La settimana che ci aspetta: Tutti gli occhi puntati su Jackson Hole

Il simposio di Jackson Hole è il grande evento di questa settimana.

Questo raduno annuale dei principali responsabili politici, promotori e agitatori finanziari statunitensi e internazionali è stato a lungo utilizzato per interrompere i principali cambiamenti politici. I mercati prevedono che il presidente della Fed Jerome Powell utilizzerà l’incontro di quest’anno per annunciare cambiamenti delle politiche di Quantitative Easing e dei pacchetti di stimolo.

Powell potrebbe utilizzare il simposio per annunciare la cancellazione dell’attuale programma di acquisto di obbligazioni. La Fed ha ventilato questa possibilità nei suoi incontri di luglio, e ci sono state molte voci sul fatto che sia in arrivo un ritiro dal programma, ma per il momento trader e investitori devono ancora ricevere il via libera ufficiale.

Al momento, la Fed sta ancora acquistando 120 miliardi di USD in asset a reddito fisso ogni mese. 80 miliardi provengono da titoli del Tesoro, mentre i restanti 40 miliardi da titoli garantiti da ipoteca. Tutto ciò faceva parte del pacchetto di idee per aiutare a sostenere l’economia statunitense devastata dal COVID.

Gli operatori obbligazionari e i mercati valutari in particolare osserveranno con interesse l’incontro di giovedì. La chiarezza sul corso dell’economia e le idee di indirizzo per superare questo momento dominato dalla variante Delta serviranno per placare le loro paure. Ora dipende da Powell.

Dall’inizio dell’anno, l’economia ha accelerato rapidamente, anche se la crescita del PIL dell’ultimo trimestre non ha soddisfatto le aspettative. Ma rapidi aumenti possono determinare nuove sfide, che in questo caso hanno la forma dell’inflazione. Anche l’IPC e il IPP continuano a crescere a tassi record e, sebbene Powell si sia accontentato di lasciare che l’economia si surriscaldasse, ora farebbe meglio a indossare delle presine da forno, per evitare che siano le sue dita a bruciarsi.

Parlando di inflazione, sono in arrivo ulteriori dati sull’impatto che sta avendo con i dati che verranno pubblicati venerdì relativi alle cifre dell’indice della spesa per consumi personali, l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Fed.

La crescita di questo indice è stata dello 0,4% a luglio, al di sotto dello 0,6% previsto, ma in aumento del 3,5% su base annua. Visto che è cresciuto rapidamente negli ultimi due mesi, senza dubbio Powell e compagnia terranno d’occhio il rilascio dei dati di venerdì.

Ulteriori indicatori della salute economica sono in dai nuovi dati degli indici PMI di lunedì mattina. Riceveremo quindi aggiornamenti con giudizi sulla produzione aziendale americana, nonché approfondimenti di IHS Markit sull’attività britannica ed europea.

Lunedì verranno pubblicate le letture PMI flash degli Stati Uniti relative alla produttività del settore manifatturiero e dei servizi. Ci sarà molto da esaminare quando questi dati verranno resi noti, in particolare perché le cifre di luglio indicano una crescita solida ma lenta dell’attività commerciale americana.

Sia il settore dei servizi che quello manifatturiero continuano a risentire della doppia morsa dell’inflazione e del COVID-19. La produzione industriale ha causato un calo dell’indice manifatturiero dalla quota di 63,7 punti di giugno ai 59,7 di luglio (il minimo da quattro mesi), mentre anche il settore dei servizi è sceso da 64,6 a 59,8 punti.

L’aumento dei costi diretti di produzione, la carenza di personale e l’impennata dei prezzi delle materie prime stanno limitando la crescita. Intendiamoci: una lettura superiore a 50 indica una crescita, tuttavia sembra che si stia verificando un rallentamento della produttività americana.

Lo stesso si può dire del Regno Unito, secondo i suoi dati PMI. Le letture di agosto dell’indice saranno pubblicate lunedì mattina, ma abbiamo già osservato che a frenare la produzione ci sono stati colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento e un basso numero di occupati.

Il punteggio dell’indice PMI dei servizi per il mese di luglio nel Regno Unito, stilato IHS Markit, è stato di 59,6 punti: un calo piuttosto significativo rispetto ai 62,4 punti registrati di giugno. Il settore manifatturiero ha mostrato un calo simile, attestandosi a 59,2 punti rispetto ai 62,2 della lettura precedente.

“Sempre più aziende stanno sperimentando limitazioni alla crescita dovute alla carenza di offerta di manodopera e materiali, mentre sul versante della domanda abbiamo già assistito alla fase di picco di spesa dei consumatori fino ad ora repressa”, ha affermato il direttore economico di IHS Markit, Tim Moore.

Al contrario, la produttività dell’Unione Europea ha mostrato un’impennata a luglio. L’indice composito finale dei responsabili degli acquisti di IHS Markit ha raggiunto 60,2 punti a luglio, il livello più alto da giugno 2006, indicando risultati solidi sia nel settore dei servizi che in quello manifatturiero.

Tuttavia, per sostenere tutto questo, l’UE dovrà stare attenta a evitare gli ostacoli della logistica e del mercato del lavoro che hanno già colpito il Regno Unito e gli Stati Uniti. È improbabile che ciò avvenga, quindi è lecito aspettarsi una lettura più bassa ad agosto.

I principali dati economici

Date  Time (GMT+1)   Asset  Event 
Mon 23-Aug  8.15am  EUR  French Flash Manufacturing PMI 
  8.15am  EUR  French Flash Services PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Manufacturing PMI 
  8.30am  EUR  German Flash Services PMI 
  9.00am  EUR  Flash Manufacturing PMI 
  9.00am  EUR  Flash Services PMI 
  9.30am  GBP  Flash Manufacturing PMI 
  9.30am  GBP  Flash Services PMI 
  2.45pm  USD  Flash Manufacturing PMI 
  2.45pm  USD  Flash Services PMI 
       
Wed 24-Aug  3.30pm  OIL  US Crude Oil Inventories 
       
Thu 25-Aug  ALL DAY  USD  Jackson Hole Symposium 
  1.30pm  USD  Preliminary GDP q/q 
  1.30pm  USD  Unemployment Claims 
       
Fri 26-Aug  ALL DAY  USD  Jackson Hole Symposium 
  1.30pm  USD  Core PCE Price Index m/m