La settimana che ci aspetta: Le grandi banche danno il via alla stagione degli utili negli Stati Uniti

Questa settimana inizia la stagione degli utili negli Stati Uniti. Le aziende a grande capitalizzazione comunicheranno i loro rapporti sugli utili relativi al secondo trimestre del 2021. Come sempre, questo offrirà delle interessantissime opportunità di trading per gli investitori, ma questo trimestre potrebbe davvero trasformarsi in una delle migliori stagioni dal punto di vista aziendale.

Il sentiment degli analisti suggerisce che è in arrivo un trimestre eccezionale per le aziende a grande capitalizzazione. Le previsioni di FactSet indicano una crescita del 61,9% per le aziende inserite nell’indice S&P 500. Un risultato del genere vorrà dire che l’indice avrà raggiunto il più alto tasso di crescita su base annua dal 2009.

Saranno le grandi banche a dominare l’inizio della stagione degli utili. JPMorgan Chase, Goldman Sachs, Wells Fargo e Citigroup sono tra gli istituti bancari a riferire nella prima settimana.

In questo trimestre la stagione degli utili assume una nuova importanza: essa servirà al mercato per valutare quali aziende sono pronte a uscire dalla fase pandemica dell’economia per tornare verso qualcosa di simile alle normali procedure operative, e per capire quali aziende hanno faticato di più.

Abbiamo preparato un calendario relativo alla stagione degli utili negli Stati Uniti con il dettaglio delle aziende a grande capitalizzazione che pubblicheranno i loro report sugli utili questo trimestre. Dai un’occhiata per vedere quali sono le aziende che stanno comunicando i loro report per tracciare le tue operazioni per la prossima stagione.

A parte gli utili, e passando ai dati, questa settimana verrà comunicato il risultato dell’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti di giugno.

I prezzi al consumo per i beni principali sono aumentati del 5% su base annua a maggio, con il tasso di crescita più rapido dall’agosto del 2008. Questo dato è stato superiore persino alle aspettative di Wall Street. L’inflazione di base, valore che non comprende i prezzi dei generi alimentari o dell’energia, è aumentata del 3,8%. Si tratta dell’aumento più vistoso da quasi trent’anni a questa parte.

I dati di maggio, compilati dal Bureau of Labor Statistics, hanno scatenato un dibattito sul fatto che la FED debba lasciare o meno che l’economia si surriscaldi. L’inflazione è uno degli strumenti di misura più importanti della Fed, perciò una lettura simile a giugno potrebbe richiedere un cambiamento di politica o un aumento dei tassi per raffreddare i bollori dell’economia post-lockdown.

Fitch ritiene che l’IPC continuerà ad aumentare fino al 2022. L’agenzia di rating ritiene che i problemi alla linea di approvvigionamento non si allevieranno in tempi brevi, e perciò continueranno a far salire i prezzi dei beni di consumo.

Le previsioni di Fitch prevedono un aumento annuo complessivo del 4,5% dell’inflazione di base degli IPC entro la fine del 2021, con il tasso di inflazione non di base al 4,1%. L’inflazione di fondo sarebbe poi destinata a scendere al 2,5% entro la metà del 2022.

Questa settimana osserveremo anche i dati più recenti sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. I mercati cercheranno di capire se il calo dell’1,3% delle vendite complessive e dello 0,7% delle vendite al dettaglio registrato a maggio sia stato uno scivolone temporaneo o se la tendenza continuerà anche a giugno.

Nonostante questi lievi cali mensili, le vendite al dettaglio sono aumentate del 28,1% su base annua.

Il calo può essere parzialmente spiegato con la tendenza dei consumatori, che hanno iniziato a distogliere l’attenzione su beni e prodotti finiti, rivolgendosi invece ad esperienze di viaggio. Con il ripristino quasi completo della libertà di movimento negli Stati Uniti, i consumatori preferiscono uscire, pianificare viaggi e spendere in servizi, piuttosto che svagarsi con del semplice shopping.

Un altro motivo può essere individuato nel calo del 3,4% degli incassi dei concessionari di automobili. La carenza globale di semiconduttori sta avendo un effetto negativo sulla consegna di nuovi veicoli. Di conseguenza, le vendite hanno iniziato a rallentare.

È interessante notare che le vendite al dettaglio di aprile sono state riviste al rialzo nella lettura di maggio. Invece di restare statiche, come si era pensato all’inizio, in realtà le vendite sono cresciute dello 0,8% su base mensile.

È prevista anche la nuova dichiarazione sui tassi della Banca del Canada. Il governatore Tiff Macklem ha confermato a giugno che il tasso overnight si è mantenuto stabile allo 0,25% e che non ci sarebbero stati cambiamenti del tasso sul breve periodo.

Macklem ha anche impegnato la Banca ad effettuare 3 miliardi di dollari canadesi in acquisti settimanali di titoli di stato canadesi, ma ha ribadito che il ritmo di tali acquisti si ridurrà con il progredire della ripresa economica.

Il Canada è stata una delle prime grandi economie ad iniziare a ridurre i suoi acquisti di obbligazioni ad aprile. Ciò nonostante, l’economia si è contratta nei mesi di aprile e maggio, e la crescita del PIL del primo trimestre del 5,6% non ha soddisfatto le aspettative, principalmente a causa dei lockdown dei mesi invernali.

Tuttavia, gli economisti della Banca del Canada sono fiduciosi che la ripresa aumenterà il ritmo nei prossimi mesi. Si prevede che i prezzi elevati delle materie prime e la crescita della domanda estera fungeranno da motore propulsivo per il futuro.

Nel comunicato del 14 luglio, è prevista una riduzione degli acquisti obbligazionari.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)  Asset  Event 
Tue 13-Jul  1.30pm  USD  CPI m/m 
  1.30pm  USD  Core CPI m/m 
       
Wed 14-Jul  3.00am  NZD  RBNZ Rate Statement 
  3.00am  NZD  Cash Rate 
  1.30pm  USD  PPI m/m 
  1.30pm  USD  Core PPI m/m 
  3.00pm  CAD  BOC Monetary Policy 
  3.00pm  CAD  BOC Rate Statement 
  3.00pm  CAD  Overnight Rate 
  3.30pm  OIL  Crude Oil Inventories 
  Tentative  CAD  BOC Press Conference 
       
Thu 15-Jul  2.30am  AUD  Employment Change 
  2.30am  AUD  Employment Rate 
  3.00am  CNH  GDP q/y 
  1.30pm  USD  Philly Fed Manufacturing Index 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
  3.30pm  GAS  US Natural Gas Inventories 
  11.45pm  NZD  CPI q/q 
       
Fri 16-Jul  1.30pm  USD  Retail sales m/m 
  1.30pm  USD  Core retail sales m/m 

 

I principali rapporti sugli utili

Tue 13 Jul  Wed 14 Jul  Thu 15 Jul 
JPMorgan Chase & Co   Bank of America Corp    
     
Goldman Sachs Group Inc   Citigroup Inc   Morgan Stanley  
     
PepsiCo Inc      
     
Wells Fargo & Co