La settimana che ci aspetta: intervento della BCE dopo le pressioni legate al vaccino

Gli annunci sui tassi della Banca centrale europea e della Bank of Canada sono i grandi temi della settimana. Assisteremo a importanti variazioni di politica? Le vendite al dettaglio nel Regno Unito saranno a loro volta monitorate ora che il paese sta emergendo dal lockdown. A Wall Street la stagione delle trimestrali dominerà le notizie.

Le vaccinazioni mettono pressioni sulla BCE in previsione della conferenza stampa.

Nuovo mese, nuova conferenza stampa della BCE.

Anche a questo giro è improbabile che la Banca centrale europea metta mano alla politica monetaria questo mese.

È più probabile che l’attenziona sia rivolta ai piani futuri della banca centrale. La questione principale in relazione alla ripresa economica è l’andamento della campagna vaccinale nell’Unione europea. Questo è quanto emerge dai verbali dell’incontro della BCE dell’11 marzo ultimo scorso.

I verbali sottolineano che i membri del Consiglio direttivo della BCE ritengono che la crescita economica di breve periodo dipenderà dall’evoluzione della pandemia.

In particolare emerge che: “Si è parlato dei lenti progressi della campagna vaccinale rispetto ad altre parti del mondo”. “Sono stati sollevati interrogativi su quanto sia realistico che le misure di contenimento possano essere ridotte già nel secondo trimestre. La debolezza dell’attività potrebbe estendersi al secondo trimestre, se non oltre”.

La sensazione è che tassi di infezione da COVID-19 ancora alti in Europa, la diffusione di mutazioni del virus e lockdown prolungati pesino sulla ripresa dell’Unione. La crescita del PIL potrebbe risultare inferiore a quanto prospettato in precedenza per il prossimo trimestre.

Detto ciò, il tasso di riferimento probabilmente non aumenterà. Il mantenimento di un basso costo dei prestiti per le banche nell’UE è una priorità, dal momento che il recente aumento dei rendimenti obbligazionari non risulta irrilevante nell’equazione.

Il membro del consiglio direttivo e presidente della Banca centrale olandese Klaas Knot ha indicato di non voler assistere ad un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato, in quanto questo può comportare uno stringimento delle condizioni economiche nell’UE. Dopo il recente impegno della BCE ad aumentare il programma di acquisto di obbligazione, questo è ciò che si vuole evitare per quanto possibile.

Possibili cambiamenti di politica in previsione dell’annuncio dei tassi della Bank of Canada?

Anche la Bank of Canada si riunirà per definire i tassi questa settimana. Non si prevedono variazioni di rilievo per quanto concerne la politica dei tassi canadesi, ma potrebbero esserci dei piccoli cambiamenti.

Una cosa che è improbabile che cambi è il tasso di politica della BCE, che dovrebbe rimanere bloccato allo 0.25% fino al 2023 quando l’economia si sarà ripresa.

La Banca centrale canadese sta esplorando la possibilità di apportare modifiche alla struttura di politica, valutando aspetti come inflazione media target, PIL nominale target, livello di prezzo target e doppio mandato occupazione e inflazione target.

Il contesto è di una generale serenità dei consumatori e delle banche nonostante tassi di interesse storicamente bassi.

“Nel complesso l’inflazione non è diventata una forte preoccupazione per i canadesi e la pandemia non ha cambiato in modo significativo l’opinione dei consumatori per l’inflazione” ha comunicato la BOC nell’ultimo sondaggio trimestrale sulle aspettative dei consumatori pubblicato il 12 aprile.

Il Governatore Macklem ha indicato “I canadesi sono consapevoli che l’inflazione colpisce gli altri in modo diverso”. “Questo condiziona il nostro programma di ricerca. Stiamo lavorando con Statistics Canada per adottare misure di inflazione mirate per gruppi specifici. Tale decisione fa seguito al nostro dialogo con i canadesi”.

Sappiamo che la Banca centrale sta valutando l’opportunità di chiudere il programma di alleggerimento quantitativo, pertanto potremmo saperne di più in merito alla strategia che intende adottare la banca in occasione del prossimo annuncio sui tassi.

Vendite al dettaglio nel Regno Unito verso un marzo positivo

Il Regno Unito ha aperto i negozi non essenziali, quindi potremmo assistere ad un boom in occasione della pubblicazione delle statistiche di aprile. Le vendite al dettaglio mese su mese di marzo verranno pubblicate questa settimana e gli indicatori puntano a risultati positivi nonostante le condizioni difficili dettate dalla pandemia.

Il monitor mensile delle vendite di KMPG e del British Retail Consortium evidenziano infatti una crescita. Tali rapporti anticipano le statistiche mese su mese che verranno pubblicate questa settimana, ma forniscono già un’indicazione dello stato di salute del settore al dettaglio nel Regno Unito.

Per contestualizzare meglio i dati, l’IRC ha deciso di comparare i dati sulle vendite tra il 2019 e il 2021 a causa dell’anomalia causata dalla pandemia nel 2020.

Le vendite al dettaglio nel Regno Unito sono aumentate dell’8.4% in un raffronto omogeneo con il mese di marzo 2019, calando invece dell’1.1% rispetto all’anno precedente.

Nei primi tre mesi a marzo, su base biennale, le vendite alla pari (alimentare escluso) sono calate del 44.4% in totale del 44.0% in un raffronto omogeneo. Si tratta di un raffronto peggiore rispetto al calo medio totale del 2019 del 3.1%.

Per il mese di marzo, il raffronto omogeneo a due anni escludendo i negozi temporaneamente chiusi evidenzia un calo. Questo era prevedibile. Fino alla scorsa settimana i negozi non essenziali sono rimasti chiusi nel Regno Unito, quindi le vendite in punti vendita fisici sono state sostanzialmente a zero.

Le vendite online sono continuate ad aumentare rapidamente a marzo, nell’ultimo mese di lockdown 3.0. Il BRC indica che il 60% delle vendite sono avvenute online durante il mese. L’IMRG, che continua a confrontare i dati del 2021 con quelli del 2020, indica che a marzo le vendite online sono aumentate del 71.7% rispetto allo stesso periodo lo scorso anno.

Potremo vedere un raffronto mese su mese in occasione della pubblicazione dei dati di questa settimana.

Inizio della stagione delle trimestrali a Wall Street

Dopo l’inizio con le grandi banche la scorsa settimana, entriamo nel vivo della stagione delle trimestrali ora. Riceveremo questa settimana i risultati di diverse aziende large cap.

Potremo vedere con maggiore chiarezza quali aziende continuano a beneficiare della pandemia e quali hanno arrancato nelle attuali condizioni.

Tra le large cap di questa settimana troviamo Coca-Cola, Johnson and Johnson, Intel, Netflix, SAP e altre ancora. Di seguito un elenco delle large cap che pubblicheranno le trimestrali.

I principali dati economici

Date Time (GMT+1) Currency Event
Tue 20-Apr 11.45pm NZD CPI q/q
Wed 21-Apr 2.30am AUD Retail Sales m/m
7.00am GBP CPI y/y
1.30pm CAD CPI m/m
  3.00pm CAD BOC Monetary Policy Report
3.00pm CAD BOC Rate Statement
3.00pm CAD Overnight Rate
3.30pm USD Crude Oil Inventories
4.00pm CAD BOC Press Conference
Thu 22-Apr 12.45pm EUR Main Referencing Rate
12.45pm EUR Monetary Policy Statement
1.30pm EUR ECB Press Conference
1.30pm USD Unemployment Claims
3.30pm USD US Natural Gas Inventories
Fri 23-Apr 7.00am GBP Retail Sales y/y
8.15am EUR French Flash Services PMI
8.15am EUR French Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Manufacturing PMI
8.30am EUR German Flash Services PMI
9.00am EUR Flash Manufacturing PMI
  9.00am EUR Flash Services PMI
9.30am GBP Flash Manufacturing PMI
9.30am GBP Flash Services PMI

 

I principali rapporti sugli utili

Date Company Event
Mon 19-Apr Coca-Cola Q1 2021 Earnings
IBM Q1 2021 Earnings
Prologis Q1 2021 Earnings
United Airlines Q1 2021 Earnings
Tue 20-Apr Johnson & Johnson Q1 2021 Earnings
Proctor & Gamble Q3 2021 Earnings
Netflix Q1 2021 Earnings
Philip Morris Q1 2021 Earnings
Lockheed Martin Q1 2021 Earnings
Wed 21-Apr ASML Q1 2021 Earnings
NextEra Energy Q1 2021 Earnings
Anthem Inc. Q1 2021 Earnings
Canadian Pacific Railway Co. Q1 2021 Earnings
Ericsson Q1 2021 Earnings
Thu 22-Apr Intel Corp. Q1 2021 Earnings
AT&T Q1 2021 Earnings
Union Pacific Q1 2021 Earnings
Snap Inc. Q1 2021 Earnings
Blackstone Q1 2021 Earnings
LG Chem Q1 2021 Earnings
Volvo AB Q1 2021 Earnings
Fri 23-Apr Industrial & Commercial Bank of China Q1 2021 Earnings
Agricultural Bank of China Q1 2021 Earnings
Honeywell Q1 2021 Earnings
Bank of China Q1 2021 Earnings
PetroChina Q1 2021 Earnings
American Express Q1 2021 Earnings
Daimler Q1 2021 Earnings