10-Jun 12.45pm EUR Main Referencing Rate
  12.45pm EUR Monetary Policy Statement
  1.30pm EUR ECB Press Conference
  1.30pm USD CPI m/m
  1.30pm USD Core CPI m/m

 

I principali rapporti sugli utili

Date Company Event
Mon 7-Jun Marvell Technologies Q1 2022 Earnings
Tue 8-Jun GameStop Q1 2021 Earnings
 
Wed 9-Jun Inditex Q1 2021 Earnings

La settimana che ci aspetta: intervento della BCE dopo le pressioni legate al vaccino

Gli annunci sui tassi della Banca centrale europea e della Bank of Canada sono i grandi temi della settimana. Assisteremo a importanti variazioni di politica? Le vendite al dettaglio nel Regno Unito saranno a loro volta monitorate ora che il paese sta emergendo dal lockdown. A Wall Street la stagione delle trimestrali dominerà le notizie.

Le vaccinazioni mettono pressioni sulla BCE in previsione della conferenza stampa.

Nuovo mese, nuova conferenza stampa della BCE.

Anche a questo giro è improbabile che la Banca centrale europea metta mano alla politica monetaria questo mese.

È più probabile che l’attenziona sia rivolta ai piani futuri della banca centrale. La questione principale in relazione alla ripresa economica è l’andamento della campagna vaccinale nell’Unione europea. Questo è quanto emerge dai verbali dell’incontro della BCE dell’11 marzo ultimo scorso.

I verbali sottolineano che i membri del Consiglio direttivo della BCE ritengono che la crescita economica di breve periodo dipenderà dall’evoluzione della pandemia.

In particolare emerge che: “Si è parlato dei lenti progressi della campagna vaccinale rispetto ad altre parti del mondo”. “Sono stati sollevati interrogativi su quanto sia realistico che le misure di contenimento possano essere ridotte già nel secondo trimestre. La debolezza dell’attività potrebbe estendersi al secondo trimestre, se non oltre”.

La sensazione è che tassi di infezione da COVID-19 ancora alti in Europa, la diffusione di mutazioni del virus e lockdown prolungati pesino sulla ripresa dell’Unione. La crescita del PIL potrebbe risultare inferiore a quanto prospettato in precedenza per il prossimo trimestre.

Detto ciò, il tasso di riferimento probabilmente non aumenterà. Il mantenimento di un basso costo dei prestiti per le banche nell’UE è una priorità, dal momento che il recente aumento dei rendimenti obbligazionari non risulta irrilevante nell’equazione.

Il membro del consiglio direttivo e presidente della Banca centrale olandese Klaas Knot ha indicato di non voler assistere ad un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato, in quanto questo può comportare uno stringimento delle condizioni economiche nell’UE. Dopo il recente impegno della BCE ad aumentare il programma di acquisto di obbligazione, questo è ciò che si vuole evitare per quanto possibile.

Possibili cambiamenti di politica in previsione dell’annuncio dei tassi della Bank of Canada?

Anche la Bank of Canada si riunirà per definire i tassi questa settimana. Non si prevedono variazioni di rilievo per quanto concerne la politica dei tassi canadesi, ma potrebbero esserci dei piccoli cambiamenti.

Una cosa che è improbabile che cambi è il tasso di politica della BCE, che dovrebbe rimanere bloccato allo 0.25% fino al 2023 quando l’economia si sarà ripresa.

La Banca centrale canadese sta esplorando la possibilità di apportare modifiche alla struttura di politica, valutando aspetti come inflazione media target, PIL nominale target, livello di prezzo target e doppio mandato occupazione e inflazione target.

Il contesto è di una generale serenità dei consumatori e delle banche nonostante tassi di interesse storicamente bassi.

“Nel complesso l’inflazione non è diventata una forte preoccupazione per i canadesi e la pandemia non ha cambiato in modo significativo l’opinione dei consumatori per l’inflazione” ha comunicato la BOC nell’ultimo sondaggio trimestrale sulle aspettative dei consumatori pubblicato il 12 aprile.

Il Governatore Macklem ha indicato “I canadesi sono consapevoli che l’inflazione colpisce gli altri in modo diverso”. “Questo condiziona il nostro programma di ricerca. Stiamo lavorando con Statistics Canada per adottare misure di inflazione mirate per gruppi specifici. Tale decisione fa seguito al nostro dialogo con i canadesi”.

Sappiamo che la Banca centrale sta valutando l’opportunità di chiudere il programma di alleggerimento quantitativo, pertanto potremmo saperne di più in merito alla strategia che intende adottare la banca in occasione del prossimo annuncio sui tassi.

Vendite al dettaglio nel Regno Unito verso un marzo positivo

Il Regno Unito ha aperto i negozi non essenziali, quindi potremmo assistere ad un boom in occasione della pubblicazione delle statistiche di aprile. Le vendite al dettaglio mese su mese di marzo verranno pubblicate questa settimana e gli indicatori puntano a risultati positivi nonostante le condizioni difficili dettate dalla pandemia.

Il monitor mensile delle vendite di KMPG e del British Retail Consortium evidenziano infatti una crescita. Tali rapporti anticipano le statistiche mese su mese che verranno pubblicate questa settimana, ma forniscono già un’indicazione dello stato di salute del settore al dettaglio nel Regno Unito.

Per contestualizzare meglio i dati, l’IRC ha deciso di comparare i dati sulle vendite tra il 2019 e il 2021 a causa dell’anomalia causata dalla pandemia nel 2020.

Le vendite al dettaglio nel Regno Unito sono aumentate dell’8.4% in un raffronto omogeneo con il mese di marzo 2019, calando invece dell’1.1% rispetto all’anno precedente.

Nei primi tre mesi a marzo, su base biennale, le vendite alla pari (alimentare escluso) sono calate del 44.4% in totale del 44.0% in un raffronto omogeneo. Si tratta di un raffronto peggiore rispetto al calo medio totale del 2019 del 3.1%.

Per il mese di marzo, il raffronto omogeneo a due anni escludendo i negozi temporaneamente chiusi evidenzia un calo. Questo era prevedibile. Fino alla scorsa settimana i negozi non essenziali sono rimasti chiusi nel Regno Unito, quindi le vendite in punti vendita fisici sono state sostanzialmente a zero.

Le vendite online sono continuate ad aumentare rapidamente a marzo, nell’ultimo mese di lockdown 3.0. Il BRC indica che il 60% delle vendite sono avvenute online durante il mese. L’IMRG, che continua a confrontare i dati del 2021 con quelli del 2020, indica che a marzo le vendite online sono aumentate del 71.7% rispetto allo stesso periodo lo scorso anno.

Potremo vedere un raffronto mese su mese in occasione della pubblicazione dei dati di questa settimana.

Inizio della stagione delle trimestrali a Wall Street

Dopo l’inizio con le grandi banche la scorsa settimana, entriamo nel vivo della stagione delle trimestrali ora. Riceveremo questa settimana i risultati di diverse aziende large cap.

Potremo vedere con maggiore chiarezza quali aziende continuano a beneficiare della pandemia e quali hanno arrancato nelle attuali condizioni.

Tra le large cap di questa settimana troviamo Coca-Cola, Johnson and Johnson, Intel, Netflix, SAP e altre ancora. Di seguito un elenco delle large cap che pubblicheranno le trimestrali.

I principali dati economici

Date Time (GMT+1) Currency Event
Tue 20-Apr 11.45pm NZD CPI q/q
Wed 21-Apr 2.30am AUD Retail Sales m/m
7.00am GBP CPI y/y
1.30pm CAD CPI m/m
  3.00pm CAD BOC Monetary Policy Report
3.00pm CAD BOC Rate Statement
3.00pm CAD Overnight Rate
3.30pm USD Crude Oil Inventories
4.00pm CAD BOC Press Conference
Thu 22-Apr 12.45pm EUR Main Referencing Rate
12.45pm EUR Monetary Policy Statement
1.30pm EUR ECB Press Conference
1.30pm USD Unemployment Claims
3.30pm USD US Natural Gas Inventories
Fri 23-Apr 7.00am GBP Retail Sales y/y
8.15am EUR French Flash Services PMI
8.15am EUR French Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Services PMI
9.00am EUR Flash Manufacturing PMI
  9.00am EUR Flash Services PMI
9.30am GBP Flash Manufacturing PMI
9.30am GBP Flash Services PMI

 

I principali rapporti sugli utili

Date Company Event
Mon 19-Apr Coca-Cola Q1 2021 Earnings
IBM Q1 2021 Earnings
Prologis Q1 2021 Earnings
United Airlines Q1 2021 Earnings
Tue 20-Apr Johnson & Johnson Q1 2021 Earnings
Proctor & Gamble Q3 2021 Earnings
Netflix Q1 2021 Earnings
Philip Morris Q1 2021 Earnings
Lockheed Martin Q1 2021 Earnings
Wed 21-Apr ASML Q1 2021 Earnings
NextEra Energy Q1 2021 Earnings
Anthem Inc. Q1 2021 Earnings
Canadian Pacific Railway Co. Q1 2021 Earnings
Ericsson Q1 2021 Earnings
Thu 22-Apr Intel Corp. Q1 2021 Earnings
AT&T Q1 2021 Earnings
Union Pacific Q1 2021 Earnings
Snap Inc. Q1 2021 Earnings
Blackstone Q1 2021 Earnings
LG Chem Q1 2021 Earnings
Volvo AB Q1 2021 Earnings
Fri 23-Apr Industrial & Commercial Bank of China Q1 2021 Earnings
Agricultural Bank of China Q1 2021 Earnings
Honeywell Q1 2021 Earnings
Bank of China Q1 2021 Earnings
PetroChina Q1 2021 Earnings
American Express Q1 2021 Earnings
Daimler Q1 2021 Earnings

La settimana che ci aspetta: Le dichiarazioni della BCE, i nuovi dati dell’IPC americani e la relazione della Banca del Canada

Ci aspetta una settimana densa di avvenimenti nell’economia europea, con la conferenza stampa della BCE e la dichiarazione sui tassi d’interesse. Le modifiche alla politica economica finiranno per mettere fine all’aumento dei rendimenti? Negli Stati Uniti vengono rilasciati i dati sull’indice dei prezzi al consumo che misurano gli effetti dell’inflazione. Inoltre, la Banca del Canada farà la sua dichiarazione sui tassi monetari giornalieri, e una forte prospettiva economica per il Canada potrebbe significare un cambiamento nella politica di acquisto di obbligazioni.

La BCE modificherà il suo programma di acquisto di obbligazioni per far fronte all’incremento dei rendimenti?

I rendimenti delle obbligazioni hanno influenzato molti dei colloqui sulla politica monetaria nelle ultime settimane. Osserveremo la risposta della Banca Centrale Europea all’incremento delle curve nella dichiarazione della BCE e nella conferenza stampa di questa settimana.

Il membro del Consiglio di Amministrazione Fabio Panetta ha già sostenuto la necessità di continuare gli acquisti di obbligazioni e di mantenere attivo il sostegno finanziario dal momento che la pandemia non si ferma.

“L’accrescimento a cui abbiamo assistito della curva dei rendimenti ponderata sul PIL nominale non è gradito e deve essere contrastato. Non dovremmo esitare ad aumentare il volume degli acquisti e a spendere tutto il pacchetto del PEPP (programma di acquisto per l’emergenza pandemica) o anche di più se necessario”, ha affermato Panetta martedì 2 marzo.

“Il sostegno politico dovrà restare in vigore ben oltre la fine della pandemia”, ha aggiunto. “I rischi di fornire un sostegno politico troppo fiacco superano ancora di gran lunga i rischi di fornirne uno troppo potente. Mantenendo i rendimenti nominali bassi per un periodo più lungo, sarà possibile fornire un forte ancoraggio al fine di preservare condizioni di finanziamento accomodanti”.

Nonostante ciò, lunedì 1 marzo abbiamo assistito a un rallentamento del programma di acquisto di obbligazioni da parte della BCE. Quindi, la Banca Centrale ha liquidato 12 miliardi di EUR di acquisti di obbligazioni, contro i 17,5 miliardi della settimana precedente. Il calo è stato dovuto a rimborsi molto più elevati, a quanto riferisce Bloomberg. Questo è forse un segno che è in arrivo una nuova correzione della linea politica?

Ciò potrebbe essere contrario ai desideri di Panetta: “Dobbiamo stabilire la credibilità della nostra strategia dimostrando che un inasprimento ingiustificato non sarà tollerato”.

“Abbiamo delle possibilità per reagire a tutto ciò”, ha detto alla CNBC Jens Weidmann, governatore della Bundesbank tedesca. “Il PEPP è uno strumento flessibile e possiamo utilizzare questa flessibilità per reagire a una situazione del genere”.

Il programma di acquisto di obbligazioni di emergenza da parte dell’UE durerà fino a marzo 2022 per come le cose stanno oggi, con acquisti totali che raggiungeranno 1,85 trilioni di EUR. Weidmann ha indicato che la BCE potrebbe aumentare nuovamente gli acquisti sulla scia dell’aumento dei rendimenti.

“Si tratta di un elemento che è sul tavolo per utilizzare la flessibilità che abbiamo a disposizione nell’implementare il PEPP”, ha detto Weidmann. “Ma ancora una volta, il primo passo sarà quello di analizzare le cause profonde e anche di capire quale effetto avremo sul nostro obiettivo finale che è la stabilità dei prezzi”.

I rendimenti e la risposta della BCE saranno al centro dell’attenzione in occasione delle prossime dichiarazioni attese l’11 marzo.

IPC negli USA, rendimenti e inflazione

Vedremo anche se l’inflazione sta davvero iniziando a mostrare i denti negli Stati Uniti con il rilascio dell’ultimo rapporto sull’indice dei prezzi al consumo (IPC) del Bureau of Labour.

L’aumento dei rendimenti delle obbligazioni statunitensi è stato il punto centrale della discussione nelle ultime due settimane, poiché essi hanno influenzato il finanziamento globale. I rendimenti del benchmark US Treasury Note a 10 anni hanno superato l’1,3% il 17 febbraio e da allora sono balzati quasi all’1,6%.

I rendimenti tendono ad aumentare con le aspettative sull’inflazione perché chi investe in obbligazioni è meno incline ad affidarsi ad attività a rendimento basso o negativo in termini reali. Rendimenti più elevati possono anche significare un maggiore servizio del debito per le grandi aziende. Ciò tende a colpire i mercati azionari poiché gli operatori rivalutano l’ambiente per gli investimenti.

In precedenza, l’IPC di gennaio aveva effettivamente mostrato una contrazione, quando l’inflazione era scesa allo 0,3%. Su base annua, l’IPC è rimasto invariato all’1,4%. L’IPC core, che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia, è sceso all’1,4% a gennaio dall’1,6% di dicembre, ed è risultato inferiore alle aspettative del mercato dell’1,5%.

Le pressioni sui prezzi dovrebbero essere state più forti a febbraio.

I rendimenti più elevati e i livelli di inflazione vengono anche osservati nel contesto di ulteriori stimoli. È molto probabile che il pacchetto da 1,9 bilioni di USD varato da Joe Biden venga approvato presto, il che si spera indurrà ad una maggiore spesa e ad un incremento dei consumi in tutta l’economia statunitense. Con una liquidità disponibile più rapidamente, l’inflazione potrebbe aumentare.

Ci sono molte notizie da raccogliere dal rilascio dell’IPC negli Stati Uniti di questo mese.

Dichiarazione sui tassi di interesse della Banca del Canada – nessun cambiamento rilevante in vista

La Banca del Canada definirà la sua ultima politica sui tassi questa settimana. Potremmo assistere a un allentamento del sostegno economico? I rapporti preliminari sul PIL indicano che le prospettive economiche del Canada sono relativamente buone, quindi potrebbe esserci all’orizzonte una riduzione degli acquisti di obbligazioni.

In un comunicato stampa di gennaio, la banca centrale canadese ha dichiarato che manterrà il livello attuale del tasso ufficiale fino al raggiungimento del suo obiettivo di inflazione, pur continuando il suo programma di quantitative easing, acquistando obbligazioni per un valore di 4 miliardi di CAD ogni settimana.

Tuttavia, gli ultimi dati sul PIL del Canada mostrano che l’economia del Paese è resiliente. L’economia canadese è cresciuta a un tasso annualizzato del 9,6% nel quarto trimestre, come hanno mostrato i dati di Statistics Canada martedì 2 marzo, superando le aspettative degli analisti che erano del 7,5%.

È probabile che i tassi di interesse rimarranno vicini allo zero fino al 2023. I tassi ipotecari hanno iniziato a salire, tuttavia, in risposta all’innalzamento delle curve dei rendimenti, il tasso di base rimarrà basso per un altro paio di anni, come ha affermato il governatore della Banca del Canada Tiff Macklem.

Nonostante alcuni osservatori ritengano che il rafforzamento delle prospettive economiche possa segnalare un possibile taglio negli acquisti di obbligazioni, la Banca del Canada ha accelerato gli acquisti di obbligazioni provinciali come parte di una strategia generale tesa a contrastare l’aumento dei rendimenti, oltre a fornire più liquidità alle province per rafforzare la propria economia contro la pandemia di Covid-19 in corso.

La scorsa settimana la banca centrale ha acquistato 436,5 milioni di CAD di obbligazioni tramite il suo programma di acquisto di obbligazioni provinciali, il massimo dall’inizio di tale sforzo a maggio.

Come tutte le economie, tuttavia, è altamente improbabile che il Canada apporti cambiamenti drastici quando avverrà la decisione sulla dichiarazione dei tassi il 10 marzo.

 

I principali dati economici di questa settimana

Date  Time (GMT  Currency  Event 
Wed 10 Mar  1.30pm  USD  CPI m/m 
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
  3.00pm  CAD  BoC Rate Statement 
  3.30pm  CAD  Overnight Rate 
  3.30pm  USD  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 11 Mar  12.45pm  EUR  Main Refinancing Rate 
  12.45pm  EUR  Monetary Policy Statement 
  1.30pm  EUR  ECB Press Conference 
       
Fri 12 Mar  1.30pm  CAD  Employment Change 
  1.30pm  CAD  Unemployment Rate 

I principali rapporti sugli utili di questa settimana

Date  Company  Event 
Tue 09 Mar  Deutsche Post  Q4 2020 Earnings 
  Continental  Q4 2020 Earnings 
     
Wed 10 Mar  Oracle  Q3 2021 Earnings 
  Adidas  Q4 2020 Earnings 
  LUKOIL  Q4 2020 Earnings 
  Legal & General  Q4 2020 Earnings 
  Campbell Soup  Q2 2021 Earnings 
  Prada  Q4 2020 Earnings 
     
Thur 11 Mar  Rolls Royce  Q4 2020 Earnings 

Stocks firm, earnings unmask weakness, OPEC+ decision eyed

European markets moved up again this morning after stocks rallied on Wall Street and futures indicate further gains for US equity markets despite big bank earnings underlining the problems on Main Street. Sentiment recovered somewhat after Moderna’s vaccine candidate showed ‘promising’ results from phase 1 trials. It is too early to call a significant breakthrough, but it’s certainly encouraging.

Cyclical components led the way for the Dow with top performers the likes of Caterpillar and Boeing, as well as energy names Exxon and Chevron up over 3% as the index rose over 500pts, or 2.1%, its best day in over two weeks. Apple shares regained some ground to $388 ahead of an EU court ruling today on whether the company should repay €13bn in unpaid taxes.

Asian markets were mixed, with China and Hong Kong lower as US-China tensions rose, but shares in Japan and Australia were higher. European shares advanced around 0.75% in early trade, with the FTSE reclaiming 6,200 and the DAX near 12,800.

However, Tuesday’s reversal off the June peak may still be important – lots of things need to go right to extend the rally and you must believe this reporting season will not be full of good news, albeit EPS estimates – such as they are – may be relatively easy to beat.

My sense is what while the stock market does not reflect the real economy, this does not mean we are about to see a major drawdown again like we saw in March. The vast amount of liquidity that has been injected into the financial system by central banks and the fiscal splurge will keep stocks supported – the cash needs to find a home somewhere and bonds offer nothing. It will likely take a significant escalation in cases – a major second wave in the winter perhaps – to see us look again at the lows.

For the time being major indices are still chopping around the Jun-Jul ranges, albeit the S&P 500 and DAX are near their tops. Failure to breakout for a second time will raise the risk of a bigger near-term pullback, at least back to the 50% retracement of June’s top-to-bottom move in the second week of that month.

Trading revenues, loan loss provisions surge at US banks

US bank earning highlighted the divergence between the stock market and the real economy. JPMorgan and Citigroup posted strong trading revenues from their investment bank divisions but had to significantly increase loan loss provisions at their consumer banks. Wells Fargo – which does have the investment banking arm to lean on – increased credit loss provisions in the quarter to $9.5bn from $4bn in Q1, vs expectations of about $5bn.

This begs the question of when the credit losses from bad corporate and personal debt starts to catch up with the broader market. Moreover, investors need to ask whether the exceptional trading revenues are all that sustainable. Shares in Citigroup and Wells Fargo fell around 4%, whilst JPMorgan edged out a small gain. Goldman Sachs, BNY Mellon and US Bancorp report today along with Dow component UnitedHealth.

UK retail earnings

In the UK, retail earnings continue to look exceptionally bleak. Burberry reported a drop in sales of 45% in the first quarter, with demand down 20% in June. Asia is doing OK, but the loss of tourist euros in Europe left EMEIA revenues down 75% as rich tourists stayed clear of stores because of lockdown. Sales in the Americas were down 70% but there is a slight pickup being seen. Encouragingly, mainland China grew mid-teens in Q1 but grew ahead of the January pre COVID level of 30% in June, Burberry said. Shares opened down 5%.

Dixons Carphone reported a sharp fall in adjusted profit to £166m from £339m a year before, with a statutory loss of £140m reflecting the cost of closing Carphone stores. Electricals is solid and online sales are performing well, with the +22% rise in this sector including +166% in April. Whilst Dixons appears to have done well in mitigating the Covid damage by a good online presence, the Mobile division, which was already impaired, continues to drag.

Looking ahead, Dixons says total positive cashflow from Mobile will be lower than the previous guidance of about £200m, in the range of £125m-£175m. Shares fell 6% in early trade.

White House ends Hong Kong special status, US to impose sanctions

US-China tensions are not getting any better – Donald Trump signed a law that will allow the US to impose sanctions on Chinese officials in retaliation for the Hong Kong security law. The White House has also ended the territory’s special trade status – it is now in the eyes of the US and much of the west, no different to rest of China. This is a sad reflection of where things have gone in the 20+ years since the handover.  Britain’s decision to strip Huawei from its telecoms networks reflects a simple realpolitik choice and underscores the years of globalisation are over as east and west cleave in two.

The Bank of Japan left policy on hold but lowered its growth outlook. The forecast range by BoJ board members ranged from -4.5% to -5.7%, worse than the April range of -3% and –5%. It signals the pace of recovery in Japan and elsewhere is slower than anticipated.

Federal Reserve Governor Lael Brainard talked up more stimulus and suggested stricter forward guidance would be effective – even indicating that the central bank could look at yield curve control – setting targets for short- and medium-term yields in order to underpin their forward guidance.

EUR, GBP push higher ahead of US data; BOC decision on tap

In FX, we are seeing the dollar offered. EURUSD has pushed up to 1.1430, moving clear of the early Jun peak, suggesting a possible extension of this rally through to the March high at 1.15. GBPUSD pushed off yesterday’s lows at 1.2480 to reclaim the 1.26 handle, calling for a move back to the 1.2670 resistance struck on the 9-13 July.

Data today is focused on the US industrial production report, seen +4.3% month on month, and the Empire State manufacturing index, forecast at +10 vs -0.2 last month. The Bank of Canada is expected to leave interest rates on hold at 0.25% today, so we’ll be looking to get an update on how the central bank views the path of economic recovery.  Fed’s Beige Book later this evening will offer an anecdotal view of the US economy which may tell us much more than any backward-looking data can.

Oil remains uncertain ahead of OPEC+ decision

Oil continues to chop sideways ahead of the OPEC+ decision on extending cuts. WTI (Aug) keeps bouncing in and off the area around $40 and price action seems to reflect the uncertainty on OPEC and its allies will decide. The cartel is expected to taper the level of cuts by about 2 million barrels per day from August, down from the current record 9.7 million bpd. Secretary General Mohammad Barkindo had said on Monday that the gradual easing of lockdown measures across the globe, in tandem with the supply cuts, was bringing the oil market closer to balance.

However, an unwinding of the cuts just as some economies put the brakes on activity again threatens to send oil prices lower. OPEC yesterday said it expects a bullish recovery in demand in the second half, revising its 2020 oil demand drop to 8.9m bpd, vs the 9m forecast in June. The cartel cited better data in developed nations offsetting worse-than-expected performance in emerging markets. EIA inventories are seen showing a draw of 1.3m barrels after last week produced an unexpected gain of 5.7m barrels.

CySEC (Europa)

Prodotto

  • CFD
  • Negoziazione di azioni
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Compensazione FSCS per l’Investitore fino a EUR 20.000
  • Copertura assicurativa da €1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com, gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

FSC (Globale)

Prodotto

  • CFD
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (BVI) Limited (“Finalto BVI”) Tiene la licencia número SIBA/L/14/1067 regolamentato dalla B.V.I Financial Services Commission (“FSC").

FCA (Gran Bretagna)

Prodotto

  • CFD
  • Le spread bet
  • Costruttore di strategia

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Indennizzo agli investitori della FSCS fino a GBP85.000. *a seconda di criteri ed idoneità
  • Copertura assicurativa da £1.000.000**
  • Protezione dal Saldo Negativo

Markets.com gestito da Finalto Trading Limited Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) con licenza n.607305

ASIC (Australia)

Prodotto

  • CFD

  • I fondi dei Clienti sono tenuti in conti bancari separati
  • Verifica elettronica
  • Protezione dal Saldo Negativo
  • Copertura assicurativa da $1.000.000**

Markets.com, gestito da Finalto (Australia) Pty Limited Detiene una licenza per i servizi finanziari australiana n. 424008 ed è regolamentata nella fornitura di servizi finanziari dell’Australian Securities and Investments Commission (ASIC”).

Selezionando uno di questi organismi di regolamentazione, verranno visualizzate le informazioni corrispondenti su tutto il sito web. Se vuoi visualizzare le informazioni per un organismo di regolamentazione diverso, selezionalo. Per maggiori informazioni, clicca qui.

**Soggetto a termini e condizioni. Consulta la polizza integrale per maggiori dettagli.

 

Ti sei perso?

Abbiamo rilevato che sei sul sito . Dal momento che ti stai collegando dall’, valuta se effettuare nuovamente l’accesso al sito , soggetto alle misure di intervento sul prodotto dell’. Pur rimanendo libero di navigare su queste pagine su tua esclusiva iniziativa, visualizzando il sito per il tuo paese potrai consultare le informazioni di regolamentazione pertinenti e le protezioni fornite dall’azienda scelta. Vuoi essere reindirizzato al sito ?